Giurisprudenza commentata

Tempi di spostamento e orario in assenza di un luogo di lavoro abituale

19 Febbraio 2016 |

Corte di Giustizia

Orario di lavoro

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni |

 

L’art. 2, punto 1, Direttiva 2003/88/CE deve essere interpretato nel senso che, in circostanze nelle quali i lavoratori non hanno un luogo di lavoro fisso o abituale, costituisce «orario di lavoro» il tempo di spostamento che tali lavoratori impiegano per gli spostamenti quotidiani tra il loro domicilio ed i luoghi in cui si trovano il primo e l’ultimo cliente indicati dal loro datore di lavoro.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >