Homepage

Quesiti Operativi Quesiti Operativi

Clausole eccessivamente elastiche nel part-time

23 Aprile 2018 | di Teresa Zappia

Part-time

L'inserimento di una clausola elastica, dalla quale non sia possibile determinare con precisione le condizioni per un diverso collocamento temporale della prestazione, è valida anche se concordata con il lavoratore?

Leggi dopo
News News

Politiche attive del lavoro: in GU il Decreto

20 Aprile 2018 | di La Redazione

Ministero del Lavoro, Comunicato, GU_Serie Generale, n. 91.pdf

Agenzia per il lavoro – ANPAL

In GU si è reso noto che è stato pubblicato sul sito istituzionale del Ministero del Lavoro il Decreto n. 4 dell’11 gennaio 2018, contenente le Linee di indirizzo triennali dell’azione in materia di politiche attive.

Leggi dopo
News News

Assegnazione a mansione superiore: sì all’indennità di posizione anche senza l’incarico

20 Aprile 2018 | di La Redazione

Cass. sez. lav.,

Retribuzione

La mancanza del provvedimento di assegnazione alla mansione superiore non impedisce al lavoratore di percepire l’intero trattamento economico corrispondente ai compiti svolti, ivi compresa l’indennità di posizione organizzativa.

Leggi dopo
Focus Focus

Jobs Act e modelli organizzativi aziendali: tra domicilio informatico e controlli a distanza

19 Aprile 2018 | di Nicola Antonio Nicoletti

Jobs act

L’approvazione, nel settembre 2016, dei Decreti attuativi del Jobs Act ha modificato in modo sostanziale il sistema dei controlli a distanza disciplinato dalla originaria formulazione dall’art. 4 dello Statuto dei Lavoratori. Il fenomeno sempre più attuale del Cyber Crime coinvolge soprattutto piccole e medie imprese. Tra gli autori degli “attacchi informatici”, oltre agli hacker, spesso vi sono anche gli stessi lavoratori che, venendo meno al vincolo fiduciario posto alla base del rapporto lavorativo, in alcuni casi possono essere legittimamente licenziati. Infatti, il datore, valutata la gravità della condotta, attraverso la preventiva comunicazione di regole sulle modalità di esecuzione della prestazione lavorativa e di fruizione degli strumenti di lavoro, adotterà gli adeguati provvedimenti.

Leggi dopo
Quesiti Operativi Quesiti Operativi

Indicazione causale della somministrazione

19 Aprile 2018 | di Teresa Zappia

Somministrazione di lavoro

Ai fini di una valida somministrazione a tempo determinato, è possibile e sufficiente indicare nel contratto l'esigenza di una maggiore manodopera per incremento dell'attività in un certo periodo non sostenibile con il normale organico?

Leggi dopo
News News

Dall’INL indicazioni per la verifica della regolarità dei tirocini

19 Aprile 2018 | di La Redazione

INL, Circolare 18 aprile 2018, n. 8.pdf

Stage

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con la Circolare n. 8/2018, ha fornito al personale ispettivo le indicazioni operative per verificare la legittimità e la regolarità dei tirocini extracurriculari.

Leggi dopo
Schede CCNL Schede CCNL

Enti e istituzioni private - Case di cura non medici - Fondazione Don Gnocchi

18 Aprile 2018

La Scheda sintetizza gli elementi principali del CCNL applicabile ai dipendenti del settore, illustrando l’inquadramento del lavoratore, gli aspetti retributivi, la disciplina del rapporto di lavoro e la previdenza, nonché le materie demandate alla contrattazione di secondo livello.

Leggi dopo
Casi e sentenze di merito Casi e sentenze di merito

L'autonomia della clausola compromissoria ne esclude l'ultrattività in ordine ai rapporti derivanti da contratti successivi

18 Aprile 2018 | di Daniela Fargnoli

Tribunale Taranto

Contratto di lavoro

La clausola compromissoria, apposta ad un contratto, è inidonea ad attribuire agli arbitri la cognizione sulle obbligazioni originate dal contratto di transazione, con il quale il primo sia stato consensualmente risolto e siano stati diversamente regolati i rapporti fra le parti ...

Leggi dopo
La Bussola LA BUSSOLA

Retribuzione di produttività

17 Aprile 2018 | di Gianluca Natalucci

La detassazione del lavoro straordinario e dei premi di produttività dei lavoratori dipendenti del settore privato, consiste nell’applicazione di un’imposta sostitutiva IRPEF e delle relative addizionali regionale e comunale, pari al 10%. E’ stata introdotta in via sperimentale dal D.L. n. 93/2008 e successivi provvedimenti legislativi ne hanno prorogato l’estensione e la portata, fino all’ultima proroga disposta dall’art. 1, co. 481, Legge 24 dicembre 2012, n. 228. La retribuzione di produttività individualmente riconosciuta che può beneficiare dell’imposta sostitutiva, non può essere, per l’anno 2013, complessivamente superiore ad euro 2.500 lordi ed a condizione che il reddito da lavoro dipendente nell’anno 2012 non sia stato superiore ad euro 40.000. Per l’anno 2014, le somme detassate sono elevate ad euro 3 mila. Nel 2015 vi è stato uno stop alla misura agevolativa, mentre per il 2016 (agevolazione ripristinata dalla Legge di Stabilità) il limite della retribuzione passa a 2.000 euro lordi con possibilità di elevarsi a 2.500 euro per le aziende che coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro. La Legge di Bilancio 2017 (art.1, commi 160-162, Legge n. 232 dell’11 dicembre 2016) regolamenta ulteriori benefit da inserire nei piani di welfare aziendale e amplia il campo di azione della parziale detassazione dei premi di risultato. In particolare, viene elevato a € 3.000 l’importo massimo sui quali applicare l’agevolazione fiscale (imposta sostitutiva o esenzione se convertita in benefits) ed a € 4.000 per le aziende che coinvolgono pariteticamente i lavoratori nelle decisioni.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Interposizione di manodopera: le somme dovute dall'effettivo datore di lavoro che non riammetta il lavoratore in servizio hanno natura retributiva

17 Aprile 2018 | di Luigi Di Paola

Cass., Sez. Un.,

Appalto

In tema di interposizione di manodopera, ove ne venga accertata l’illegittimità e dichiarata l’esistenza di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, l’omesso ripristino del rapporto lavorativo ad opera del committente determina per quest’ultimo l’obbligo di corrispondere le retribuzioni a decorrere dalla messa in mora, salvo gli effetti dell’art. 29, co. 3-bis, D.Lgs. n. 276/2003.

Leggi dopo

Pagine