News

Cambio di residenza non comunicato all’azienda: valida la lettera di licenziamento inviata al vecchio indirizzo

 

In tema di procedimento disciplinare e comunicazione degli addebiti, nonché del conclusivo licenziamento, laddove le lettere raccomandate non vengano consegnate al lavoratore per assenza sua e delle altre persone abilitate a riceverle presso il domicilio dichiarato al datore di lavoro, la comunicazione si presume conosciuta alla data in cui viene rilasciato l'avviso di giacenza del plico presso l’ufficio postale.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >