Giurisprudenza commentata

Licenziamento per giustificato motivo oggettivo: individuazione dei criteri di scelta e tutela applicabile

11 Settembre 2018 |

Cass., sez. lav.

Licenziamento economico

Sommario

Massima | Il caso | Le questioni | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni |

 

In tema di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, ravvisato nella soppressione di un posto di lavoro in presenza di più posizioni fungibili perché occupate da lavoratori con professionalità sostanzialmente omogenee, il datore di lavoro deve individuare il soggetto da licenziare secondo i principi di correttezza e buona fede e, in questo contesto la l. n. 223 del 1991, art. 5, offre uno "standard" idoneo ad assicurare una scelta conforme a tale canone. La violazione di tali criteri comporta la tutela indennitaria di cui all'art. 18 comma 5, St. lav. (minimo 12, massimo 24 mensilità).

Leggi dopo