Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito su Lavoro pubblico

Licenziamento illegittimo del dirigente e diritto alla riassegnazione dell'incarico

18 Febbraio 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale Taranto, sez. lav., ord.

Lavoro pubblico

La Suprema Corte ha rimarcato che il dirigente illegittimamente rimosso va reintegrato nell'incarico per il tempo residuo di durata, addirittura senza che nemmeno rilevi l'eventuale indisponibilità del posto a seguito di riforma organizzativa dell'amministrazione sopravvenuta nelle more, dovendosi invero disapplicare gli atti di gestione del rapporto di lavoro determinativi della revoca dell'incarico dirigenziale...

Leggi dopo

Normativa applicabile al rapporto di lavoro dirigenziale negli enti locali

18 Febbraio 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale Taranto, sez. lav.

Lavoro pubblico

In materia di pubblico impiego, al rapporto di lavoro dei dirigenti assunti dagli enti locali con contratto a tempo determinato si applicano - in forza del richiamo di cui all'art. 110 del testo unico degli enti locali e tenuto conto del divieto di trattamento differenziato del lavoratore a termine che non sia giustificato da obbiettive ragioni, di cui alla clausola 4 dell'accordo quadro sul lavoro a tempo determinato, attuato con la direttiva 28 giugno 1999/70/CE - le garanzie previste, in favore dei dirigenti a tempo indeterminato, dalla contrattazione collettiva e dal d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165...

Leggi dopo

Applicabilità della disciplina delle procedure di assunzione di personale nelle società in house alla luce del principio “tempus regit actum”

11 Febbraio 2019 | di Sabrina Apa

Corte conti, sez. I giur. centr. app.

Lavoro pubblico

Le Sezioni Unite della Cassazione hanno avuto modo di qualificare le società in house come articolazioni della pubblica amministrazione da cui promanano e non soggetti giuridici ad essa esterni o da essa autonomi, ma hanno altresì avuto cura di precisare che siffatta affermazione debba essere intesa ai limitati fini del riparto di giurisdizione. Inoltre, la stessa giurisprudenza giuslavoristica ha ripetutamente affermato che l'oggetto pubblico e le finalità pubbliche dell'attività esercitata mediante società di diritto privato a partecipazione pubblica (in house o meno) non fa mutare la natura giuridica privata della società per quanto attiene alla qualificazione dei rapporti di lavoro dalla stessa intrattenuti che è di diritto privato e alla conseguente disciplina previdenziale, assumendo rilievo nell'ordinamento nazionale comunitario solo riguardo al mercato ed alla tutela della concorrenza...

Leggi dopo

Criteri per il reclutamento del personale e per il conferimento di incarichi nelle società che gestiscono servizi pubblici a totale partecipazione pubblica

11 Febbraio 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale Roma, sez. lav.

Lavoro pubblico

Il legislatore ha esteso espressamente alle società che gestiscono servizi pubblici a totale partecipazione pubblica (anche se non specificamente qualificabili come società “in house”) la necessaria applicazione, nel reclutamento del personale e nel conferimento di incarichi, dei medesimi criteri a cui sono soggette le pubbliche amministrazioni; le società interessate, quindi, sono tenute ad adottare provvedimenti con cui si autovincolano a rispettare i detti criteri generali che presiedono alla scelta del personale da parte delle amministrazioni soggette alla disciplina di cui al d.lgs. n. 165 del 2001...

Leggi dopo

Valutazione della riabilitazione ai fini dell'accesso all'impiego pubblico

14 Gennaio 2019 | di Sabrina Apa

Lavoro pubblico

La Corte costituzionale, in materia di valutazione della riabilitazione ai fini dell'accesso all'impiego pubblico, ha affermato che: “È irragionevole […] e contrastante con la finalità di reinserimento del condannato nella vita sociale […] considerare irrilevante l'intervenuta riabilitazione, precludendo all'amministrazione la valutazione di tale evenienza, in tutti i suoi elementi, con riferimento particolare alla qualifica ed alle mansioni da espletare”…

Leggi dopo

Parametri di valutazione della prestazione dell'avvocato dipendente da enti pubblici

26 Settembre 2018 | di Sabrina Apa

Tribunale Chieti, sez. lav.

Lavoro pubblico

Gli avvocati, dipendenti da enti pubblici, nell’esercizio delle funzioni di rappresentanza e difesa giudiziale e stragiudiziale dell’amministrazione, in attuazione del mandato in tal senso ricevuto, sono dei professionisti i quali non possono essere costretti ad un’osservanza rigida e rigorosa dell’orario di lavoro alla stessa stregua degli altri dipendenti, senza tenere conto della peculiarità dell’attività da loro svolta.

Leggi dopo

Collocamento a riposo nel pubblico impiego contrattualizzato e diritto al preavviso

17 Agosto 2018 | di Sabrina Apa

Lavoro pubblico

In tema di collocamento a riposo d'ufficio nel lavoro pubblico contrattualizzato, qualora il dipendente, alla data del 31 dicembre 2011, abbia maturato i requisiti dei 65 anni d'età ovvero di 40 anni di contribuzione ovvero, ancora, abbia raggiunto “quota 96” ai sensi dell'art. 1, comma 6, lett. c), l. 23 agosto 2004, n. 243, come novellato dalla l. 24 dicembre 2007, n. 247, trova applicazione il regime pensionistico previgente alla riforma...

Leggi dopo

Procedimento disciplinare nel pubblico impiego e delega di funzioni

03 Agosto 2018 | di Sabrina Apa

Corte appello L'Aquila, sez. lav.

Lavoro pubblico

L'art. 30, d.lgs. n. 267 del 2000, consente la delega di funzioni e, sulla base di questa, la gestione in forma associata delle funzioni dell'ufficio competente per i procedimenti disciplinari, ma nel far ciò non preclude affatto all'ente delegante di procedere a quelle attività di natura preparatoria...

Leggi dopo

Graduatorie docenti: tra divieto di inserimento ex novo e possibilità di reinserimento

16 Maggio 2018 | di Sabrina Apa

Tribunale Cassino

Lavoro pubblico

La legge finanziaria 2007 - con l’art.1, comma 605 - ha regolato una fattispecie (quella dei nuovi ingressi) non sovrapponibile a quella del reinserimento di chi nella graduatoria era già presente da tempo.

Leggi dopo

Comparto scuola: il diverso trattamento del personale di ruolo e non di ruolo non può dirsi motivato sulle ragioni oggettive

10 Aprile 2018 | di Daniela Fargnoli

Tribunale Trani

Lavoro pubblico

In applicazione del principio, immediatamente esecutivo, di non discriminazione di cui alla clausola 4 p.to 1 dell'Accordo quadro sul rapporto a tempo determinato recepito dalla direttiva 99/70/CE, deve escludersi che il diverso trattamento del personale di ruolo e non di ruolo del comparto scuola ...

Leggi dopo

Pagine