Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Illegittimità del comportamento del datore di lavoro sulle mansioni

09 Dicembre 2015 | di La Redazione

Tribunale Torino

Qualifica, mansioni e categorie professionali

La violazione degli articoli 2103 c.c. e 52 D.lgs. n. 165/2001 si ha nel momento in cui il lavoratore sia collocato a svolgere mansioni inferiori o si trovi in una situazione di inattività lavorativa: una volta accertata detta situazione di inattività, il giudice deve rilevare ...

Leggi dopo

Illegittimità del licenziamento individuale e motivazioni

04 Dicembre 2015 | di La Redazione

Tribunale Roma

Licenziamento individuale

È illegittimo il licenziamento individuale che richiami le stesse motivazioni determinanti dapprima la sospensione con messa in cassa integrazione straordinaria del personale e, successivamente, il licenziamento collettivo. Nella specie, essendo la ricorrente stata licenziata per le medesime ragioni che avevano determinato l’avvio della procedura di licenziamento collettivo ....

Leggi dopo

Deposito sentenza e violazione termine

02 Dicembre 2015 | di La Redazione

Appello L‘Aquila

Processo del lavoro - primo grado

In caso di violazione, da parte del giudice, del termine di dieci giorni per il deposito della sentenza (comma 57 dell'art. 1 L. 92/2012 - Rito Fornero), con la lettura del dispositivo in udienza il giudice consuma non solo il suo potere decisorio, ma anche quello motivazionale, sicché il successivo deposito della motivazione è irricevibile e pertanto irrilevante, in quanto estraneo alla struttura dell'atto processuale ormai compiuto ...

Leggi dopo

Condotta del lavoratore: quando il permesso è abuso del diritto

01 Dicembre 2015 | di La Redazione

Tribunale Genova

Permessi e aspettative

Il comportamento del prestatore di lavoro subordinato che, in relazione al permesso ex art. 33 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, si avvalga dello stesso non per l'assistenza al familiare, bensì per attendere ad altra attività, integra l'ipotesi di abuso del diritto, giacché tale condotta si palesa, nei confronti del datore di lavoro, come lesiva della buona fede ...

Leggi dopo

Consenso del datore alla prosecuzione del lavoro oltre l'età pensionabile: quando la forma è implicita

27 Novembre 2015 | di La Redazione

Tribunale Roma

Pensioni

Il consenso del datore di lavoro (art. 24, co. 4, D.L. 201/2011) alla prosecuzione del rapporto lavorativo, oltre il raggiungimento dell’età pensionabile, si considera manifestato anche in forma implicita (c.d. fatti concludenti), laddove - a fronte di esplicita richiesta del lavoratore - il datore di lavoro ...

Leggi dopo

Mansioni e nuova disciplina Jobs act: quando si applica?

26 Novembre 2015 | di La Redazione

Tribunale di Ravenna

Ius variandi

In tema di jus variandi, la nuova normativa ex art. 2103 c.c. (nel testo modificato dal D.lgs. 81/2015) non si applica laddove il demansionamento si sia prodotto nel vigore della legge precedente: il fatto che segna il discrimine tra una normativa e l'altra è proprio il prodursi del demansionamento ...

Leggi dopo

Nullità del verbale di conciliazione in sede sindacale

25 Novembre 2015 | di La Redazione

Tribunale Milano

Esodati

In tema di transazione, va dichiarata la nullità del “verbale di conciliazione in sede sindacale” (sottoscritto invero in sede aziendale), qualora non risulti l'effettiva sussistenza del requisito delle reciproche concessioni previste dall'art. 1965 c.c. ...

Leggi dopo

Gli elementi del mobbing aziendale anche nel pubblico impiego

23 Novembre 2015 | di La Redazione

Appello L'Aquila

Mobbing

Il mobbing aziendale sul posto di lavoro - applicabile anche nel settore dell’impiego pubblico - è caratterizzato dai seguenti elementi: aggressione o vessazione psicologica della vittima; potenzialità lesiva della condotta ...

Leggi dopo

Inadempimento al turno lavorativo reiterato e licenziamento

20 Novembre 2015 | di La Redazione

Tribunale Genova

Licenziamento individuale

È pienamente legittimo il licenziamento del dipendente per giusta causa, ove provata la reiterazione per un lungo periodo di tempo dell’inadempimento all’obbligo contrattuale di rendere la prestazione all’interno del turno lavorativo (dimostrato, nella specie, l’abbandono ...

Leggi dopo

Sull'indennità c.d. "di esclusività" in favore dei dirigenti medici

19 Novembre 2015 | di La Redazione

Appello L'Aquila

Dirigenti

In tema di valutazione dell'esperienza professionale maturata ai fini del pagamento dell'indennità c.d. "di esclusività" in favore dei dirigenti medici, il riferimento all'anzianità "con rapporto di lavoro a tempo determinato ed indeterminato"...

Leggi dopo

Pagine