Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Responsabilità dell'INPS per erronee informazioni rese all'assicurato sui dati contributivi: il se ed i limiti del risarcimento

18 Ottobre 2019 | di Luigi Di Paola

Cass., sez. lav.

Contributi previdenziali

L'INPS risponde delle erronee comunicazioni della posizione contributiva rese all'assicurato, a seguito di specifica domanda di quest'ultimo, a titolo di responsabilità contrattuale ex art. 1218 c.c., potendo tuttavia il giudice limitare il risarcimento dovuto nell'ipotesi in cui l'assicurato medesimo...

Leggi dopo

Contratto a termine e nullità civilistica per frode alla legge

14 Ottobre 2019 | di Riccardo Maraga

Tribunale Firenze, sez. lav.

Lavoro a tempo determinato

La disciplina del contratto di lavoro subordinato a tempo determinato ha subito, negli anni, numerosi interventi di modifica volti, in alcuni casi, a favorirne l'utilizzo da parte delle imprese e, talvolta, a limitarne l'utilizzo...

Leggi dopo

Mancato riconoscimento del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza indicato dalla RSA: ipotesi di condotta antisindacale

14 Ottobre 2019 | di Maria Teresa Crotti

Tribunale Trento, sez. lav.

Condotta antisindacale

Il riconoscimento del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza eletto fra i lavoratori, in luogo di quello indicato dalla RSA, configura condotta antisindacale anche in presenza di diversa regolamentazione ad opera del CCNL

Leggi dopo

Il licenziamento è legittimo anche se la condotta contestata è estranea e antecedente all'assunzione

10 Ottobre 2019 | di Alessandra Boati

Cass., sez. lav.

Licenziamento disciplinare

In tema di licenziamento per giusta causa, il vincolo fiduciario può essere leso anche da una condotta estranea all'obbligazione contrattuale, benché non attinente alla vita privata del lavoratore e posta in essere precedente all'instaurazione del rapporto di lavoro, a condizione che, in tale secondo caso, si tratti di comportamenti di cui il datore di lavoro è venuto a conoscenza solo dopo l'instaurazione del rapporto di lavoro...

Leggi dopo

Licenziamento disciplinare: fatto giuridico o fatto materiale?

07 Ottobre 2019 | di Francesco Meiffret

Trib. Bari

Licenziamento disciplinare

Nel caso di licenziamento disciplinare, ai fini dell'applicabilità della tutela reintegratoria prevista dal comma 4 dell'art. 18, st. lav., o di quella indennitaria prevista dal successivo comma 5, così come modificati dalla l. n. 92 del 2012, la nozione di fatto valevole ai fini della scelta della sanzione è quella di “fatto materiale” o quella di “fatto giuridico”?

Leggi dopo

L'insussistenza del “fatto materiale contestato” di cui all'art. 3, d.lgs. n. 23 del 2015, nell'interpretazione “creativa” della Corte di cassazione

30 Settembre 2019 | di Nicola Morgese

Licenziamento disciplinare

Con la sentenza n. 12174 dell' 8 agosto 2019 la Corte di cassazione ha inteso estendere alla disciplina di cui all'art. 3, d.lgs. n. 23 del 2015, il principio ermeneutico affermatosi in giurisprudenza con riferimento all'art. 18, l. n. 300 del 1970...

Leggi dopo

Perimetro applicativo dell'art. 2112 c.c. alla luce della recente giurisprudenza europea

23 Settembre 2019 | di Teresa Zappia

Corte giust. UE, Ottava Sezione

Trasferimento d’azienda

Può essere considerato “lavoratore”, e godere della protezione di cui alla direttiva n. 2001/23/CE, chi sia tutelato in quanto tale dalla normativa nazionale e benefici di un contratto di lavoro, anche di collaborazione, alla data del trasferimento d'azienda...

Leggi dopo

La sospensione concordata della prestazione di lavoro non esonera dall'obbligo contributivo

16 Settembre 2019 | di Andrea Rossi

Cass., sez. lav.

Dipendenti retribuzioni e contributi

In conseguenza della tassatività delle ipotesi di esonero dall'obbligo contributivo, il calcolo del premio assicurativo dovuto all'INAIL rimane vincolato al rispetto del minimale contributivo, che opera anche con riferimento all'orario di lavoro, nei casi di assenza del lavoratore o di sospensione concordata della prestazione di lavoro che costituiscano il risultato di un accordo tra le parti derivante da una libera scelta del datore di lavoro.

Leggi dopo

Inesistente l'obbligo a trattare e sottoscrive il contratto collettivo con tutte le organizzazioni sindacali

16 Settembre 2019 | di Marta Filippi

Tribunale Roma, sez. lav.

CCNL

Nell'ordinamento italiano non sussiste alcun obbligo legalmente sancito, ne sorto in base agli usi, posto a carico del datore di lavoro di sottoscrivere contratti collettivi con tutte le organizzazioni sindacali. Ne deriva, pertanto...

Leggi dopo

No alla disdetta unilaterale del Ccnl da parte del datore di lavoro

13 Settembre 2019 | di Riccardo Maraga

Cass., sez. lav.

CCNL

La lunga vicenda, partita nel lontano 2010, dell'uscita del gruppo Fiat dal sistema confindustriale e della conseguente approvazione di un contratto collettivo separato di primo livello efficace in tutti gli stabilimenti del gruppo...

Leggi dopo

Pagine