Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Illegittimità costituzionale della sospensione della perequazione automatica 2012-13: sentenza n. 70/2015 e sua attuazione d.l. 65/2015

26 Maggio 2015 | di Gabriele Livi

Corte Costituzionale

Pensioni

In riferimento agli artt. 3, 36, primo comma, e 38, secondo comma, Cost., è costituzionalmente illegittimo l’art. 24, comma 25, D.L. n. 201/2011, convertito in L. n. 214/2011, nella parte in cui, in considerazione della contingente situazione finanziaria, ha integralmente sospeso, per gli anni 2012 e 2013, la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici di importo complessivo superiore a tre volte il trattamento minimo INPS.

Leggi dopo

Associazione in partecipazione: autonomia e subordinazione, requisiti

21 Maggio 2015 | di Antonio Simonetti

Cass., sez. lav.

Associazione in partecipazione

Per la qualificazione di un rapporto contrattuale, quale associazione in partecipazione con apporto di prestazione lavorativa da parte dell’associato ovvero quale lavoro subordinato, occorre accertare quali elementi dell’una o dell’altra tipologia contrattuale prevalgano nel concreto atteggiarsi del rapporto dedotto.

GRATIS PER 1 SETTIMANA

Produzione in giudizio di documenti aziendali riservati e diritto di difesa del lavoratore

13 Maggio 2015 | di Antonio Salvati

Diritti ed obblighi lavoratore

Il lavoratore che produce in una controversia di lavoro copia di atti aziendali riguardanti direttamente la propria posizione lavorativa non viene meno ai doveri di fedeltà di cui all’art. 2105 c.c..

Leggi dopo

L’esclusione del socio da una società cooperativa determina l'automatica estinzione del rapporto di lavoro senza la necessità di un formale licenziamento

08 Maggio 2015 | di Antonio Dibitonto

Cass. sez. lav.

Socio lavoratore

La delibera di esclusione del socio da una società cooperativa è sufficiente a determinare l'automatica estinzione del rapporto di lavoro, senza che sia necessario uno specifico atto di licenziamento, trovando la posizione del socio lavoratore adeguata tutela nel disposto dell'art. 2533 c.c., che gli riconosce la facoltà di proporre opposizione al tribunale contro la delibera degli amministratori o, se previsto dall'atto costitutivo, dell'assemblea.

Leggi dopo

Il potere di regolamentazione delle Casse di Previdenza private in relazione ai criteri di calcolo dei trattamenti pensionistici

05 Maggio 2015 | di Domenico Mesiti

Cass. sez. lav.

Pensioni

In tema di liquidazione dei trattamenti pensionistici da parte delle Casse di Previdenza private il rispetto del c.d. principio del pro rata costituisce limite minimo indefettibile che le Casse medesime devono obbligatoriamente considerare.

Leggi dopo

La violazione delle norme del codice della strada quale ipotesi di rischio elettivo nell’infortunio in itinere

30 Aprile 2015 | di Antonio De Simone

Cass. civ., sez. VI

Infortuni sul lavoro

In tema di infortunio in itinere, il rischio elettivo che ne esclude la indennizzabilità deve essere valutato con maggior rigore che nell'attività lavorativa diretta, comprendendo comportamenti di per sé non abnormi, secondo il comune sentire, ma semplicemente contrari a norme di legge o di comune prudenza. Ne consegue che la violazione di norme fondamentali del codice della strada può integrare il rischio elettivo che esclude il nesso di causalità tra attività protetta ed evento.

Leggi dopo

Risarcimento del danno da demansionamento e riforma del settore delle telecomunicazioni

29 Aprile 2015 | di Gianpiero Belligoli

Cass. sez. lav.

Qualifica, mansioni e categorie professionali

Le tabelle di equiparazione predisposte dalla contrattazione collettiva in funzione della conservazione della posizione giuridica ed economica del lavoratore nel passaggio del servizio di telefonia dal settore pubblico a quello privato (L. 29 gennaio 1992 n. 58) possono essere disapplicate dal giudice ogniqualvolta ne ravvisi la parziale nullità per la non corrispondenza ai criteri imposti dalla legge in ragione della salvaguardia della professionalità dei lavoratori.

Leggi dopo

Il diritto di indire l’assemblea sindacale alla luce del nuovo T.U. sulla rappresentanza Confindustria-Cgil, Cisl e Uil

24 Aprile 2015 | di Emanuele Petrilli

Trib. Torino
Trib. Torino
Trib. Nola

RSA - RSU

In tema di rappresentanza sindacale, dalla lettura coordinata della legge 20 maggio 1970, n. 300, art. 19 e art. 20, si desume che il combinato disposto degli artt. 4 e 5 dell’Accordo interconfederale del 1993 (istitutivo delle RSU) deve essere interpretato nel senso che il diritto di indire assemblee rientra tra le prerogative attribuite non solo alla RSU considerata collegialmente, ma anche a ciascun componente della RSU stessa, purché questi sia stato eletto nelle liste di un sindacato che, nell’azienda di riferimento, sia, di fatto, dotato di rappresentatività ai sensi dell’art. 19 cit., quale risultante dalla sentenza della Corte costituzionale n. 231 del 2013.

Leggi dopo

Regolamento di competenza tra giudizio cautelare e giudizio sommario

20 Aprile 2015 | di Maria Teresa Belmonte

Cass. civ.

Rito Fornero (legge 92/2012)

E’ ammissibile il regolamento di competenza in relazione ad una ordinanza (che ha dichiarato – nel caso de quo – l’incompetenza) emessa nella fase sommaria del Rito Fornero.

Leggi dopo

Termine di prescrizione dell’azione di regresso: decorrenza in caso di mancato inizio dell’azione penale

16 Aprile 2015 | di Aldo De Matteis

Cass. civ. sez. un.

Infortuni sul lavoro

In tema di assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro, l'azione di regresso dell'INAIL nei confronti del datore di lavoro può essere esercitata nel termine triennale di prescrizione, che, ove non sia stato iniziato alcun procedimento penale, decorre dal momento di liquidazione dell'indennizzo al danneggiato, ovvero, in caso di rendita, dalla data di costituzione della stessa.

Leggi dopo

Pagine