Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

È abuso del diritto rilevante disciplinarmente la fruizione illecita del permesso retribuito ex Legge n. 104

29 Agosto 2017 | di La Redazione

Tribunale Roma

Licenziamento disciplinare

Il comportamento del prestatore di lavoro subordinato che, in relazione al permesso ex art. 33 L. 104/ 1992, si avvalga dello stesso non per l'assistenza al familiare, bensì per attendere ad altra attività, integra l'ipotesi di abuso del diritto, giacché tale condotta si palesa, ...

Leggi dopo

Credito originariamente indicizzato: spettano anche interessi e rivalutazione

28 Agosto 2017 | di La Redazione

Tribunale Chieti

Retribuzione

Sugli importi liquidati a titolo di differenze retributive, trattandosi di credito originariamente indicizzato, spetta anche quanto dovuto a titolo di interessi e rivalutazione, senza esclusione del cumulo, alla luce della pronuncia di incostituzionalità del disposto di cui all'art. 22, 36 comma. l. n. 724/94 ...

Leggi dopo

Immediatezza della contestazione ed invalidità della sanzione irrogata

25 Agosto 2017 | di La Redazione

Appello Salerno

Contestazioni disciplinari

Il principio dell'immediatezza della contestazione, che trova fondamento nell'art. 7, terzo e quarto comma, legge 20 maggio 1970, n. 300, mira, da un lato, ad assicurare al lavoratore incolpato il diritto di difesa nella sua effettività, così da consentirgli il pronto allestimento del materiale difensivo per poter contrastare più efficacemente il contenuto degli addebiti, ...

Leggi dopo

Impugnativa del licenziamento e decadenza del termine

24 Agosto 2017 | di La Redazione

Tribunale Chieti

Prescrizione e decadenze

Ove l'azienda abbia comunicato la risoluzione del rapporto in relazione alla clausola contenuta nell'accordo integrativo del contratto collettivo che prevede la risoluzione automatica ...

Leggi dopo

Nullo l’accordo sindacale che attribuisce la retribuzione di posizione variabile senza riferimento agli specifici incarichi

23 Agosto 2017 | di La Redazione

Tribunale Roma

Lavoro pubblico

Deve ritenersi nullo l’accordo sindacale con il quale si disponga della attribuzione ai dirigenti della retribuzione di posizione variabile senza alcun riferimento agli specifici incarichi conferiti ...

Leggi dopo

La violazione dell’obbligo di non concorrenza può essere punito con la perdita dei compensi aggiuntivi

22 Agosto 2017 | di La Redazione

Appello Salerno

Patto di non concorrenza

Costituisce modifica in melius la clausola aggiunta all’originario contratto di agenzia con la quale, in luogo del precedente generale obbligo di non concorrenza, viene lasciata all’agente la libertà di scegliere fra astenersi dallo svolgere attività in concorrenza con la ditta mandante ...

Leggi dopo

Skype su pc aziendale e frasi diffamatorie al datore: è licenziamento per giusta causa

18 Agosto 2017 | di La Redazione

Tribunale Genova

Licenziamento individuale

Ove il lavoratore utilizzi anche solo dinanzi a terzi (i compagni di lavoro) espressioni diffamatorie nei confronti del datore di lavoro mediante la piattaforma skype dal pc aziendale, non viola la privacy il datore di lavoro ne sia venuto a conoscenza non per avere forzato o aperto posta riservata ...

Leggi dopo

È a carico del lavoratore la prova degli indici della subordinazione

11 Agosto 2017 | di La Redazione

Tribunale Chieti

Lavoro dipendente e subordinazione

Spetta a chi chieda accertarsi la natura subordinata del rapporto di collaborazione allegare e provare, elementi idonei a configurare il dedotto vincolo di subordinazione, ovverosia non solo la connessione funzionale della propria attività con l'attività di impresa, che della collaborazione rappresenta elemento indefettibile ...

Leggi dopo

È licenziamento orale se la lettera viene prodotta dal datore tardivamente in giudizio

09 Agosto 2017 | di La Redazione

Appello Potenza

Licenziamento individuale

Qualora l’estinzione del rapporto per licenziamento sia circostanza incontroversa tra le parti, rimanendo dubbie le modalità dello stesso è il datore di lavoro a dover dimostrare la sussistenza di tutti i requisiti formali e di efficacia del recesso che afferma di aver ritualmente intimato e, ...

Leggi dopo

Licenziamento per giusta causa legittimo se viene svolta attività di consulenza in concorrenza, all’insaputa del datore

03 Agosto 2017 | di La Redazione

Tribunale Alessandria

Licenziamento disciplinare

È legittimo il licenziamento per giusta causa irrogato al dipendente che svolga attività di consulenza non dichiarata al datore di lavoro presso altra società (nel caso di specie è stata confermata l’attività in concorrenza per aver il lavoratore fornito consulenza ...

Leggi dopo

Pagine