Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Il reclutamento del personale nelle società a totale partecipazione pubblica

12 Giugno 2018 | di Alessia Giunta

Cass. sez. lav.

Lavoro a tempo determinato

Una volta affermato che per le società a partecipazione pubblica l'esperimento delle procedure concorsuali condiziona la validità del contratto di lavoro, non può che operare il principio secondo cui la regola della concorsualità impedisce la conversione in rapporto a tempo indeterminato del contratto a termine affetto da nullità.

Leggi dopo

Inapplicabilità della responsabilità solidale ex art. 29, d.lgs. n. 276 del 2003 al condominio committente

07 Giugno 2018 | di Francesco Meiffret

Tribunale Torino

Appalto

Il condominio è un ente di gestione sprovvisto di personalità giuridica rispetto ai singoli condomini, i quali sono persone fisiche operanti per scopi estranei ad attività imprenditoriali o professionali. Per questo motivo, in base all'art. 29, co, 3-ter del D.Lgs. n. 276/2003, è esclusa la responsabilità solidale tra appaltatore e committente.

Leggi dopo

Illegittimo il licenziamento del dirigente per fatti emersi dall'istruttoria ma non contestati

05 Giugno 2018 | di Alessandra Boati

Cass. sez. lav.,

Licenziamento disciplinare

Se idonei ad incidere sul vincolo fiduciario, i comportamenti e gli atti di gestione posti in essere in qualità di amministratore di una società controllata possono portare al licenziamento del dirigente, purché siano oggetto di preventiva contestazione disciplinare, in conformità con le garanzie procedimentali dettate dall'art. 7 dello Statuto dei Lavoratori.

Leggi dopo

Il tribunale di Roma getta una luce nuova sull'interpretazione della nozione di ramo di azienda

31 Maggio 2018 | di Ilario Alvino

Trib. Roma,

Trasferimento d’azienda

Si configura come trasferimento di ramo di azienda anche la cessione di un gruppo organizzato di lavoratori per fornire un servizio economicamente valutabile, senza che sia necessario dimostrare la comunanza di un know how specialistico, né potendo assumere rilevanza l’eventuale incapacità del ramo a produrre un vero e proprio risultato finale autonomo nell’appalto accedente alla cessione.

Leggi dopo

Specificità della contestazione e molestie: rileva anche il contesto nel quale si sono svolti i fatti

29 Maggio 2018 | di Daniela Fargnoli

Cass. sez. lav.,

Contestazioni disciplinari

La contestazione disciplinare deve delineare l'addebito come individuato dal datore di lavoro e tracciare i contorni della condotta ritenuta disciplinarmente rilevante, salva la successiva verifica da parte del giudice dell'idoneità della condotta contestata a costituire giusta causa o giustificato motivo soggettivo di recesso. Devono, dunque, essere fornite le indicazioni necessarie ed essenziali per individuare, nella loro materialità, il fatto o i fatti nei quali il datore di lavoro abbia ravvisato infrazioni disciplinari o violazioni.

Leggi dopo

Contratto a termine nella PA e contrattazione collettiva: sulla durata del rapporto di lavoro prevale la volontà della seconda

24 Maggio 2018 | di Marta Filippi

Trib. Isernia.,

Lavoro pubblico

In base al principio per cui lex specialis derogat generali, valevole anche nel rapporto con le disposizioni di natura collettiva, laddove l'autonomia privata individui nel contratto a termine un tetto massimo temporale, tra proroghe e rinnovi, differente da quello previsto dalla disciplina legale, la prima prevale sulla volontà normativa.

Leggi dopo

Licenziamento per giustificato motivo oggettivo e violazione dell'obbligo di repechage: i regimi di tutela applicabili

22 Maggio 2018 | di Luigi Di Paola

Cass. sez. lav.,

Licenziamento individuale

In tema di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, nel regime di cui al novellato art. 18 St. Lav., la verifica del requisito della “manifesta insussistenza del fatto posto a base del licenziamento” concerne entrambi i presupposti di legittimità del licenziamento per giustificato motivo oggettivo e, quindi, sia le ragioni inerenti all’attività produttiva, l’organizzazione del lavoro ed il regolare funzionamento di essa, sia l’impossibilità di collocare altrove il lavoratore.

Leggi dopo

La Direttiva comunitaria e il diritto al TFR in caso di cessazione del contratto di agenzia nel periodo di prova

17 Maggio 2018 | di Alberto Venezia

Corte di Giustizia UE,

Agenti e rappresentanti

La pattuizione di un periodo di prova nel contratto di agenzia, pur non essendo prevista dalla Direttiva 86/653/CEE, è espressione della libertà contrattuale delle parti e non può considerarsi, di per sé, vietata. Inoltre, l’art. 17 della stessa Direttiva sugli agenti commerciali, in tema di trattamento di fine rapporto, va interpretato nel senso che la disciplina dell’indennità e del risarcimento va applicata anche laddove il contratto di agenzia cessi durante il periodo di prova.

Leggi dopo

Le patologie contratte a causa dello stress lavoro-correlato sono indennizzabili dall'INAIL

15 Maggio 2018 | di Andrea Rossi

Cass. sez. lav.,

Infortuni sul lavoro

Nell'ambito del sistema assicurativo contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali sono indennizzabili tutte le malattie di natura fisica o psichica la cui origine sia riconducibile al rischio del lavoro, sia che riguardi la lavorazione sia che riguardi l'organizzazione del lavoro e le modalità della sua esplicazione, dovendosi ritenere incongrua una qualsiasi distinzione in tal senso.

Leggi dopo

L’integrazione del personale interno con quello esterno da parte di un Ente pubblico configura la richiesta di una somministrazione di personale

10 Maggio 2018 | di Elena Boghetich

Cons. St. sez. III.,

Somministrazione di lavoro

L’esigenza di un Ente pubblico di integrare il proprio personale interno (dimostratosi insufficiente) con altro personale esterno, in modo da garantire il regolare svolgimento delle proprie consuete attività d’ufficio, configura la richiesta di una somministrazione di personale e non di un appalto di servizi.

Leggi dopo

Pagine