Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Licenziamenti collettivi: lista dei lavoratori licenziati e criteri di scelta

14 Luglio 2015 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Licenziamenti collettivi

Anche a seguito delle modifiche introdotte dalla legge 92/2012, l’art. 4 co. 9 legge 223/1991 prevede che, oltre all'elenco dei lavoratori licenziati, debbono essere puntualmente indicate le “modalità con le quali sono stati applicati criteri di scelta.

Leggi dopo

Nessuna indennità per il trasferimento cautelare

13 Luglio 2015 | di La Redazione

Appello L'Aquila

Viaggi e trasferte

Non ricorrono i requisiti previsti per il personale non dirigente di Poste italiane spa del 11/07/2007 per il riconoscimento del diritto all’indennità di trasferta ed al rimborso delle spese di viaggio, vitto ed alloggio, qualora si sia in presenza di trasferimento cautelare del dipendente.

Leggi dopo

Competenza del tribunale ordinario per l’accertamento della nullità di clausole di un contratto collettivo

09 Luglio 2015 | di La Redazione

Trib. Roma

Processo del lavoro - primo grado

La controversia avente ad oggetto l'accertamento della nullità di clausole di un contratto collettivo ricade nella competenza del tribunale in sede ordinaria.

Leggi dopo

Dimissioni dalla sigla sindacale di appartenenza e decadenza dall'incarico

07 Luglio 2015 | di La Redazione

Trib. Reggio Calabria

RSA - RSU

Il lavoratore che, eletto quale componente di una R.S.U. con una determinata sigla sindacale, si dimetta dopo l’elezione aderendo ad altra organizzazione sindacale incorre in una causa implicita di decadenza dall’incarico per sopravvenuta incompatibilità.

Leggi dopo

Errori nella formulazione del ricorso per licenziamento: conversione del ricorso e no mutamento di rito

06 Luglio 2015 | di La Redazione

Trib. Roma

Processo del lavoro - primo grado

Un ricorso contenente domande ex art. 18 l. n. 300/1970, solo perché intestato come “ricorso ex art. 414 c.p.c.” e contenente tutti gli elementi propri di un ricorso ex art. 1 commi 47 ss. l. n. 92/2012, oltre ad elementi aggiuntivi quali la residenza o la sede delle parti e l’indicazione dei mezzi di prova richiesti, può essere qualificato come ricorso ex art.1 comma 47 l. n. 92/2012, di cui possiede tutti i requisiti di forma e di sostanza.

Leggi dopo

Estensione del giudicato e opposizione di terzo

03 Luglio 2015 | di La Redazione

App. Potenza

Processo del lavoro - secondo grado

Il principio di non estensione del giudicato ai terzi e quello di economia dei mezzi processuali impediscono che possa farsi ricorso all’opposizione di terzo per vedere privare di effetti la sentenza asseritamente pregiudizievole, perché altrimenti dovrebbe ritenersi aggredibile con tale impugnazione straordinaria ogni pronuncia “sgradita” ad un terzo, per il sol fatto di coinvolgere incidenter tantum anche una propria posizione giuridica.

Leggi dopo

Infortunio in itinere per la lavoratrice vittima di stalking

30 Giugno 2015 | di La Redazione

Trib. Reggio Calabria

Infortuni sul lavoro

Costituisce condotta idonea sul piano eziologico ad escludere la sussistenza del cd. rischio elettivo – e quindi la non indennizzabilità dell’infortunio in itinere del lavoratore dipendente – la comprovata presenza di una vera e propria condotta di stalking da tempo in essere nei confronti dell’infortunata.

Leggi dopo

Violazione di norme imperative: il contratto aziendale è nullo

29 Giugno 2015 | di La Redazione

Trib. Matera

CCNL

È nullo per contrarietà a norme imperative il contratto aziendale nella parte in cui non afferma il diritto dei lavoratori - che utilizzano un'attrezzatura munita di videoterminali, in modo sistematico o abituale - ad una pausa di quindici minuti ogni centoventi minuti di applicazione continuativa al videoterminale.

Leggi dopo

Contratto individuale: no alla deroga in peius

26 Giugno 2015 | di La Redazione

Trib. Roma

Contratto di lavoro

Il contratto individuale non può derogare in pejus alle norme inderogabili dei contratti collettivi, attesa la condizione d’intrinseca debolezza contrattuale in cui versa il lavoratore al momento della conclusione del contratto di lavoro.

Leggi dopo

Contestazioni degli abbediti e sospensione procedimento disciplinare

25 Giugno 2015 | di La Redazione

Trib. Roma

Licenziamento disciplinare

In tema di sanzioni disciplinari a carico dei lavoratori subordinati, la contestazione dell'addebito ha lo scopo di consentire al lavoratore incolpato l'immediata difesa e deve, conseguentemente, rivestire il carattere della specificità, senza l'osservanza di schemi prestabiliti e rigidi.

Leggi dopo

Pagine