Focus

Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, il c.d. "licenziamento economico"

Sommario

Premessa | Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo per gli assunti prima del 7 marzo 2015 | Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo per gli assunti successivamente al 7 marzo 2015 | L'obbligo di repechage |

 

Con la riforma della disciplina sui licenziamenti, implementata in due fasi dalla Riforma Fornero e dal Jobs Act, è stata posta in essere una vera e propria “rivoluzione culturale” (prima ancora che giuridica) del diritto del lavoro italiano. È stato, fondatamente, sostenuto che il nuovo assetto rimediale permette al datore di lavoro di “prevedere” in anticipo quale sia il costo del recesso “illegittimo”. Nell’articolo l’Autore prende in esame sia il licenziamento per giustificato motivo oggettivo sia per gli assunti prima del 7 marzo 2015 che per quelli assunti successivamente al 7 marzo 2015, senza tralasciare l’obbligo del repechage.

Leggi dopo