Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Licenziamento per giustificato motivo oggettivo e onere del datore di lavoro di prospettare al dipendente il reimpiego in mansioni inferiori

13 Gennaio 2020 | di Luigi Santini

Cass., sez. lav.

Licenziamento economico

“In materia di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, alla luce della nuova formulazione dell'art. 2103, c.c., come novellato dal d.lgs. n. 81 del 2015, è onere del datore di lavoro fornire la prova l'impossibilità del repêchage...

Leggi dopo

La natura giuridica del contratto di assuntoria alla luce del criterio distintivo tra lavoro autonomo e lavoro subordinato

13 Gennaio 2020 | di Sabrina Apa

Tribunale Bari, ord.

Contratto di lavoro

Anche al contratto di assuntoria, previsto dalla l. n. 14 del 1965, si applicano i criteri distintivi tra lavoro autonomo e lavoro subordinato, rispetto ai quali la giurisprudenza di legittimità ha affermato il principio consolidato secondo cui, ai fini della qualificazione di un rapporto di lavoro come autonomo o subordinato...

Leggi dopo

La disciplina dell'appalto di lavoro “genuino”, tra profili interpositori e questioni di rito

02 Gennaio 2020 | di Paolo Patrizio

Tribunale Bari, sez. lav.

Appalto

Con specifico riguardo agli appalti c.d. “endoaziendali”, si osserva che essi sono caratterizzati dall'affidamento ad un appaltatore esterno di attività strettamente attinenti al complessivo ciclo produttivo del committente; ebbene, il divieto d'intermediazione opera tutte le volte...

Leggi dopo

Il principio di solidarietà applicato al recesso per superamento del periodo di comporto

16 Dicembre 2019 | di Jacopo Ierussi

Tribunale Santa Maria Capua Vetere, sez. lav.

Malattia

Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere con sentenza dell'11 agosto 2019, n. 20012, ha dichiarato la nullità del licenziamento per superamento del periodo di comporto comminato ad un lavoratore affetto da gravi patologie (meglio precisate nel proseguo) perché non aveva ricevuto alcuna comunicazione da parte della società datrice circa l'imminente superamento del periodo di comporto...

Leggi dopo

La non genuinità dell'appalto alla luce dell'attuale contesto organizzativo-produttivo dell'attività d'impresa

12 Dicembre 2019 | di Teresa Zappia

Tribunale Bari, sez. lav.

Appalto

Nell'accertamento in ordine alla genuinità o meno del contratto di appalto assumono rilievo specifici indici sintomatici quale, particolarmente, il concreto assoggettamento dei lavoratori dell'appaltatore al potere direttivo del committente o di suoi dipendenti...

Leggi dopo

Contratto a tutele crescenti: licenziamento disciplinare e diritto al reintegro

09 Dicembre 2019 | di Francesco Meiffret

Tribunale Roma, sez. lav.

Jobs act

Ove il fatto contestato sia punito dalla contrattazione collettiva con una misura conservativa, l'intimato licenziamento disciplinare risulta illegittimo in quanto fondato su un fatto che è inidoneo a sorreggere una sanzione espulsiva con la conseguente applicazione della tutela reintegratoria attenuata...

Leggi dopo

Sull'obbligo di vigilanza del regolare versamento dei contributi

09 Dicembre 2019 | di Nicola Antonio Nicoletti

Tribunale Catania, sez. lav.

Contributi previdenziali

L'obbligo degli enti previdenziali di provvedere al recupero dei contributi omessi è di natura pubblicistica e il lavoratore, in difetto di un diritto soggettivo al riguardo, così come non ha azione nei confronti di detti enti per costringerli all'azione di recupero...

Leggi dopo

Lavoro intermittente: illegittimo il divieto previsto dal CCNL

09 Dicembre 2019 | di Riccardo Maraga

Cass., sez. lav.

Job on call

La disciplina del lavoro intermittente (chiamato anche lavoro a chiamata o job on call) prevede la possibilità di stipulare tale tipologia contrattuale solo al ricorrere dell'ipotesi soggettiva prevista dalla legge o delle ipotesi oggettive individuate da apposito decreto ministeriale o dai contratti collettivi di lavoro...

Leggi dopo

Sul licenziamento del lavoratore disabile per superamento del periodo di comporto

02 Dicembre 2019 | di Francesco Saverio Giordano

Cass., sez. lav.

Licenziamento discriminatorio

Sono diversi i presupposti di fatto e, conseguentemente, le allegazioni che devono sorreggere una azione volta a far valere una discriminazione diretta rispetto a quelli necessari per sostenere una richiesta di accertare l'esistenza di una discriminazione indiretta e viola il principio...

Leggi dopo

Licenziamento ritorsivo: fattispecie e onere della prova

02 Dicembre 2019 | di Maria Teresa Crotti

Tribunale Trento, sez. lav.

Licenziamento individuale

Il licenziamento per ritorsione costituisce l'ingiusta e arbitraria reazione a un comportamento legittimo del lavoratore colpito o di altra persona a lui legata e pertanto accumunata nella reazione, con conseguente nullità ex art. 1345, c.c., del licenziamento quando la finalità ritorsiva abbia costituito il motivo esclusivo e determinante dell'atto espulsivo...

Leggi dopo

Pagine