News

News su Lavoro a tempo determinato

La Corte di Giustizia UE sul contratto a termine e l’indennità di fine rapporto

14 Giugno 2018 | di La Redazione

CGUE,

Lavoro a tempo determinato

La Corte di Giustizia UE, con la sentenza C-677/16 del 5 giugno, si è espressa sulla possibilità o meno di corrispondere un’indennità di fine rapporto ai lavoratori assunti con contratto di lavoro a tempo determinato stipulati per coprire temporaneamente una posizione.

Leggi dopo

Nelle “realtà aziendali complesse” il datore di lavoro non è obbligato ad indicare i nomi dei lavoratori sostituiti

10 Gennaio 2018 | di La Redazione

Cass. sez. lav.,

Lavoro a tempo determinato

Fermo restando quanto previsto dalla disciplina contenuta nel D.Lgs. n. 368/2001 (Attuazione della Direttiva 1999/70/CE relativa all'accordo quadro sul lavoro a tempo determinato), nelle situazioni aziendali complesse il datore di lavoro è esentato dall’obbligo di indicare, nella causale del contratto di assunzione, i nominativi dei lavoratori sostituiti.

Leggi dopo

Successione di contratti a termine nel settore postale: le Sezioni Unite

20 Giugno 2016 | di La Redazione

Lavoro a tempo determinato

La Cassazione, con sentenza a SS.UU. n. 11374/2016, ha sancito la liceità dei contratti a termine stipulati in successione nel settore postale, in quanto conformi al D.Lgs. n. 368/2001, disciplina non in contrasto con i principi fissati dalla normativa comunitaria in materia.

Leggi dopo

Attività stagionali e intervalli nei contratti a termine

26 Maggio 2016 | di La Redazione

Ministero del Lavoro, Interpello 20 maggio 2016, n. 15.pdf

Lavoro a tempo determinato

L’Interpello n. 15/2016 del Ministero del Lavoro chiarisce la portata dell’art. 21, co. 2, D.Lgs. n. 81/2015 ove sancisce la non applicazione del regime degli intervalli tra un contratto a tempo determinato e quello successivo, nelle ipotesi di lavoratori impiegati nelle attività stagionali individuate con D.M. e dai CCNL.

Leggi dopo

Attività di ricerca e deroghe alla durata dei contratti a termine

12 Aprile 2016 | di La Redazione

Ministero del Lavoro, Interpello 11 aprile 2016, n. 12.pdf

Lavoro a tempo determinato

Il Ministero del Lavoro, con Interpello n. 12/2016, risponde ad un duplice ordine di questioni relative alla corretta interpretazione dell’art. 23, co. 3, D.Lgs. n. 81/2015, che prevede la possibilità di derogare al limite massimo di 36 mesi in caso di contratto a tempo determinato avente per oggetto attività di ricerca.

Leggi dopo

Legittime le assunzioni a termine per sostituire lavoratori in ferie?

29 Febbraio 2016 | di La Redazione

Lavoro a tempo determinato

Con sentenza n. 2921/2016 la Cassazione, ribadendo che la delega ai contraenti collettivi di cui all’art. 23, L. n. 56/1987 costituisce una “delega in bianco”, ritiene legittima la stipula di contratti a termine per sostituire lavoratori in ferie, prevista dal CCNL.

Leggi dopo

Normativa post sisma in Abruzzo e Jobs Act

28 Settembre 2015 | di La Redazione

Ministero del Lavoro, Interpello 24 settembre 2015, n. 21.pdf

Lavoro a tempo determinato

Con Interpello n. 21/2015, il Ministero del Lavoro ha chiarito la corretta applicazione, a seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. n. 81/2015, della normativa emergenziale post sisma 6 aprile 2009 in materia di proroga dei contratti di lavoro a tempo determinato.

Leggi dopo

Risoluzione del rapporto per mutuo consenso: la mera inerzia del lavoratore non basta

20 Aprile 2015 | di La Redazione

Lavoro a tempo determinato

La Cassazione, con sentenza n. 5871/2015, si è pronunciata sulla esclusione della risoluzione consensuale del rapporto per mutuo consenso nel caso di prolungata inerzia del lavoratore dopo la scadenza del termine illegittimamente apposto al contratto di lavoro.

Leggi dopo

Onere probatorio del rispetto del limite percentuale nelle assunzioni a termine

18 Marzo 2015 | di La Redazione

Lavoro a tempo determinato

La Cassazione, con ordinanza n. 1351/2015, ha ribadito che si configura come una delega in bianco ai sindacati la possibilità di individuare ipotesi di apposizione del termine al contratto oltre a quelle previste ex lege e che è onere del datore di lavoro provare l’osservanza della percentuale massima di assunzioni a tempo determinato fissata dalla contrattazione.

Leggi dopo

Lavoro a termine nel settore nautico, successione di contratti e frode alla legge

20 Febbraio 2015 | di Luigi Di Paola

Cass. sez. lav.

Lavoro a tempo determinato

In tema di contratto a termine, la presenza di una normativa - quale quella sul lavoro nautico - astrattamente idonea a prevenire abusi non esclude che, in concreto, ricorra un esercizio della facoltà di assumere a tempo determinato tale da integrare frode alla legge sanzionabile ex art. 1344 c.c., ipotesi che per sua natura non può che essere esaminata caso per caso, con apprezzamento - riservato al giudice di merito - del numero dei contratti di lavoro a tempo determinato, dell’arco temporale complessivo in cui si sono succeduti e di ogni altra circostanza fattuale emersa in atti

Leggi dopo

Pagine