News

Al licenziamento individuale per g.m.o. sono applicabili i criteri di scelta dei licenziamenti collettivi

 

Anche nei licenziamenti individuali per g.m.o. deve farsi riferimento ai criteri di scelta di cui alla L. n. 223 del 1991. La Corte di Cassazione ha infatti ritenuto che possa farsi riferimento, pur nella diversità dei rispettivi regimi, ai criteri che l'art. 5, ha dettato per i licenziamenti collettivi per l'ipotesi in cui l'accordo sindacale non abbia indicato criteri di scelta diversi e, conseguentemente, prendere in considerazione in via analogica i criteri dei carichi di famiglia e dell'anzianità (non assumendo, invece, rilievo le esigenze tecnico - produttive e organizzative data la situazione di totale fungibilità tra i dipendenti). In analoga prospettiva la Corte ha puntualizzato che il ricorso a detti criteri resta giustificato non tanto sul piano dell'analogia quanto piuttosto per costituire i criteri di scelta previsti dal predetto art. 5, L. n. 223 del 1991, uno standard particolarmente idoneo a consentire al datore di lavoro di esercitare il suo unilaterale potere selettivo coerentemente con gli interessi del lavoratore e con quello aziendale (cfr. Cass. n. 6667 del 2002 e giurisprudenza ivi citata in motivazione).

Leggi dopo