Focus

L’incentivazione alla prosecuzione del rapporto di lavoro fino a settant’anni dopo la sentenza della Cassazione a Sezioni Unite

Sommario

Abstract | Finalità dell’art. 24, comma 4, d.l. n. 201/2011 | Ambito soggettivo di applicazione della norma | Modalità di esercizio | Qualificazione giuridica e conseguenze: le novità di Cass. SS.UU. n. 17589/2015 | In conclusione | Guida all’approfondimento |

 

L’art. 24,comma 4, d.l. n. 201/2011, conv. in l. n. 214/2011 incentiva i lavoratori a prestare la propria attività fino al compimento dei settanta anni di età. Tale disposizione è al centro di un vivace dibattito dottrinale e di un elevato contenzioso giurisprudenziale in quanto solleva numerosi interrogativi sulle finalità degli incentivi, l’ambito di applicazione soggettivo e le modalità di esercizio, nonché sulle tutele in caso di licenziamento, comportando notevoli ripercussioni non solo sul sistema previdenziale, ma anche sulla corretta gestione dei rapporti di lavoro.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >