Casi e sentenze di merito

Non è giustificato il licenziamento per superamento del periodo di comporto se la malattia è imputabile a responsabilità del datore di lavoro

28 Febbraio 2019 |

Tribunale Trieste, sez. lav.

Malattia
 

In tema di licenziamento per superamento del periodo di comporto, le assenze del lavoratore per malattia non giustificano il recesso del datore di lavoro ove l'infermità dipenda dalla nocività delle mansioni o dell'ambiente di lavoro che lo stesso datore di lavoro abbia omesso di prevenire o eliminare in violazione dell'obbligo di sicurezza (art. 2087, c.c.) o di specifiche norme. Peraltro, incombe sul lavoratore l'onere di provare il collegamento causale tra la malattia che ha determinato l'assenza e le mansioni espletate in mancanza del quale deve ritenersi legittimo il licenziamento.

Leggi dopo