Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

La tutela del lavoratore in caso di licenziamento disciplinare per giusta causa disposto in assoluta carenza della preventiva contestazione

03 Gennaio 2019 | di Luisa Marchesini

Tribunale di Bari

Licenziamento disciplinare

La questione affrontata dalla pronuncia in commento riguarda la tutela applicabile in caso di licenziamento disciplinare per giusta causa disposto in radicale difetto di contestazione preventiva al lavoratore.

Leggi dopo

Il congedo parentale nella disciplina del CCNL scuola quale norma di maggior favor rispetto alla disciplina legale

27 Dicembre 2018 | di Marta Filippi

Congedi parentali

Le questioni giuridiche sottese al caso di specie riguardano in primo luogo la corretta interpretazione dell'art. 12 del CCNL scuola, in materia di congedo parentale.

Leggi dopo

Reclutamento del personale nelle società a partecipazione pubblica: incovertibilità del contratto a termine nullo

24 Dicembre 2018 | di Teresa Zappia

Corte appello Roma, sez. lav.

Contratto di lavoro

La pronuncia in commento stabilisce se possa essere convertito in un rapporto di lavoro a tempo indeterminato il contratto a termine stipulato da una società a partecipazione pubblica pur non essendo stata avviata alcuna procedura di selezione nel reclutamento del personale.

Leggi dopo

Fornitura di protesi da parte dell'Inail e riflessi sulla tutela risarcitoria

14 Dicembre 2018 | di Andrea Rossi

Infortuni sul lavoro - assicurazione

Gli apparecchi di protesi sono inclusi nei dispositivi medici, la cui fornitura è rimessa all'Inail nelle ipotesi in cui l'infortunio occorso ne determini la necessità, dovendo escludersi che la copertura assicurativa riguardi solo le protesi idonee a ridurre il grado di inabilità.

Leggi dopo

Diritto di indire l'assemblea sindacale e rappresentatività della singola componente della r.s.u.

10 Dicembre 2018 | di Luisa Rocchi

Corte appello Perugia, sez. lav.

Diritti sindacali

In tema di rappresentatività sindacale, dalla lettura coordinata degli artt. 19 e 20, l. 20 maggio 1970, n. 300, si desume che il combinato disposto degli artt. 4 e 5 dell'Accordo Interconfederale del 20 dicembre 1993, istitutivo delle r.s.u., deve essere interpretato nel senso che il diritto di indire assemblee rientra tra le prerogative attribuite non solo alla r.s.u. considerata collegialmente, ma anche a ciascun componente della r.s.u. stessa, purché questi sia stato eletto nelle liste di un sindacato che, nell'azienda di riferimento, sia di fatto dotato di rappresentatività ai sensi del citato art. 19, l. n. 300 del 1970, quale risultante a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 231 del 2013.

Leggi dopo

L’obbligo di repêchage nel caso di licenziamento per sopravvenuta inidoneità fisica o psichica del lavoratore e la tutela reintegratoria

07 Dicembre 2018 | di Isabella Anna Carla de Cesare

Cass., sez. lav.

Licenziamento individuale

Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo consistente sulla inidoneità del lavoratore deve ritenersi illegittimo qualora non sia stato rispettato l'obbligo datoriale di adibire lo stesso a mansioni compatibili con lo stato sopravvenuto di salute, con la conseguente applicabilità della tutela reintegratoria nella sua forma attenuata, come prevista dall'art. 18 comma 4, l. n. 300 del 1970.

Leggi dopo

Procedibilità del ricorso per cassazione notificato via p.e.c.: parziale revirement della Suprema Corte

06 Dicembre 2018 | di Mariagrazia Bruzzone

Cass., sez. un.

Processo telematico

Il deposito in cancelleria, nel termine di venti giorni dall'ultima notifica, di copia analogica del ricorso per cassazione predisposto in originale telematico e notificato a mezzo posta elettronica certificata, senza attestazione di conformità del difensore ex art. 9, commi 1-bis e 1-ter, o con attestazione priva di sottoscrizione autografa, non ne comporta l'improcedibilità ai sensi dell'art. 369, c.p.c., sia nel caso in cui il controricorrente (anche tardivamente costituitosi) depositi copia analogica di detto ricorso autenticata dal proprio difensore, sia in quello in cui, ai sensi dell'art. 23, comma 2, d.lgs. n. 82 del 2005, non ne abbia disconosciuto la conformità all'originale notificatogli...

Leggi dopo

Licenziamento per riduzione di personale in presenza di lavoratori con mansioni fungibili

03 Dicembre 2018 | di Francesco Meiffret

Cass., sez. lav.

Licenziamento economico

In tema di licenziamento per giustificato motivo oggettivo basato sulla necessità di riduzione del numero di dipendenti in presenza di personale che svolge prestazioni fungibili, ove sia impossibile adibire il lavoratore ad altre mansioni, la scelta del datore di quali prestatori di lavoro licenziare non deve essere solamente esente da motivazioni discriminatorie, ma, in virtù dei principi di correttezza e buona fede, deve essere basata su criteri oggettivi. Detta condizione è rispettata qualora siano applicati i criteri previsti dall'art. 5, l. n. 223 del 1991, o altri parametri oggettivi

Leggi dopo

La Corte di cassazione ritorna sulla definizione dei limiti delle tutele riconosciute al lavoratore disabile

26 Novembre 2018 | di Enrico Zani

Cass., sez. lav.

Disabili

Il diritto del lavoratore disabile all'adozione di accorgimenti che consentano l'espletamento della prestazione lavorativa trova un limite nell'organizzazione interna dell'impresa e, in particolare, nel mantenimento degli equilibri finanziari dell'impresa stessa, nonché nel diritto degli altri lavoratori alla conservazione delle mansioni assegnate e, in ogni caso, di mansioni che ne valorizzino l'esperienza e la professionalità acquisita.

Leggi dopo

Differenza di trattamento tra lavoratori precari e di ruolo nell'accordo quadro europeo sul lavoro a tempo determinato

26 Novembre 2018 | di Marta Filippi

Corte giustizia UE, sez. VI

Lavoro a tempo determinato

La previsione della clausola 4 dell'Accordo Quadro sul lavoro a tempo determinato non osta ad una differenziazione di trattamento tra lavoratori precari e lavoratori di ruolo sulla base di concreti e precisi elementi di diversità qualificabili come ragioni oggettive. Non contrasta pertanto con essa la normativa nazionale, in materia di ricostruzione della carriera scolastica, in base alla quale si tiene conto dei periodi di servizio di pre-ruolo in misura integrale fino al quarto anno e dei restanti parzialmente ovvero fino ai dei due terzi ai fini giuridici ed di un terzo a fini economici, laddove essa fonda tale diversità di trattamento su criteri obbiettivi quali l'aver prestato esclusivamente sostituzioni temporanee e brevi nell'insegnamento di diverse e svariate materie

Leggi dopo

Pagine