Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Appalto di opere e servizi: è competente il Giudice del luogo della dipendenza aziendale anche per la domanda contro il committente

06 Novembre 2017 | di Daniela Fargnoli

Tribunale Chieti

Appalto

In tema di appalto di opere e servizi, il lavoratore che agisca contro l'appaltatore ed il committente, facendo valere, nei confronti di quest'ultimo, la responsabilità solidale con il primo ai sensi dell'art. 29, comma 2, del d.lgs. n. 276 del 2003, può adire il giudice del luogo ove si trova la dipendenza aziendale ...

Leggi dopo

Pubblico impiego privatizzato ed utilizzo abusivo di contratti a termine: si solo al risarcimento

02 Novembre 2017 | di Daniela Fargnoli

Appello Bari

Lavoro pubblico

Se l’abuso ultratriennale, riferito a supplenze su organico di diritto, maturato nel periodo tra il 10 luglio 2001 e la proposizione della domanda giudiziaria, venga accertato nel processo e non risulti sanato mediante stabilizzazione o sanabile allo stesso modo ...

Leggi dopo

Svolgimento di attività in proprio in violazione delle procedure aziendali: è legittimo il licenziamento in tronco

27 Ottobre 2017 | di Daniela Fargnoli

Tribunale Chieti

Licenziamento disciplinare

È legittimo il licenziamento per giusta causa irrogato al dipendente che, all’insaputa della società, si offra per svolgere attività di montaggio e trasporto dei beni commerciati dalla società, lasciando il proprio telefonino ai clienti e richiedendo compensi aggiuntivi ...

Leggi dopo

La prova delle ragioni del trasferimento non deve essere data nel provvedimento, ma solo in giudizio

27 Ottobre 2017 | di Daniela Fargnoli

Tribunale Bari

Processo del lavoro - primo grado

Il provvedimento di trasferimento non è soggetto ad alcun onere di forma e non deve necessariamente indicare i motivi, né il datore di lavoro ha l’obbligo di rispondere al lavoratore che li richieda, fermo l’onere di allegare e provare in giudizio ...

Leggi dopo

L'onere di provare l'esistenza del danno alla salute, della nocività dell'ambiente di lavoro ed il nesso causale fra questi elementi incombe sul lavoratore

25 Ottobre 2017 | di Daniela Fargnoli

Tribunale Bari

Danni nel rapporto di lavoro

Al lavoratore che lamenti di aver subito, a causa dell'attività lavorativa svolta, un danno alla salute, incombe l'onere di provare l'esistenza di tale danno, la nocività dell'ambiente di lavoro ed il nesso causale fra questi due elementi, gravando invece sul datore di lavoro,...

Leggi dopo

Se il contratto è certificato, l’omesso esperimento del tentativo di conciliazione rende il ricorso improcedibile

24 Ottobre 2017 | di Daniela Fargnoli

Tribunale Firenze

Processo del lavoro - primo grado

Alla luce dell’avvenuta abrogazione dell’art 412 bis c.p.c. l’esperimento del tentativo obbligatorio di conciliazione previsto dall’art. 80, IV comma del d.lgs. 276/2003 non può considerarsi mera condizione di procedibilità del ricorso ...

Leggi dopo

Se manca il progetto il Giudice dispone la conversione automatica in lavoro subordinato

23 Ottobre 2017 | di Daniela Fargnoli

Appello Bari

Lavoro dipendente e subordinazione

La specificità del progetto, programma o fase è l'elemento caratterizzante della differenza fra un genuino rapporto di lavoro a progetto e un contratto a progetto stipulato solo per celare un rapporto di lavoro subordinato ...

Leggi dopo

Ricorso ex art. 445 bis c.p.c.: l’insussistenza del requisito reddituale determina la mancanza di interesse ad agire

20 Ottobre 2017 | di Daniela Fargnoli

Processo del lavoro - primo grado

Nel caso in cui manchi in capo al ricorrente ex art. 445 bis c.p.c. il requisito reddituale necessario per accedere alla prestazione richiesta, non può ritenersi sussitente l’interesse ad agire ai sensi dell’art. 100 c.p.c., sicchè deve essere dichiarata l’inammissibilità del ricorso ...

Leggi dopo

Licenziamento “post mobilità” ex art. 4 l. 223/1991 solo in caso di CIGS e non di cassa integrazione in deroga

19 Ottobre 2017 | di Daniela Fargnoli

Licenziamenti collettivi

Non può ritenersi operante una ipotesi di licenziamento “post mobilità” ai sensi dell'art. 4 l. 223/1991, in mancanza del requisito della preventiva ammissione della società appellante al trattamento straordinario di integrazione salariale e quando la società sia stata ammessa alla cassa integrazione ...

Leggi dopo

È inammissibile il ricorso all’art. 696 bis c.p.c. se c’è contestazione sull’an debeatur

18 Ottobre 2017 | di Daniela Fargnoli

Processo del lavoro - primo grado

La consulenza tecnica preventiva per come delineata dalla specifica norma del codice di rito, avendo la duplice finalità di istruzione preventiva e conciliativa, non può essere ammessa: quando il Giudice, al fine di disporre il chiesto accertamento, debba decidere questioni di diritto obiettivamente controverse, ...

Leggi dopo

Pagine