Focus

Il contenzioso degli ex specializzandi in medicina

15 Marzo 2018 |

CGUE,
Cass. sez. lav.,

Retribuzione

Sommario

La Direttiva n. 82/76/CEE e il diritto ad una adeguata remunerazione per gli specializzandi in medicina | L'attuazione della legislazione comunitaria nell'ordinamento italiano | La giurisprudenza della Corte di Giustizia Europea | La prescrizione del diritto in caso di mancato o tardivo recepimento della direttiva comunitaria | Il risarcimento del danno per gli specializzandi 1982-1991 | La rideterminazione della borsa di studio percepita dagli specializzandi 1994-2006 e il diritto al risarcimento del danno da inadempimento dell'obbligo di recepimento della Direttiva n. 93/16/CEE | Il contratto di formazione-lavoro specialistica disciplinato dai DPCM del 2007 | La proposta di rimborsi forfettari nel D.D.L. n. 2400 | Conclusione |

 

Ai medici in formazione specialistica è stata riconosciuta - a livello europeo - una situazione giuridica soggettiva perfetta, ma dal punto di vista interno, sono state eluse le norme del Trattato UE che impongono agli Stati membri di garantire l’effettività delle situazioni giuridiche riconosciute dal diritto comunitario, nonché le norme direttamente introdotte per i medici specializzandi dalle direttive n.75/362/CEE, n.75/363/CEE, n.82/76/CEE, n.93/16/CEE, n.98/21/CE, n.98/63/CE e n.2001/19/CE. Sul tema si sono pronunciate di recente sia la Corte di giustizia che la Cassazione.

Leggi dopo