Giurisprudenza commentata

Conseguenze della nullità del contratto a chiamata

05 Settembre 2017 |

Trib. Milano, sez. lav.,

Job on call

Sommario

Massime | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni | Guida all'approfondimento |

 

L’art. 14 D.Lgs. n. 81/15 fa espresso divieto di concludere contratti di lavoro intermittente per i datori di lavoro che non abbiano provveduto alla valutazione dei rischi, con la conseguenza che, ove il datore non vi abbia ottemperato, il contratto concluso dovrà ritenersi nullo per contrarietà a norme imperative: sanzione per la nullità del contratto di lavoro intermittente è la conversione in ordinario rapporto di lavoro subordinato.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >