News

Ulteriori misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica: il decreto "chiudi Italia"

23 Marzo 2020 | Giuffrè Francis Lefebvre

Il d.P.C.m. annunciato dal Presidente Conte nella serata di sabato, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 marzo 2020, n. 76.

 

Come era stato anticipato il decreto prevede la sospensione di tutte le attività produttive e industriali sull’intero territorio nazionale, salvo alcune eccezioni. Le attività professionali invece non sono state sospese e restano ferme le previsioni di cui all'art. 1, punto 7, d.P.C.m. 11 marzo 2020. Le attività produttive che sarebbero sospese possono comunque proseguire se organizzate in modalità a distanza o lavoro agile e restano consentite le attività che erogano servizi di pubblica utilità e servizi essenziali.

 

E’ inoltre previsto il divieto per tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello in cui si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute.

 

Le disposizioni sono efficaci da oggi, 23 marzo 2020, fino al 3 aprile 2020.

 
Leggi dopo