Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Contratto a tutele crescenti: licenziamento disciplinare e diritto al reintegro

09 Dicembre 2019 | di Francesco Meiffret

Tribunale Roma, sez. lav.

Jobs act

Ove il fatto contestato sia punito dalla contrattazione collettiva con una misura conservativa, l'intimato licenziamento disciplinare risulta illegittimo in quanto fondato su un fatto che è inidoneo a sorreggere una sanzione espulsiva con la conseguente applicazione della tutela reintegratoria attenuata...

Leggi dopo

Sull'obbligo di vigilanza del regolare versamento dei contributi

09 Dicembre 2019 | di Nicola Antonio Nicoletti

Tribunale Catania, sez. lav.

Contributi previdenziali

L'obbligo degli enti previdenziali di provvedere al recupero dei contributi omessi è di natura pubblicistica e il lavoratore, in difetto di un diritto soggettivo al riguardo, così come non ha azione nei confronti di detti enti per costringerli all'azione di recupero...

Leggi dopo

Lavoro intermittente: illegittimo il divieto previsto dal CCNL

09 Dicembre 2019 | di Riccardo Maraga

Cass., sez. lav.

Job on call

La disciplina del lavoro intermittente (chiamato anche lavoro a chiamata o job on call) prevede la possibilità di stipulare tale tipologia contrattuale solo al ricorrere dell'ipotesi soggettiva prevista dalla legge o delle ipotesi oggettive individuate da apposito decreto ministeriale o dai contratti collettivi di lavoro...

Leggi dopo

Sul licenziamento del lavoratore disabile per superamento del periodo di comporto

02 Dicembre 2019 | di Francesco Saverio Giordano

Cass., sez. lav.

Licenziamento discriminatorio

Sono diversi i presupposti di fatto e, conseguentemente, le allegazioni che devono sorreggere una azione volta a far valere una discriminazione diretta rispetto a quelli necessari per sostenere una richiesta di accertare l'esistenza di una discriminazione indiretta e viola il principio...

Leggi dopo

Licenziamento ritorsivo: fattispecie e onere della prova

02 Dicembre 2019 | di Maria Teresa Crotti

Tribunale Trento, sez. lav.

Licenziamento individuale

Il licenziamento per ritorsione costituisce l'ingiusta e arbitraria reazione a un comportamento legittimo del lavoratore colpito o di altra persona a lui legata e pertanto accumunata nella reazione, con conseguente nullità ex art. 1345, c.c., del licenziamento quando la finalità ritorsiva abbia costituito il motivo esclusivo e determinante dell'atto espulsivo...

Leggi dopo

Obbligo di preavviso della scadenza del comporto e licenziamento discriminatorio indiretto

25 Novembre 2019 | di Marta Filippi

Tribunale Santa Maria Capua Vetere, sez. lav.

Malattia

Seppur non costituisce obbligo gravante sul datore di lavoro quello rappresentato dalla comunicazione preventiva dell'avvicinarsi dello scadere del periodo di comporto, detta omissione costituisce, nel caso di lavoratore affetto da significative e gravi patologie, violazione dei principi di correttezza e buona fede contrattuali, oltre che del principio di solidarietà ex art. 2 Cost. Pertanto, deve ritenersi illegittimo, in quanto viziato da discriminazione indiretta...

Leggi dopo

Danno da demansionamento e pensione anticipata

25 Novembre 2019 | di Luigi Di Paola

Cass., sez. lav.

Demansionamento

In tema di dequalificazione professionale, il giudice del merito, con apprezzamento di fatto incensurabile in cassazione se adeguatamente motivato, può desumere l'esistenza del relativo danno - avente natura patrimoniale e il cui onere di allegazione incombe sul lavoratore - e determinarne l'entità, anche in via equitativa...

Leggi dopo

Decurtazione dell'indennità di mobilità dalla retribuzione del lavoratore licenziato a seguito di cessione di ramo d'azienda

18 Novembre 2019 | di Stefano Lapponi

Cassazione civile, sezione lavoro

Mobilità

La questione in esame riguarda, in caso di cessione di ramo d'azienda, se l'indennità di mobilità possa essere decurtata dalla retribuzione ricevuta per il mancato ripristino del rapporto ad opera del cedente a seguito di dichiarazione di nullità della cessione d'azienda o di ramo di essa.

Leggi dopo

La nozione di ricovero ai fini del diritto ai permessi mensili retribuiti ex art. 33, l. n. 104 del 1992

11 Novembre 2019 | di Sabrina Apa

Cass., sez. lav.

Permessi e aspettative

Il lavoratore può usufruire dei permessi per prestare assistenza al familiare ricoverato presso strutture residenziali di tipo sociale, quali case-famiglia, comunità-alloggio o case di riposo perché queste non forniscono assistenza sanitaria continuativa mentre non può usufruire dei permessi in caso di ricovero del familiare da assistere presso strutture ospedaliere o comunque strutture pubbliche o private che assicurano assistenza sanitaria continuativa...

Leggi dopo

Conformità all'art. 36 Cost. della retribuzione stabilita dalla contrattazione collettiva: il crisma della rappresentatività non è sufficiente

11 Novembre 2019 | di Teresa Zappia

Tribunale Torino, sez. lav.

Retribuzione

Il trattamento retributivo stabilito in sede di contrattazione collettiva, dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, si presume essere proporzionale ed adeguato ai sensi dell'art. 36 Cost. Tuttavia è necessario, al fine di valutarne l'effettiva conformità al dettato costituzionale, tenere conto anche del contenuto globale del C.C.N.L. applicato, nonché delle ragioni esterne che hanno indotto le parti a prevedere una retribuzione inferiore, rispetto a quella applicata nel settore di riferimento, ed eventualmente idonee a costituirne fondamento giustificativo...

Leggi dopo

Pagine