News

News su Licenziamento individuale

Obbligo di repêchage e tutela reintegratoria

24 Ottobre 2018 | di La Redazione

Cass., sez. lav.,

Licenziamento individuale

In tema di licenziamento per sopravvenuta inidoneità fisica alle mansioni, il recesso intimato dal datore di lavoro senza aver rispettato l'obbligo di repêchage, consistente nella ricerca di soluzioni alternative - compatibili, in questo caso, con il particolare stato di salute del lavoratore - anche eventualmente dequalificanti, rende insussistente il motivo posto a fondamento del licenziamento con conseguente applicazione della tutela reintegratoria prevista dal comma 7 dell'art. 18, st. lav. La Corte di cassazione si pone - affermano i giudici di legittimità - nel solco del principio già affermato dalla stessa, secondo cui il comma 7 dell'art. 18, st. lav., prevede espressamente la reintegrazione per il caso in cui il giudice accerti il difetto di giustificazione del licenziamento intimato per motivo oggettivo consistente nell'inidoneità fisica o psichica del lavoratore senza attribuire al giudice stesso alcuna discrezionalità.

Leggi dopo

Il Tribunale di Bari anticipa il deposito della sentenza della Consulta sulla quantificazione della indennità per il licenziamento illegittimo

16 Ottobre 2018 | di La Redazione

Licenziamento individuale

Il Tribunale di Bari quantifica l'indennità spettante a un lavoratore illegittimamente licenziato interpretando in maniera "costituzionalmente orientata" l'art. 3, comma 1, d.lgs. n. 23 del 2015 (cd. Jobs Act). La Corte costituzionale il 26 settembre scorso ha infatti dichiarato l'illegittimità di detta disposizione nella parte in cui determina in modo rigido, sulla base della sola anzianità di servizio, l'indennità spettante al lavoratore ingiustificatamente licenziato. Tale pronuncia della Consulta non risulta ancora depositata...

Leggi dopo

Illegittimo il licenziamento basato sulle indagini dell’agente investigativo

07 Settembre 2018 | di La Redazione

Cass., sez. lav.,

Licenziamento individuale

Pur potendo il datore di lavoro ricorrere a soggetti terzi, come agenzie di investigazione, per l’accertamento di violazioni da parte dei lavoratori, tale verifica non può estendersi all’adempimento o meno della loro prestazione lavorativa.

Leggi dopo

È ammissibile un successivo licenziamento, dopo il primo, fondato su un diverso motivo, sopravvenuto o comunque non conosciuto in precedenza

01 Agosto 2018 | di La Redazione

Cass., sez. lav.

Licenziamento individuale

In tema di licenziamento in regime di tutela reale, ove il datore di lavoro abbia intimato al lavoratore un licenziamento individuale, è ammissibile una successiva comunicazione di recesso dal rapporto da parte del datore medesimo, purché il nuovo licenziamento si fondi su una ragione o motivo diverso, sopravvenuto o, comunque, non conosciuto in precedenza dal datore, e la sua efficacia resti condizionata all'eventuale declaratoria di illegittimità del primo.

Leggi dopo

Al licenziamento individuale per g.m.o. sono applicabili i criteri di scelta dei licenziamenti collettivi

30 Luglio 2018 | di La Redazione

Cass., sez. lav.

Licenziamento individuale

Anche nei licenziamenti individuali per g.m.o. deve farsi riferimento ai criteri di scelta di cui alla L. n. 223 del 1991. La Corte di Cassazione ha infatti ritenuto che possa farsi riferimento, pur nella diversità dei rispettivi regimi, ai criteri che l'art. 5, ha dettato per i licenziamenti collettivi per l'ipotesi in cui l'accordo sindacale non abbia indicato criteri di scelta diversi e, conseguentemente, prendere in considerazione in via analogica i criteri dei carichi di famiglia e dell'anzianità (non assumendo, invece, rilievo le esigenze tecnico - produttive e organizzative data la situazione di totale fungibilità tra i dipendenti). In analoga prospettiva la Corte ha puntualizzato che il ricorso a detti criteri resta giustificato non tanto sul piano dell'analogia quanto piuttosto per costituire i criteri di scelta previsti dal predetto art. 5, L. n. 223 del 1991, uno standard particolarmente idoneo a consentire al datore di lavoro di esercitare il suo unilaterale potere selettivo coerentemente con gli interessi del lavoratore e con quello aziendale (cfr. Cass. n. 6667 del 2002 e giurisprudenza ivi citata in motivazione).

Leggi dopo

Tutela reintegratoria, possibile anche per mancato repechage

14 Maggio 2018 | di La Redazione

Cass. sez. lav.,

Licenziamento individuale

La manifesta insussistenza del fatto base del licenziamento, che determina per il datore l’obbligo di reintegrazione del dipendente sul posto di lavoro, può trovare origine dal mancato assolvimento dell’obbligo di ricollocazione del lavoratore.

Leggi dopo

Se l’azienda non esegue l’ordine provvisorio di riammissione del lavoratore licenziato deve risarcire

09 Maggio 2018 | di La Redazione

Corte Cost.

Licenziamento individuale

Il datore di lavoro che viene meno all’ordine provvisorio di riammissione del lavoratore licenziato deve corrispondere un’indennità risarcitoria ai sensi dell’art. 18 St. Lav, che coerentemente correla l’indennità ad una condotta contra ius del datore di lavoro.

Leggi dopo

L’art. 18 supera il vaglio di costituzionalità: se l’azienda non reintegra deve risarcire

24 Aprile 2018 | di La Redazione

Ufficio Stampa Corte Costituzionale, Comunicato stampa 23 aprile 2018.pdf

Licenziamento individuale

L’Ufficio Stampa della Corte Costituzionale ha riportato la sentenza n. 86 del 23 aprile 2018 (la prima sul Jobs Act) che, dichiarando costituzionalmente legittimo l’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, ha sancito che la violazione dell’ordine provvisorio di riassunzione espone l’azienda al risarcimento del danno.

Leggi dopo

Licenziato per giustificato motivo soggettivo: sì all’indennità di mancato preavviso

14 Marzo 2018 | di La Redazione

Cass. sez.

Licenziamento individuale

Nelle più ampie pretese economiche, collegate dal lavoratore all’annullamento del licenziamento, asserito come ingiustificato, ben può ritenersi compresa quella, di minore entità, derivante dal licenziamento che, pur qualificandosi come giustificato, preveda il diritto del lavoratore al preavviso.

Leggi dopo

Licenziato dopo due anni dal fatto: al lavoratore spetta la sola tutela indennitaria

04 Gennaio 2018 | di La Redazione

Cass. sez. un., 27 dicembre 2017, n. 30985.pdf

Licenziamento individuale

Qualora la contestazione dell’addebito del licenziamento, avvenuto per motivi disciplinari, sia affetta da un ritardo «notevole e non giustificato», il lavoratore ha diritto alla sola tutela indennitaria ai sensi dell’art. 18 Stat. Lav..

Leggi dopo

Pagine