Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Tutela dell'inquadramento del lavoratore in caso di trasformazione delle ex IPAB in A.S.P.

16 Marzo 2016 | di La Redazione

Tribunale L'Aquila

IPAB

Il rapporto di lavoro dei dipendenti delle ex “IPAB” è disciplinato dalla specifica normativa di cui al D.lgs. n. 165/2001, in combinato disposto con il CCNQ del 18 dicembre 2002: in particolare, l’art. 10 del CCNQ, relativo alla definizione dei comparti di contrattazione collettiva, ricomprende il personale dipendente delle ex IPAB sia nel comparto degli enti locali che in quello della sanità, prevedendo l’applicazione dell’uno o dell’altro a seconda della prevalenza delle funzioni svolte ...

Leggi dopo

Datore di lavoro e valore probatorio buste paga

15 Marzo 2016 | di La Redazione

Tribunale Roma

Busta paga

Le risultanze delle buste paga hanno pieno valore probatorio solo contro il datore di lavoro ai sensi dell’art. 2709 c.c., c.c., e non a suo favore, in quanto le annotazioni ivi contenute devono corrispondere esattamente alle registrazioni eseguite sui libri paga ...

Leggi dopo

Natura giuridica del rapporto trilaterale lavoratore, datore di lavoro e fondo di previdenza

14 Marzo 2016 | di La Redazione

Tribunale Taranto

Trattamento di fine rapporto

Il rapporto trilaterale esistente tra lavoratore, datore di lavoro e fondo di previdenza complementare va inquadrato nella figura della delegazione di pagamento ex art. 1269 c.c. per le somme che il datore di lavoro dovrebbe versare a titolo di TFR al lavoratore e che invece trattiene per poi versarle al fondo stesso ...

Leggi dopo

Pignoramento e assegno vitalizio mensile

10 Marzo 2016 | di La Redazione

Tribunale Catania

Pensioni

In base al principio generale della piena pignorabilità di ogni credito - desumibile dagli artt. 545 c.p.c. e 2740 c.c. e fatte salve le eccezioni espressamente stabilite dalla legge - l'assegno vitalizio mensile corrisposto al debitore, già deputato dell’Assemblea Regionale Siciliana, non deve ritenersi, neanche in parte, esente da pignoramento ...

Leggi dopo

Inquadramento del "tempo divisa"

09 Marzo 2016 | di La Redazione

Appello L'Aquila

Orario di lavoro

Il “tempo divisa” costituisce lavoro effettivo tutte le volte in cui risulta essere “eterodiretto” dal datore di lavoro, che dirige ed organizza, tra le altre, anche le modalità di esecuzione di tale operazione: in tal caso l’esatto adempimento preteso, anche in via implicita, dal potere datoriale non riguarda soltanto l’attività lavorativa in senso stretto, ma anche tutte quelle operazioni complementari ...

Leggi dopo

Danno da dequalificazione professionale e condanna al risarcimento

08 Marzo 2016 | di La Redazione

Tribunale Chieti

Ius variandi

In tema di demansionamento illegittimo, ove venga accertata l'esistenza di un comportamento contrario all'art. 2103 cod. civ., il giudice di merito, oltre a sanzionare l'inadempimento dell'obbligo contrattualmente assunto dal datore di lavoro con la condanna al risarcimento del danno, può emanare una pronuncia di adempimento in forma specifica ...

Leggi dopo

Adempimento della prestazione e fondatezza della sanzione disciplinare

07 Marzo 2016 | di La Redazione

Tribunale Roma

Diritti ed obblighi lavoratore

Il dipendente è tenuto a prendere servizio presso la sede assegnata dal datore di lavoro e non può sottrarsi a tale obbligo in ragione della mancata autorizzazione all’uso del mezzo proprio (che incide sul diverso aspetto del rimborso chilometrico e della copertura assicurativa), o dall’inesistenza di mezzi pubblici ...

Leggi dopo

Contratto di agenzia: è necessaria la forma scritta ad probationem

04 Marzo 2016 | di La Redazione

Tribunale Taranto

Agenti e rappresentanti

L’interposizione fittizia di persona postula la imprescindibile partecipazione all’accordo simulatorio non solo del soggetto interponente e di quello interposto, ma anche del terzo contraente, il quale deve consentirvi esprimendo la propria adesione nella debita forma: ...

Leggi dopo

Validità dell'atto di messa in mora: rilevante la formulazione

03 Marzo 2016 | di La Redazione

Tribunale Roma

Contributi previdenziali

Ai fini della qualificazione di una comunicazione come atto di costituzione in mora, non è sufficiente che la stessa contenga una richiesta di pagamento di somme di denaro determinate o determinabili nel loro ammontare, ma è necessario che non sia formulata in termini di mera congettura e che non contenga riserve: ...

Leggi dopo

Correttezza della contestazione per la difesa dell'incolpato

02 Marzo 2016 | di La Redazione

Tribunale Taranto

Diritti ed obblighi lavoratore

La contestazione dell’addebito nel procedimento disciplinare (art. 7, co. 1, L. 300/70) è corretta se ha ad oggetto i dati e gli aspetti essenziali del fatto materiale posto a fondamento del provvedimento sanzionatorio, così da garantire un’adeguata difesa dell’incolpato ...

Leggi dopo

Pagine