Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito su Lavoro a tempo determinato

Efficacia della proroga del contratto a termine

25 Settembre 2020 | di Sabrina Apa

Tribunale Milano

Lavoro a tempo determinato

In tema di contratti a termine, per il Tribunale di Milano (sez. lav., 22 giugno 2020, n. 797), non rileva il momento della stipula della proroga ma quello in cui la stessa “produce i suoi effetti”. Di conseguenza, aderendo alla tesi del foro lombardo, un contratto in scadenza oltre il 31 dicembre 2020 non può essere prorogato senza causale ex art. 8 d.l. agosto (anche stipulando la proroga prima di detta data).

Leggi dopo

La disciplina della proroga del contratto a termine alla luce del cd. decreto Dignità

27 Luglio 2020 | di Sabrina Apa

Tribunale Milano

Lavoro a tempo determinato

Con la disciplina del 2018 (d.l. n. 87 del 2018, c.d. decreto Dignità) si è realizzato un compromesso, volto a contenere il ricorso al contratto a termine a-causale, ovvero: 1. il contratto a termine di durata continuativa non superiore a 12 mesi, resta a-causale e, quindi, può essere sottoscritto senza che sia necessario esplicitare una ragione giustificativa del termine; 2) il contratto a termine di durata continuativa superiore a 12 mesi, richiede una causale di giustificazione...

Leggi dopo

L'onere di specificazione delle “ragioni sostitutive” nel contratto a termine

10 Ottobre 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale Bari, sez. lav.

Lavoro a tempo determinato

Il datore di lavoro che voglia assumere con contratto a termine può farlo in presenza di ragioni tecniche, produttive, organizzative o sostitutive che giustifichino la apposizione del termine ed è tenuto a provare in giudizio la esistenza di dette ragioni...

Leggi dopo

Contratti a tempo determinato: le ragioni oggettive del termine vanno specificare per iscritto, in modo circostanziato e puntuale

24 Settembre 2019 | di La Redazione

Corte appello Roma, sez. lav.

Lavoro a tempo determinato

In tema di assunzioni a termine l'art. 1, comma 2, del d.lg. n. 368 del 2001 impone al datore di lavoro di specificare in apposito atto scritto, in modo circostanziato e puntuale, le ragioni oggettive, ossia le esigenze di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo, che giustificano l'apposizione del termine finale...

Leggi dopo

Il risarcimento del lavoratore nel caso di conversione del contratto a tempo determinato

10 Giugno 2019 | di La Redazione

Corte appello Roma sez. lav.,

Lavoro a tempo determinato

L'indennità prevista dal comma 5 dell'art. 32, l. n. 183 del 2010 (nel significato chiarito dal comma 13 dell'art. 1, l. n. 92 del 2012) è applicabile a qualsiasi ipotesi di ricostituzione del rapporto di lavoro avente in origine un termine illegittimo e, dunque, anche nel caso di condanna del datore di lavoro...

Leggi dopo

La CGUE sulla disparità di trattamento nei confronti del personale docente a tempo determinato

12 Aprile 2019 | di Sabrina Apa

Corte appello L'Aquila, sez. lav.

Lavoro a tempo determinato

La CGUE ha ritenuto che “La clausola 4 dell'Accordo quadro sul lavoro a tempo determinato, concluso il 18 marzo 1999, che figura in allegato alla direttiva 1999/70/CE del Consiglio, del 28 giugno 1999, relativa all'accordo quadro CES, UNICE e CEEP sul lavoro a tempo determinato...

Leggi dopo

Natura della conversione del rapporto di lavoro a tempo determinato in rapporto a tempo indeterminato

15 Marzo 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale Parma, sez. lav.

Lavoro a tempo determinato

L’art. 1, comma 1, d.lgs. n. 23 del 2015, stabilisce che la disciplina da esso posta si applichi ai lavoratori che rivestono la qualifica di operai, impiegati e quadri assunti dopo l’entrata in vigore del decreto medesimo. L’art. 1, d.lgs. n. 23 del 2015, al secondo comma, prevede che “[l]e disposizioni di cui al presente decreto si applicano anche nei casi di conversione, successiva all’entrata in vigore del presente decreto, di contratto a tempo determinato o di apprendistato in contratto a tempo indeterminato”...

Leggi dopo

Legittimità del contratto a tempo determinato e conformità all'ordinamento comunitario

08 Novembre 2018 | di Sabrina Apa

Corte appello Roma, sez. lav.

Lavoro a tempo determinato

La giurisprudenza di legittimità ha affermato la conformità della disposizione dell'art. 2, comma 1-bis, d.lgs. n. 368 del 2001, all'ordinamento europeo rilevando che la stessa, perseguendo una "ratio" di parziale liberalizzazione delle assunzioni a termine nel settore delle poste, consente alle imprese concessionarie dei servizi postali di stipulare contratti a tempo determinato, nei limiti e per i periodi ivi previsti, senza necessità di indicare le ragioni obiettive giustificatrici dell'apposizione del termine...

Leggi dopo

Lavoro a tempo determinato: è escluso il ripristino del rapporto di lavoro interrotto ante tempus senza giusta causa

19 Luglio 2018 | di Sabrina Apa

Tribunale Bari, sez. lav.

Lavoro a tempo determinato

Venendo in rilievo un contratto a tempo determinato, è esclusa la possibilità di apprestare la tutela della riammissione in servizio, atteso che quest'ultima, applicabile al rapporto di lavoro a tempo indeterminato, non può, a rigore, estendersi al rapporto di lavoro a tempo determinato...

Leggi dopo

Anzianità di servizio e divieto di discriminazione nei confronti dei lavoratori a tempo determinato

30 Maggio 2018 | di Sabrina Apa

Tribunale Trani

Lavoro a tempo determinato

Come rimarcato dalla Corte di Giustizia, la clausola 4 dell'accordo quadro sul lavoro a tempo determinato in allegato alla direttiva del Consiglio 1999/79/CE deve essere intesa nel senso che la stessa osta a che i periodi di servizio prestati da un dipendente pubblico ...

Leggi dopo

Pagine