News

Le buste paga costituiscono valide prove del credito retributivo se munite di firma, sigla o timbro

 

Con riferimento al credito retributivo insinuato dal lavoratore allo stato passivo fallimentare, in base ai principi in materia di efficacia probatoria delle buste paga rilasciate dal datore di lavoro, esse sono pienamente valide ove munite, alternativamente, della firma, della sigla o del suo timbro.

Leggi dopo