Quesiti Operativi

Il nesso tra le mansioni svolte e le patologie professionali

Ai fini dell'indennizzoind per le patologie riconducibili allo svolgimento della prestazione lavorativa è sufficiente che il dipendente indichi le mansioni collegate alla propria qualifica?

 

Il lavoratore-ricorrente ha l'onere di provare gli elementi costitutivi del diritto fatto valere in giudizio, ex art. 2697, c.c.

 

Nel caso di specie, essendo la domanda diretta al riconoscimento dell'indennizzo per patologia professionale, dovrà essere dimostrata la riconducibilità dell'infermità lamentata alle concrete modalità di svolgimento delle mansioni inerenti alla qualifica posseduta.

 

La mutabilità, de facto, delle stesse, in ragione di molteplici variabili quali la localizzazione geografica e la turnazione, ne esclude la configurabilità come fatto notorio non necessario da provare.

 

L'onere suddetto non viene meno nel caso in cui difetti una espressa contestazione delle modalità della prestazione lavorativa, non previamente precisate.

 

Qualora la patologia risulti essere connotata da una eziologia multifattoriale, e salvo l'esistenza di un rischio specifico, si richiede una dimostrazione del nesso di causalità, quantomeno in termini di probabilità, strettamente legata a situazioni di fatto specifiche, essendo insufficienti mere presunzioni in astratto.

 

Cfr. Cass., sez. VI, 3 gennaio 2019, n. 61

 

Leggi dopo