Giurisprudenza commentata

L'illecito disciplinare non è previamente constestato? Il fatto si considera insussistente

18 Febbraio 2019 |

Tribunale Bari, sez. lav.

Contestazioni disciplinari

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Soluzioni | Osservazioni | Per approfondire |

 

Il mancato avvio della procedura disciplinare per difetto della previa contestazione dell'illecito addebitato al lavoratore determina l'annullamento del licenziamento e la condanna della parte datoriale alla reintegrazione nel posto di lavoro, con i connessi obblighi risarcitori e contributivi, in applicazione dell'art. 18, comma 4, st. lav., modif. ex art. 1, comma 42, l. n. 92 del 2012. La tutela reale è giustificata dall'equiparabilità dell'ipotesi in cui un fatto contestato non sia individuabile e quella dell'accertata insussistenza dello stesso.

Leggi dopo