Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Tempo necessario ad indossare la divisa aziendale ed eterodirezione del datore di lavoro

13 Maggio 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale Pavia, sez. lav.

Orario di lavoro

La Corte di cassazione ha chiarito che, nel rapporto di lavoro subordinato, anche alla luce della giurisprudenza comunitaria in tema di orario di lavoro di cui alla direttiva n. 2003/88/CE, il tempo necessario ad indossare la divisa aziendale rientra nell'orario di lavoro se è assoggettato al potere di conformazione del datore di lavoro...

Leggi dopo

Nessuna presunzione di subordinazione deriva dalla tipologia dell’attività lavorativa in sé

09 Maggio 2019 | di La Redazione

Tribunale Catania, sez. lav.

Lavoro dipendente e subordinazione

Non sussiste alcuna presunzione di subordinazione che possa farsi derivare dalla tipologia dell’attività lavorativa in sé atteso che ogni attività umana economicamente rilevante può essere oggetto sia di un rapporto di lavoro subordinato che di un rapporto di lavoro autonomo a seconda delle modalità del suo svolgimento...

Leggi dopo

Accertamento del rapporto di lavoro subordinato: indici sintomatici ed elementi indiziari

06 Maggio 2019 | di La Redazione

Tribunale Bari, sez. lav.

Lavoro dipendente e subordinazione

L'elemento che contraddistingue il rapporto di lavoro subordinato rispetto al rapporto di lavoro autonomo, assumendo la funzione di parametro normativo di individuazione della natura subordinata del rapporto stesso, è il vincolo di soggezione personale del lavoratore - che necessita della prova di idonei indici rivelatori, incombente allo stesso lavoratore - al potere organizzativo, direttivo e disciplinare del datore di lavoro, con conseguente limitazione della sua autonomia ed inserimento nell'organizzazione aziendale. Pertanto, gli altri elementi, quali l'assenza di rischio, la continuità della prestazione, l'osservanza di un orario e la forma della retribuzione, ed eventuali altri, pur avendo natura meramente sussidiaria e non decisiva, possono costituire gli indici rivelatori, complessivamente considerati e tali da prevalere sull'eventuale volontà contraria manifestata dalle parti, attraverso i quali diviene evidente nel caso concreto l'essenza del rapporto, e cioè la subordinazione, mediante la valutazione non atomistica ma complessiva delle risultanze processuali. La relativa valutazione di fatto di tali elementi è rimessa al giudice del merito, con la conseguenza che essa, se risulta immune da vizi giuridici ed adeguatamente motivata, è insindacabile in sede di legittimità, ove, invece, è censurabile soltanto la determinazione dei criteri generali ed astratti da applicare al caso concreto.

Leggi dopo

Quantificazione dell'indennità spettante al lavoratore illegittimamente licenziato

06 Maggio 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale Alessandria, sez. lav.

Licenziamento individuale

Secondo il Giudice delle leggi, nel rispetto dei limiti, minimo e massimo, dell'intervallo in cui va quantificata l'indennità spettante al lavoratore illegittimamente licenziato, il giudice terrà conto innanzi tutto dell'anzianità di servizio - criterio che è prescritto dal comma 7, lett. c), dell'art. 1, l. n. 184 del 2013...

Leggi dopo

Anzianità di servizio quale unico parametro della tutela risarcitoria?

19 Aprile 2019 | di Sabrina Apa

Trattamento di fine rapporto

In una vicenda che coinvolge la persona del lavoratore nel momento traumatico della sua espulsione dal lavoro, la tutela risarcitoria non può essere ancorata all'unico parametro dell'anzianità di servizio.

Leggi dopo

Licenziamento intervenuto successivamente allo scadere del periodo di prova

18 Aprile 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale di Sassari

Licenziamento individuale

Una volta accertato che il periodo di prova è già scaduto, licenziare motivando solo sul mancato superamento della prova equivale a licenziare ad nutum, cioè perché si è voluto licenziare e basta, senza alcuna ragione a fondamento della scelta, in violazione di quanto sancito dall'art. 1, l. n. 604 del 1966 (il licenziamento del prestatore di lavoro non può avvenire che per giusta causa ai sensi dell'art. 2119, c.c., o per giustificato motivo).

Leggi dopo

La CGUE in tema di discriminazione per genere e per età nella determinazione del limite per il collocamento d'ufficio in pensione

12 Aprile 2019 | di Sabrina Apa

Corte appello L'Aquila, sez. lav.

Pensioni

La CGUE ha affermato il principio che la diversificazione dell'età pensionabile per gli uomini e le donne del settore pubblico costituisce un "regime professionale discriminatorio contrario all'art. 141 CE". Come risulta da una costante giurisprudenza, l'art. 141 CE vieta qualsiasi discriminazione in materia di retribuzione tra lavoratori di sesso maschile e lavoratori di sesso femminile, quale che sia il meccanismo che genera questa ineguaglianza...

Leggi dopo

La CGUE sulla disparità di trattamento nei confronti del personale docente a tempo determinato

12 Aprile 2019 | di Sabrina Apa

Corte appello L'Aquila, sez. lav.

Lavoro a tempo determinato

La CGUE ha ritenuto che “La clausola 4 dell'Accordo quadro sul lavoro a tempo determinato, concluso il 18 marzo 1999, che figura in allegato alla direttiva 1999/70/CE del Consiglio, del 28 giugno 1999, relativa all'accordo quadro CES, UNICE e CEEP sul lavoro a tempo determinato...

Leggi dopo

Effettività del collegamento funzionale fra riassetto aziendale e licenziamento per g.m.o.

08 Aprile 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale Cosenza, sez. lav.

Licenziamento economico

Per indagare in concreto la legittimità del licenziamento per g.m.o., occorre verificare il rapporto di congruità causale fra la scelta imprenditoriale e il licenziamento, nel senso che non basta che sia enunciato il riassetto organizzativo...

Leggi dopo

Sulla quantificazione dell'indennità spettante al lavoratore illegittimamente licenziato dopo la Corte cost. 194 del 2018

08 Aprile 2019 | di Sabrina Apa

Tribunale Cosenza, sez. lav.

Licenziamento individuale

La Corte costituzionale con la sentenza C. cost. n. 194 del 2018 ha ritenuto come la previsione di una tutela economica, calcolata sulla base di un principio matematico, potrebbe non costituire adeguato ristoro del danno prodotto dall'illegittimo licenziamento...

Leggi dopo

Pagine