Bussola

Ferie e riposi

24 Febbraio 2016 |

Sommario

Inquadramento | Il calcolo delle ferie | Periodo di fruizione | Concomitanza con altri istituti | Retribuzione | Ferie non godute | Riposi | Riferimenti |

 

Le ferie, ai sensi degli artt. 36 co. 3 Cost., 2109 c.c., e dell’art. 10 D.Lgs. 66/2003, sono il diritto irrinunciabile spettante, durante il periodo annuale, ad ogni lavoratore dipendente, dietro retribuzione nel suo intero salario giornaliero, all’astensione dalle proprie prestazioni lavorative. È nullo ogni diverso accordo, tra datore di lavoro e prestatore di lavoro, che non sia giustificato da eccezionali esigenze aziendali. ll D.Lgs. n. 66/2003 stabilisce che il godimento effettivo delle ferie non può mai essere sostituito dal pagamento della c.d. indennità sostitutiva per ferie non godute.  Il godimento delle ferie deve essere concesso nel rispetto di quanto previsto dall’art. 2109 del codice civile, che qualifica le ferie come un periodo possibilmente continuativo che deve essere goduto tenuto conto delle esigenze dell’impresa e degli interessi del lavoratore.  I periodi feriali, nel nostro ordinamento, sono stati oggetto di interventi importanti, sia per tutelare il lavoratore nel ripristinare le energie psicofisiche spese nella prestazione lavorativa e/o nel partecipare alla vita familiare e sociale, sia per il datore di lavoro che ha interesse verso il dipendente affinché il suo successivo apporto all’impresa sia proficuo di risultati (C. Cost. 30 dicembre 1987, n. ...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento