Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Rinunce, transazione e conciliazione

Transazione novativa, l’accordo raggiunto qualifica il rapporto tra datore e lavoratore

22 Dicembre 2017 | di Domenico Mesiti

Cass. sez. lav.,

Rinunce, transazione e conciliazione

In ipotesi di intervenuta transazione novativa tra datore di lavoro e lavoratore, l’accordo raggiunto vale a qualificare il rapporto sorto tra gli stessi ed impedisce di configurare l’esistenza di un obbligo contributivo. (Nella specie la somma riconosciuta in forza dell’atto di transazione è stata attribuita al prestatore per mero spirito di liberalità ed al solo fine di evitare un danno all’immagine senza alcuna relazione con quanto precedentemente richiesto e dedotto dal lavoratore).

Leggi dopo

Mancato esperimento del preventivo tentativo obbligatorio di conciliazione e improponibilità della domanda giudiziale

17 Maggio 2017 | di Sara Brambilla

Trib. Bari

Rinunce, transazione e conciliazione

Il preventivo esperimento del tentativo di conciliazione di cui all’art. 80, comma 4, D.Lgs. n. 276/2003, costituisce condizione di proponibilità della domanda. La sua mancanza, quindi, è rilevabile d’ufficio e comporta la definizione della causa con una sentenza (nel caso di specie ordinanza) dichiarativa dell’improponibilità, al pari di quanto avviene in altri procedimenti in cui è imposta la previa fase conciliativa stragiudiziale, come, ad esempio, in materia agraria.

Leggi dopo

Annullabilità dell'accordo transattivo di risoluzione del rapporto con incentivazione all'esodo e principio di presupposizione

07 Luglio 2016 | di Francesca Chietera

Tribunale Nuoro

Rinunce, transazione e conciliazione

La modifica normativa in tema di accesso ai requisiti pensionistici avvenuta successivamente alla risoluzione del rapporto di lavoro con incentivazione all'esodo non è idonea, in applicazione della cd. “presupposizione”, ad invalidare l'accordo di risoluzione del rapporto di lavoro con incentivazione e l'impugnativa di quest'ultimo si sottrae all'ambito di applicazione dell'art. 2113 c.c.

Leggi dopo