News

News

Lavoratori fuori sede: non tutte le maggiorazioni corrisposte sono indennità di trasferta

06 Agosto 2020 | di Francesca Siccardi

Cass., sez. lav.

Trasferta

L’indennità di trasferta concorre a formare reddito nella misura del 50% del suo ammontare solo se sussistono congiuntamente le seguenti condizioni: 1) mancata indicazione nel contratto della sede di lavoro; 2) svolgimento di attività lavorativa...

Leggi dopo

Responsabilità dell'appaltatore sub-committente

31 Luglio 2020 | di Sabrina Apa

Appalto

Il committente o sub-committente (datore di lavoro), chiamato a rispondere dell'adempimento dei propri obblighi in base all'art. 7 d.lgs. n. 626 del 1994, non può mai andare esente dalla propria responsabilità per il mero fatto che non sapesse del subappalto; dovendo invece dimostrare in positivo cosa ha fatto e come ha adempiuto ai propri obblighi di legge...

Leggi dopo

Troppe assenze per malattia, l’azienda chiede una verifica medica: legittimo il rifiuto del dipendente

30 Luglio 2020 | di Attilio Ievolella

Cass., sez. lav.

Malattia

Vittoria per il dipendente che vede riconosciuto il proprio diritto a riavere il lavoro. Priva di fondamento l’azione dell’azienda, che aveva licenziato il lavoratore solo perché quest’ultimo si era rifiutato di sottoporsi a delle verifiche mediche sulla veridicità delle malattie che spesso – 60 giorni in 10 mesi – lo avevano obbligato a rimanere a casa.

Leggi dopo

Licenziato, reintegrato e trasferito: abuso compiuto dall’azienda e risarcimento per il dipendente

27 Luglio 2020 | di La Redazione

Cass., sez. lav.

Licenziamento individuale

Per i Giudici il dipendente ha diritto a riavere il posto di lavoro ricoperto prima del licenziamento. Allo stesso tempo l’azienda va condannata a risarcire il danno arrecato al dipendente. Decisiva la mancata dimostrazione dell’effettiva sussistenza di un processo di riorganizzazione interna comportante il venir meno delle mansioni in precedenza affidate al lavoratore.

Leggi dopo

Non si può essere puniti due volte per uno stesso fatto

21 Luglio 2020 | di Maura Corrado

Cass., sez. lav.

Contestazioni disciplinari

Non può essere esercitato due volte il potere disciplinare per uno stesso fatto, sotto il profilo della sua diversa valutazione o configurazione giuridica. La Corte di appello di Milano dichiarava legittimo il licenziamento per giusta causa intimato da una s.p.a. a un suo dipendente...

Leggi dopo

Se il CCNL prevede la sola sanzione conservativa il giudice del merito è vincolato a tale indicazione

20 Luglio 2020 | di Roberto Dulio

Cass., sez. lav.

Contestazioni disciplinari

Nel pubblico impiego privatizzato ove la previsione del CCNL ricolleghi ad un determinato comportamento, disciplinarmente rilevante, solamente una sanzione conservativa, il giudice del merito è vincolato da tale indicazione, salva la eventuale nullità di tale previsione ai sensi dell'articolo 55, comma 1, d.lgs. n. 165 del 2001.

Leggi dopo

La Cassazione sul principio della immutabilità della contestazione

17 Luglio 2020 | di Sabrina Apa

Cass., sez. lav.

Licenziamento individuale

Ai fini del rispetto delle garanzie previste dall'art. 7 l. n. 300 del 1970, il contraddittorio sul contenuto dell'addebito mosso al lavoratore può ritenersi violato (con conseguente illegittimità della sanzione, irrogata per causa diversa da quella enunciata nella contestazione) solo quando vi sia stata una sostanziale immutazione del fatto addebitato...

Leggi dopo

Jobs Act: depositata la sentenza della Consulta sulla indennità in caso di licenziamento illegittimo per vizi formali

16 Luglio 2020 | di La Redazione

Corte cost.

Jobs act

Depositate le motivazioni della Corte costituzionale (16 luglio 2020, n. 150) sul Jobs Act e i criteri di determinazione dell’indennità da corrispondere nel caso di licenziamento viziato solo dal punto di vista formale e procedurale; la Consulta ha stabilito che tale indennità non può essere ancorata solo all’anzianità di servizio.

Leggi dopo

Bando pubblico destinato ai lavoratori disabili disoccupati: non c'è discriminazione

15 Luglio 2020 | di La Redazione

Cass., sez. lav.

Lavoro pubblico

Non può essere considerato discriminatorio il bando pubblico indetto ex l. n. 68 del 1999 che preveda il requisito della disoccupazione in capo al portatore di disabilità sia al momento della domanda che all'atto dell'assunzione.

Leggi dopo

Assenza prolungata e non comunicata: legittimo il licenziamento

07 Luglio 2020 | di Attilio Ievolella

Cass., sez. lav.

Licenziamento individuale

Confermato il provvedimento con cui un’azienda ha messo alla porta un dipendente, reo di non aver comunicato la ragione della sua mancata presenza al lavoro per un periodo di oltre venti giorni. Respinta la tesi difensiva, secondo cui il lavoratore non ha provveduto alla comunicazione necessaria perché colpito da una patologia mentale.

Leggi dopo

Pagine