Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Inserimento funzionale del “navigator” nel centro per l'impiego e riqualificazione in lavoro subordinato tra metodo sussuntivo e metodo tipologico

29 Marzo 2019 | di Fabrizio Ferraro

Cass., sez. lav.

Lavoro dipendente e subordinazione

In tema di qualificazione come subordinato del rapporto di lavoro a favore di un ente pubblico non economico (Centro per l'impiego), oltre all'insussistenza dei presupposti richiesti dall'art. 7, d.lgs. n. 165 del 2001, rileva che il prestatore di lavoro risulti effettivamente inserito nella organizzazione pubblicistica e adibito ad un servizio rientrante nei fini istituzionali dell'ente pubblico...

Leggi dopo

Presupposti e confini della c.d. codatorialità

25 Marzo 2019 | di Enrico Zani

Cass., sez. lav.

Diritti ed obblighi datore di lavoro

Si ha unicità del rapporto di lavoro qualora uno stesso lavoratore presti contemporaneamente servizio per due datori di lavoro e la sua opera sia tale che in essa non possa distinguersi quale parte sia svolta nell'interesse di un datore di lavoro e quale nell'interesse dell'altro, con la conseguenza che entrambi i fruitori di siffatta attività devono essere considerati solidalmente responsabili delle obbligazioni che scaturiscono da quel rapporto, ai sensi dell'art. 1294, c.c., che stabilisce una presunzione di solidarietà in caso di obbligazione con pluralità di debitori, ove dalla legge o dal titolo non risulti diversamente.

Leggi dopo

Tutela dei dirigenti in materia di licenziamento collettivo

25 Marzo 2019 | di Teresa Zappia

Cass., sez. lav.

Licenziamenti collettivi

In forza dell'art. 24, comma 1-quinquies, l. n. 223 del 1991, la comunicazione di avvio della procedura e la previa consultazione delle organizzazioni sindacali di categoria, maggiormente rappresentative sul piano nazionale, trova applicazione anche qualora vi siano coinvolti lavoratori con qualifica dirigenziale, così adempiendo lo Stato italiano agli obblighi derivanti dalla direttiva 98/59/CE. La violazione delle regole procedurali comporta automaticamente la condanna al pagamento di una indennità a favore del lavoratore, non necessitando la prova del danno sopportato.

Leggi dopo

Trattamento dati personali e diritto di accesso a dati valutativi

25 Marzo 2019 | di Gabriele Lipari

Cass., sez. lav.

Privacy

Il diritto di accesso ai dati personali del dipendente è completo e deve considerarsi esteso anche alle valutazioni che il datore di lavoro opera sui detti dati personali

Leggi dopo

L’appello di Torino sul caso dei riders di Foodora: la terza via tra autonomia e subordinazione

19 Marzo 2019 | di Francesco Meiffret

Corte appello Torino, sez. lav.

Lavoro dipendente e subordinazione

L'art. 2 del d.lgs. n. 81 del 2015, individua un terzo genere di rapporto di lavoro che si inserisce tra il lavoro subordinato disciplinato dall'art. 2094, c.c., e la collaborazione come prevista dall'art. 409, comma 3, c.p.c. L’elemento che distingue la collaborazione autonoma etero organizzata dal rapporto di lavoro subordinato e dalla collaborazione autonoma è l'etero organizzazione. Questa è ravvisabile ogni qual volta sussiste un'effettiva integrazione funzionale del lavoratore nella organizzazione produttiva del committente che determina le modalità di esecuzione della prestazione senza tuttavia esercitare il potere gerarchico tipico della subordinazione.

Leggi dopo

La restituzione dei crediti di lavoro e le ritenute fiscali: al netto o al lordo? Brevi note a Corte d'appello di Roma n. 357 del 2019

18 Marzo 2019 | di Francesco Pedroni

Corte appello Roma, sez. lav.

