Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Giurisdizione amministrativa e ordinaria: comparto scuola

08 Gennaio 2016 | di La Redazione

Tribunale Matera

Lavoro pubblico

Sussiste la giurisdizione amministrativa nelle controversie sul depennamento, per mancanza del titolo di studio richiesto nel bando di concorso, dalle graduatorie di merito relative alle classi di concorso per il conseguimento dell’abilitazione all’insegnamento del personale della scuola ...

Leggi dopo

Natura subordinata del rapporto di lavoro

04 Gennaio 2016 | di La Redazione

Tribunale Genova

Lavoro dipendente e subordinazione

Ogni attività economicamente rilevante può essere svolta sia in regime di autonomia che di subordinazione, a seconda delle concrete modalità di svolgimento della stessa: ci si trova in presenza di subordinazione allorché vi sia un assoggettamento del lavoratore ...

Leggi dopo

Personale della scuola e riammissione nelle graduatorie ad esaurimento

28 Dicembre 2015 | di La Redazione

Tribunale Taranto

Lavoro pubblico

Nulla abilita a differenziare i nuovi inserimenti dai reinserimenti di docenti già collocati in graduatoria e cancellati per mancato inoltro della domanda di permanenza: gli uni e gli altri non sono più ammessi perché, altrimenti, le graduatorie non andrebbero più verso l’esaurimento ...

Leggi dopo

Attività sportive in malattia: legittimo il licenziamento

22 Dicembre 2015 | di La Redazione

Appello Torino

Licenziamento individuale

È legittimo il licenziamento per giusta causa, ove risulti che nel periodo di malattia il lavoratore svolga attività incompatibili con tale stato patologico (quali, nella specie, attività sportive con funzione di arbitro ...

Leggi dopo

Abilitazione all’insegnamento del personale della scuola e giurisdizione amministrativa

16 Dicembre 2015 | di La Redazione

Tribunale Matera

Lavoro pubblico

Sussiste la giurisdizione amministrativa nelle controversie sul depennamento, per mancanza del titolo di studio richiesto nel bando di concorso, dalle graduatorie di merito relative alle classi di concorso per il conseguimento dell’abilitazione all’insegnamento del personale della scuola ...

Leggi dopo

Lavoro giornalistico e natura variabile della retribuzione

10 Dicembre 2015 | di La Redazione

Tribunale Roma

Retribuzione

In materia di lavoro giornalistico, la retribuzione spettante al collaboratore fisso (ex art. 2, comma 4, del c.c.n.l.g.) non è una retribuzione fissa ed immutabile, bensì è una retribuzione di natura variabile in funzione della natura ed importanza delle materie trattate, dell'impegno di frequenza ...

Leggi dopo

Illegittimità del comportamento del datore di lavoro sulle mansioni

09 Dicembre 2015 | di La Redazione

Tribunale Torino

Qualifica, mansioni e categorie professionali

La violazione degli articoli 2103 c.c. e 52 D.lgs. n. 165/2001 si ha nel momento in cui il lavoratore sia collocato a svolgere mansioni inferiori o si trovi in una situazione di inattività lavorativa: una volta accertata detta situazione di inattività, il giudice deve rilevare ...

Leggi dopo

Illegittimità del licenziamento individuale e motivazioni

04 Dicembre 2015 | di La Redazione

Tribunale Roma

Licenziamento individuale

È illegittimo il licenziamento individuale che richiami le stesse motivazioni determinanti dapprima la sospensione con messa in cassa integrazione straordinaria del personale e, successivamente, il licenziamento collettivo. Nella specie, essendo la ricorrente stata licenziata per le medesime ragioni che avevano determinato l’avvio della procedura di licenziamento collettivo ....

Leggi dopo

Deposito sentenza e violazione termine

02 Dicembre 2015 | di La Redazione

Appello L‘Aquila

Processo del lavoro - primo grado

In caso di violazione, da parte del giudice, del termine di dieci giorni per il deposito della sentenza (comma 57 dell'art. 1 L. 92/2012 - Rito Fornero), con la lettura del dispositivo in udienza il giudice consuma non solo il suo potere decisorio, ma anche quello motivazionale, sicché il successivo deposito della motivazione è irricevibile e pertanto irrilevante, in quanto estraneo alla struttura dell'atto processuale ormai compiuto ...

Leggi dopo

Condotta del lavoratore: quando il permesso è abuso del diritto

01 Dicembre 2015 | di La Redazione

Tribunale Genova

Permessi e aspettative

Il comportamento del prestatore di lavoro subordinato che, in relazione al permesso ex art. 33 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, si avvalga dello stesso non per l'assistenza al familiare, bensì per attendere ad altra attività, integra l'ipotesi di abuso del diritto, giacché tale condotta si palesa, nei confronti del datore di lavoro, come lesiva della buona fede ...

Leggi dopo

Pagine