Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito su Licenziamento individuale

Ripartizione dell'onere probatorio nel licenziamento orale

08 Luglio 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale Bari, sez. lav.

Licenziamento individuale

Il giudicante ritiene che il lavoratore, che agisca in giudizio per la dichiarazione dell'illegittimità di un licenziamento, ha l'onere di provare l'esistenza del licenziamento medesimo - e non la sola circostanza della cessazione di fatto del rapporto - spettando al datore di lavoro la prova della giusta causa o del giustificato motivo oppure...

Leggi dopo

L'esercizio di altra attività lavorativa o extralavorativa da parte del lavoratore durante la malattia è giusta causa di licenziamento

08 Luglio 2019 | di La Redazione

Tribunale Catania sez. lav.

Licenziamento individuale

Il licenziamento rappresenta la più grave delle sanzioni che un datore di lavoro può irrogare nell’esercizio del proprio potere disciplinare laddove il comportamento del lavoratore sia stato tale da interrompere il rapporto fiduciario posto alla base del vincolo lavorativo...

Leggi dopo

Ripartizione dell'onere probatorio nel licenziamento orale

21 Giugno 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale Bari, sez. lav.

Licenziamento individuale

Il lavoratore, che agisca in giudizio per la dichiarazione dell’illegittimità di un licenziamento, ha l’onere di provare l'esistenza del licenziamento medesimo - e non la sola circostanza della cessazione di fatto del rapporto -, spettando al datore di lavoro la prova della giusta causa o del giustificato motivo...

Leggi dopo

Quantificazione dell'indennità spettante al lavoratore illegittimamente licenziato

06 Maggio 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale Alessandria, sez. lav.

Licenziamento individuale

Secondo il Giudice delle leggi, nel rispetto dei limiti, minimo e massimo, dell'intervallo in cui va quantificata l'indennità spettante al lavoratore illegittimamente licenziato, il giudice terrà conto innanzi tutto dell'anzianità di servizio - criterio che è prescritto dal comma 7, lett. c), dell'art. 1, l. n. 184 del 2013...

Leggi dopo

Licenziamento intervenuto successivamente allo scadere del periodo di prova

18 Aprile 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale di Sassari

Licenziamento individuale

Una volta accertato che il periodo di prova è già scaduto, licenziare motivando solo sul mancato superamento della prova equivale a licenziare ad nutum, cioè perché si è voluto licenziare e basta, senza alcuna ragione a fondamento della scelta, in violazione di quanto sancito dall'art. 1, l. n. 604 del 1966 (il licenziamento del prestatore di lavoro non può avvenire che per giusta causa ai sensi dell'art. 2119, c.c., o per giustificato motivo).

Leggi dopo

Sulla quantificazione dell'indennità spettante al lavoratore illegittimamente licenziato dopo la Corte cost. 194 del 2018

08 Aprile 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale Cosenza, sez. lav.

Licenziamento individuale

La Corte costituzionale con la sentenza C. cost. n. 194 del 2018 ha ritenuto come la previsione di una tutela economica, calcolata sulla base di un principio matematico, potrebbe non costituire adeguato ristoro del danno prodotto dall'illegittimo licenziamento...

Leggi dopo

Ambito cognitorio del giudice del lavoro e del giudice fallimentare a fronte dell'accertamento dell'indennità risarcitoria ex art. 18, st. lav.

29 Marzo 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale Bari, sez. lav.

Licenziamento individuale

Va rammentato che il discrimine tra la sfera di cognizione del giudice del lavoro e del giudice fallimentare risiede nell'individuazione delle rispettive speciali prerogative: del primo, quale giudice del rapporto e del secondo, quale giudice del concorso, cui è riservato l'accertamento, con la relativa qualificazione, dei diritti di credito dipendenti dal rapporto di lavoro, in funzione della partecipazione al concorso...

Leggi dopo

La falsa attestazione di orario di lavoro è giusta causa di licenziamento

22 Febbraio 2019 | di La Redazione

Tribunale Perugia, sez. lav.

Licenziamento individuale

Attestare falsamente e consapevolmente di aver svolto un orario di lavoro superiore rispetto a quello effettivo costituisce condotta fraudolenta, al di là dell'eventuale fondatezza dei motivi dai quali è stata ispirata e, pertanto, giusta causa di licenziamento, ai sensi dell'art. 55-quater, comma 1 lett. a), d.lgs. n. 165 del 2001, e ai sensi degli artt. 2106, c.c., e 2119, c.c., in quanto incide, in senso negativo ed in modo irreparabile, sul vincolo fiduciario che deve improntare ogni rapporto di lavoro...

Leggi dopo

Nel periodo successivo al licenziamento inefficace al lavoratore spetta il risarcimento e non la retribuzione

31 Gennaio 2019 | di La Redazione

Licenziamento individuale

Nel caso di licenziamento dichiarato inefficace per difetto di forma scritta ad substantiam, si deve escludere che dall’inefficacia del recesso e dalla prosecuzione del rapporto di lavoro consegua automaticamente il diritto del lavoratore a percepire la retribuzione per l’intero periodo successivo il licenziamento, avendo egli, invece, diritto al risarcimento del danno,

Leggi dopo

Il licenziamento ritorsivo è nullo quando il motivo ritorsivo, dunque illecito, sia stato l'unico determinante

17 Gennaio 2019 | di La Redazione

Licenziamento individuale

Il licenziamento per ritorsione, diretta o indiretta che sia, è un licenziamento nullo quando il motivo ritorsivo, come tale illecito, sia stato l'unico determinante dello stesso.

Leggi dopo

Pagine