Sostituto d'imposta

Il diritto alla restituzione delle somme pagate dal datore di lavoro al lavoratore sorge direttamente in conseguenza della riforma della decisione eseguita che, facendo venire meno ex tunc e definitivamente il diritto ai pagamenti in base alla prima decisione, impone di porre la controparte nella medesima situazione in cui si trovava in precedenza. Conseguentemente, se il datore di lavoro è il vincitore finale della lite giudiziaria, rimetterlo nella situazione precedente l'attribuzione patrimoniale, privata ex art. 336, c.p.c., di titolo, significa che il lavoratore dovrà restituire al datore medesimo anche quanto da quest'ultimo pagato al fisco. Sarà poi il lavoratore a poter recuperare dal fisco.

Leggi dopo

Successione di contratti a tempo determinato (anche) in somministrazione e decorrenza del termine di decadenza per l'impugnativa stragiudiziale

18 Marzo 2019 | di Luigi Di Paola

Cass., sez. lav.

Somministrazione di lavoro

In tema di successione di contratti di lavoro a termine in somministrazione, l'impugnazione stragiudiziale dell'ultimo contratto della serie non si estende ai contratti precedenti, neppure ove tra un contratto e l'altro sia decorso un termine inferiore a quello di sessanta giorni utile per l'impugnativa, poiché l'inesistenza di un unico continuativo rapporto di lavoro - il quale potrà determinarsi solo “ex post”, a seguito dell'eventuale accertamento della illegittimità del termine apposto - comporta la necessaria conseguenza che a ciascuno dei predetti contratti si applichino le regole inerenti la loro impugnabilità...

Leggi dopo

È legittimo il criterio dell'alta specializzazione se valutato in relazione al contesto produttivo aziendale

11 Marzo 2019 | di Daniela Fargnoli

Licenziamenti collettivi

Laddove la realtà produttiva aziendale sia caratterizzata da una particolare (e delicata) specializzazione (nel settore tecnico produttivo – nella fattispecie bonifica bellica, ambientale e relativo monitoraggio), il criterio dell'alta specializzazione non può ritenersi generico o arbitrario, dovendo essere valutato, conformemente a quanto stabilito nell'accordo collettivo stipulato in applicazione dell'art. 5, comma 1, l. 23 luglio 1991, n. 223, nel peculiare contesto produttivo nel quale è chiamato ad operare.

Leggi dopo

Estensione dei termini di decadenza di cui all'art. 32, l. n. 183 del 2010, un contrasto non ancora sopito

04 Marzo 2019 | di Teresa Zappia

Tribunale Torino, sez. lav.

Prescrizione e decadenze

Nell'ambito di un trasferimento di azienda ex art. 2112, c.c., in ragione della medesimezza dell'oggetto della questione, l'art. 32, comma 4, lett. c), l. n. 183 del 2010, troverà applicazione non soltanto qualora il lavoratore contesti la cessione aziendale e, dunque, domandi l'imputazione del rapporto in capo al cedente, ma anche nell'ipotesi inversa nella quale ne venga rivendicata la continuazione presso il cessionario. Ne consegue la dichiarazione di decadenza dal diritto di impugnazione qualora non vengano rispettati i termini fissati ex lege.

Leggi dopo

È ammissibile la domanda di accertamento della legittimità del licenziamento da parte del datore di lavoro

04 Marzo 2019 | di Alessandra Boati

Cass., sez. lav.

Rito Fornero (legge 92/2012)

Le controversie introdotte dal datore di lavoro per l'accertamento della legittimità del licenziamento comminato al dipendente ricadono nell'ambito di tutela dell'art. 18, l. n. 300 del 1970, in quanto, essendo tale rito funzionale alla certezza - in tempi ragionevolmente brevi - dei rapporti giuridici di lavoro, va riconosciuta la medesima tutela giurisdizionale ad entrambe le parti del rapporto sostanziale...

Leggi dopo

Pagine