Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Assenza di criteri selezione e divieto di intervento sostitutivo del Giudice

18 Aprile 2017 | di La Redazione

Tribunale Genova

Lavoro pubblico

In tema di impiego pubblico privatizzato, gli atti di conferimento di incarichi dirigenziali rivestono la natura di determinazioni negoziali cui devono applicarsi i criteri generali di correttezza e buona fede, alla stregua dei principi di imparzialità e di buon andamento di cui all'art. 97 Cost., che obbligano la P.A. a valutazioni comparative motivate ...

Leggi dopo

Comunicazione elenco lavoratori licenziati: violazione del precetto e sanzioni

14 Aprile 2017 | di La Redazione

Appello Potenza

Licenziamenti collettivi

La violazione del precetto contenuto nel nono comma dell’art. 4 della Legge n. 223 del 1991 che impone il termine perentorio di 7 giorni dalla comunicazione dei recessi per trasmettere l’elenco dei lavoratori licenziati all’Ufficio regionale del lavoro e della massima occupazione competente alla Commissione regionale per l’impiego e alle associazioni di categoria ...

Leggi dopo

Obbligo di versamento degli accantonamenti a carico del datore in assenza di revoca tempestiva della delegazione

13 Aprile 2017 | di La Redazione

Appello Potenza

Cassa Edile

Dal momento che il pagamento diretto ai lavoratori delle somme dovute a titolo di accantonamento costituisce revoca della delegazione di pagamento, ne consegue che tale pagamento non può essere successivo alla dichiarazione che il datore di lavoro abbia inoltrata alla competente Cassa con la presentazione delle denunce mensili ...

Leggi dopo

Lavoro subordinato: accertamento e differenze dal lavoro autonomo

12 Aprile 2017 | di La Redazione

Appello Potenza

Lavoro dipendente e subordinazione

L’accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro non è ravvisabile né in assenza di prova diretta dell’inserimento del lavoratore nell’organizzazione aziendale, con vincolo di soggezione personale del lavoratore al potere organizzativo, direttivo e disciplinare del datore di lavoro ...

Leggi dopo

Rifiuto del dipendente di adempiere all’obbligo impartito dal superiore

11 Aprile 2017 | di La Redazione

Appello Potenza

Contestazioni disciplinari

Secondo quanto stabilito dall’art. 23, comma III, lett. h del CCNL per il personale non dirigente del comparto Regioni ed autonomie locali, ove il lavoratore ritenga l’ordine verbale ricevuto dal superiore palesemente illegittimo, non può rifiutarsi di eseguirlo, ma evidenziare ...

Leggi dopo

Svolgimento mansioni superiori senza mutamento effettivo: retribuzione

10 Aprile 2017 | di La Redazione

Appello Potenza

Ius variandi

Deve essere rigettata la richiesta del lavoratore di ottenere una più elevata retribuzione in carenza del presupposto dell’adibizione a mansioni di contenuto superiore quando l’attribuzione di un nuovo inquadramento sia la conseguenza di una mera ricollocazione in soli tre livelli di personale precedentemente inquadrato ...

Leggi dopo

Società partecipate: nessuna assunzione in mancanza di concorso pubblico

07 Aprile 2017 | di La Redazione

Tribunale Catania

Lavoro pubblico

L’assenza di un’effettiva pubblica selezione, quando non c'è una norma di legge che l’autorizzi nei limiti eccezionali riconosciuti dalla giurisprudenza costituzionale (ex multis, C. Cost. 9 novembre 2006, n. 363), non può che determinare la nullità del rapporto, per violazione dei principi costituzionali ...

Leggi dopo

Kafala e diritto di fruizione del congedo di maternità

04 Aprile 2017 | di La Redazione

Tribunale Bergamo

Permessi, congedi e aspettative

La Kafala è il tipico atto di affidamento di diritto islamico (che non consente interventi sulla famiglia vera e propria) ed è efficace nel nostro ordinamento ai sensi dell’art. 65 l. n. 218 del 1995. Considerato che la Kafala presuppone l’impegno della famiglia ospitante ad occuparsi del minore fino al raggiungimento della maggiore età ...

Leggi dopo

Inesatto adempimento e demansionamento: onere della prova al datore

03 Aprile 2017 | di La Redazione

Tribunale Roma

Ius variandi

In tema di demansionamento, allorquando da parte di un lavoratore sia allegata una dequalificazione o venga dedotto un demansionamento riconducibili ad un inesatto adempimento dell'obbligo gravante sul datore di lavoro ai sensi dell'art. 2103 c.c. è su quest'ultimo che incombe l'onere di provare l'esatto adempimento del suo obbligo ...

Leggi dopo

Licenziamento ed efficacia determinante dei motivi addotti

30 Marzo 2017 | di La Redazione

Tribunale Bologna

Licenziamento disciplinare

In tema di licenziamento disciplinare, la presenza di altri motivi di contrasto non elide l’efficacia determinante dei motivi effettivamente addotti (nel caso di specie svolgimento di attività concorrenziale); va ricordato infatti che l'art. 1345 c.c. richiede, per determinare la nullità dell'atto negoziale ...

Leggi dopo

Pagine