Focus

Focus

Il Fondo di solidarietà del trasporto pubblico: problematiche applicative

05 Maggio 2016 | di Piero Righetti

Fondi di solidarietà

Il D.Lgs. n. 148/2015 ha modificato in modo rilevante la previgente disciplina sui Fondi di solidarietà, stabilendo tra l'altro l'obbligo dell'adeguamento alle nuove regole sia dei Fondi costituiti prima della loro entrata in vigore sia di quelli in via di costituzione. Il Fondo per il Trasporto pubblico è uno dei fondi "in linea" con questa necessità di adeguamento.

Leggi dopo

Novità legislative e giurisprudenziali in tema di infortunio in itinere: l'uso della bicicletta è sempre necessitato

28 Aprile 2016 | di Aldo De Matteis

Infortuni sul lavoro

La legge 28 dicembre 2015, n. 221, (norme in materia ambientale), ha stabilito in tema di infortunio in itinere che l'uso del velocipede, come definito dal codice della strada deve, per i positivi riflessi ambientali, intendersi sempre necessitato, inserendo in questi termini un apposito periodo in calce al comma terzo degli artt. 2 t.u.1124/1965 e 210 t.u.1124/1965. In tal modo il legislatore ha risolto, con norma tranchante, un problema che poteva trovare, sulla base dei fondamentali, soluzioni diverse e problematiche. Nell'ambito delle varie tematiche relative all'infortunio in itinere, un posto a parte merita la questione delle modalità con cui il tragitto casa-lavoro deve essere effettuato, perché possa essere tutelato.

Leggi dopo

Risarcimento del danno nel precariato pubblico scolastico

21 Aprile 2016 | di Antonio Salvati

Lavoro pubblico

L'annosa vicenda della legittimità dei contratti a termine nella P.A. - avendo riguardo, in particolare, al settore scolastico - ha catturato, cattura tuttora e continuerà verosimilmente a catturare a lungo l'attenzione degli operatori del diritto. I recenti interventi delle supreme Corti nazionali, così come della Corte di Giustizia UE, hanno infatti provocato un acceso dibattito su tematiche di notevole interesse scientifico, al contempo, di enorme impatto economico, come la connotazione stessa del rapporto di lavoro a termine nel pubblico impiego; l'esatta portata del divieto di reiterazione dello stesso ex art. 36 co.5 D.Lgs. 165/2001; il concreto perimetro applicativo della disciplina comunitaria: il tutto, a non voler poi considerare la questione relativa ai rapporti – di forza? – tra giudici nazionali e giurisprudenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea.

Leggi dopo

Il rilancio del welfare aziendale nella Legge di Stabilità 2016

13 Aprile 2016 | di Andrea Costa

Welfare aziendale

La Legge di Stabilità 2016 ha provveduto a modificare in più punti l'art. 51 del T.U.I.R. conferendo nuovo slancio al welfare aziendale, sino ad ora non pienamente valorizzato da una impostazione dell'Agenzia delle Entrate molto rigida, ma non formalizzata. Il legislatore ha agito intervenendo soprattutto sul tema della “volontarietà” delle erogazioni da parte del datore di lavoro e su quello della “sostituibilità” tra componenti retributive monetarie e beni/servizi/utilità di welfare.

Leggi dopo

Strumenti di solidarietà intergenerazionale in chiave comparata

07 Aprile 2016 | di Marianna Russo

Contratti di solidarietà

La gestione equilibrata del ricambio generazionale è un problema urgente e ineludibile. Le strade finora percorse non assicurano i risultati sperati, come dimostra lo scarso utilizzo dei contratti di solidarietà espansiva e i c.d. patti generazionali. In tale prospettiva può risultare utile l'analisi di alcune esperienze di solidarietà intergenerazionale provenienti da Paesi europei molto vicini al nostro sia geograficamente sia per contesto socio-economico: Germania e Francia.

