News

Da annullare per incapacità di intendere e volere le dimissioni rassegnate dal lavoratore in un momento di forte stress

27 Novembre 2018 |

Cass., sez. lav.,

Dimissioni
 

Ai fini della sussistenza di una situazione di incapacità di intendere e di volere (quale prevista dall'art. 428, c.c.) costituente causa di annullamento del negozio, non occorre la totale privazione delle facoltà intellettive e volitive, essendo sufficiente un turbamento psichico tale da impedire la formazione di una volontà cosciente, facendo così venire meno la capacità di autodeterminazione del soggetto e la consapevolezza in ordine all'importanza dell'atto che sta per compiere...

Leggi dopo