Leggi dopo

Profili giuslavoristici del contratto di rete

31 Marzo 2016 | di Ilario Alvino

Contratto di lavoro

Con alcune recenti disposizioni, il legislatore ha dettato regole specifiche volte a facilitare la gestione del personale fra le imprese che abbiano stipulato un contratto di rete. In particolare, mentre l'art. 30, comma 4-ter, D.Lgs. n. 276/2003, detta una disciplina specifica per l'ipotesi nella quale un'impresa voglia distaccare un proprio dipendente presso un'altra partecipante alla rete, il nuovo art. 31, commi 3-bis e seguenti, D.Lgs. n. 276/2003 ammette, a condizioni diverse, la codatorialità o l'assunzione congiunta dei lavoratori all'interno della rete. Il contributo, dopo aver ricostruito le ragioni dell'introduzione di una specifica regolamentazione dei rapporti di lavoro impiegati dalle imprese stipulanti il contratto di rete, approfondisce i problemi interpretativi posti dalle nuove regole in materia di distacco, di codatorialità e di assunzione congiunta dei lavoratori.

Leggi dopo

Dimissioni ON LINE, risoluzioni consensuali e revoca. La nuova procedura di comunicazione

24 Marzo 2016 | di Andrea Costa

Dimissioni

Dal 12 marzo 2016 sono state modificate in maniera radicale le procedure di comunicazione delle dimissioni, della risoluzione consensuale del rapporto di lavoro e della loro revoca. Il nuovo quadro normativo, formalmente finalizzato a contrastare le c.d. “dimissioni in bianco”, ha però introdotto numerosi elementi di criticità, non limitati al rispetto di una complessa procedura da parte del dipendente, ma estesi ai datori di lavoro, per i quali la legge non ha previsto idonei strumenti di tutela in caso di inerzia del dipendente, e alle stesse Autorità amministrative, con possibili riflessi negativi in termini di bilancio pubblico.

Leggi dopo

Dai Fondi di solidarietà di settore al Fondo di integrazione salariale: l'estensione della cassa integrazione guadagni

17 Marzo 2016 | di Piero Righetti

Fondi di solidarietà

Il D.Lgs. n. 148/2015 ha stabilito l'iscrizione obbligatoria al Fondo di integrazione salariale, a far tempo dal 1° gennaio 2016, di tutti i datori di lavoro con più di 5 dipendenti che non hanno titolo a fruire della cassa integrazione guadagni né in base alla legislazione ordinaria, né per effetto dell'iscrizione ad uno dei Fondi di solidarietà di settore.

Leggi dopo

Programmi di CIGS ex D.Lgs. n. 148/2015: criteri per l’approvazione

10 Marzo 2016 | di Livio Lannutti

Cassa Integrazione Guadagni

Il legislatore con il D.lgs. 148/2015 ha concentrato in un unico provvedimento tutta la disciplina della CIG abrogando le norme stratificatesi nel tempo. L’art 21 del D.lgs. definendo tre causali d’intervento della CIGS - riorganizzazione aziendale; crisi aziendale, e contratto di solidarietà - ha determinato la necessità di riformulare, tramite specifico provvedimento legislativo, i criteri per l’approvazione dei programmi di CIGS coerentemente con i principi contenuti ai commi 2°, 3° e 5° dello stesso articolo 21. A decorrere dal 9 febbraio 2016, è entrato in vigore il Decreto del Ministero del Lavoro n. 94033 datato 13 gennaio 2016, con il quale sono stati adottati i nuovi criteri per l’approvazione dei programmi di cassa integrazione guadagni

Leggi dopo

Nuove dimissioni online e recesso per fatti concludenti: problemi, rilievi pratici e considerazioni critiche

01 Marzo 2016 | di Mario Cassaro

Dimissioni

Dal 12 marzo 2016 le dimissioni e le risoluzioni consensuali dei rapporti di lavoro saranno efficaci soltanto se effettuate mediante una procedura telematica, compilando l'apposito modulo reso disponibile dal Ministero del Lavoro sul proprio sito internet, secondo le specifiche tecniche previste dal decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 15 dicembre 2015, pubblicato in Gazzetta Ufficiale 11 gennaio 2016, n. 7. La novità presenta alcuni problemi di carattere pratico e lascia spazio ad alcuni spunti critici che saranno trattati nel presente lavoro, con particolare riguardo al caso delle dimissioni per fatti concludenti.

Leggi dopo

Pagine