News

News

La dipendente sottrae somme all'azienda. Scatta il licenziamento

04 Dicembre 2014

Licenziamento disciplinare

Lineare e coerente la condotta dell’azienda, che ha verificato la consistenza delle contestazioni poi mosse alla dipendente, ossia l’aver incassato personalmente i soldi pagati dai clienti per alcuni prodotti non passati alla casa. Quadro accusatorio chiaro e grave: legittimo, quindi, il provvedimento del licenziamento.

Leggi dopo

Posto soppresso, rifiutata la proposta di ricollocazione: corretto il licenziamento

04 Dicembre 2014 | di La Redazione

Licenziamento economico

Ridimensionato il personale di due punti vendita, con la ‘cancellazione’ della sartoria. Consequenziale la collocazione in mobilità della lavoratrice inquadrata come sarta, che, poi, rifiuta anche l’opportunità di trasferirsi in un altro ‘punto vendita’ e deve dire addio al posto di lavoro.

Leggi dopo

Giusta causa: il contratto collettivo non è un manuale di istruzioni per il giudice

03 Dicembre 2014 | di La Redazione

Licenziamento disciplinare

La giusta causa di licenziamento è una nozione legale ed il giudice non è vincolato dalle previsioni del contratto collettivo.

Leggi dopo

Sostituzioni a termine: legittime se indicano area operativa, numero lavoratori e mansioni

03 Dicembre 2014 | di La Redazione

Lavoro a tempo determinato

In tema di assunzione a termine di lavoratori subordinati per ragioni di carattere sostitutivo, nelle situazioni aziendali complesse, in cui la sostituzione non è riferita ad una singola persona, ma ad una funzione produttiva specifica, occasionalmente scoperta, l’apposizione del termine deve considerarsi legittima se l’enunciazione dell’esigenza di sostituire i lavoratori assenti risulti integrata dall’indicazione di elementi ulteriori che consentano di determinare il numero dei lavoratori da sostituire, ancorché non identificati nominativamente, ferma restando, in ogni caso, la verificabilità della sussistenza effettiva del prospettato presupposto di legittimità.

Leggi dopo

Limiti quantitativi di utilizzo e derogabilità da parte della contrattazione di prossimità

03 Dicembre 2014 | di La Redazione

Lavoro a tempo determinato

Il Ministero del Lavoro ha precisato, con interpello n. 30/2014 del 2 dicembre, che la contrattazione di prossimità, nel derogare la disciplina dei contratti a termine, non può rimuovere del tutto i limiti quantitativi previsti dalla legislazione o dalla contrattazione nazionale, ma solo prevederne una diversa modulazione.

Leggi dopo

Eventi che sospendono il periodo di prova: la soluzione si trova nella contrattazione collettiva

03 Dicembre 2014 | di La Redazione

CCNL

Il decorso di un periodo di prova determinato nella misura di un complessivo arco temporale, mentre non è sospeso da ipotesi di mancata prestazione lavorativa inerenti al normale svolgimento del rapporto, quali i riposi settimanali e le festività, deve ritenersi escluso in relazione ai giorni in cui la prestazione non si è verificata per eventi non prevedibili al momento della stipulazione del parto stesso, quali la malattia, l'infortunio, la gravidanza e il puerperio, i permessi, lo sciopero, la sospensione dell'attività del datore di lavoro e il godimento delle ferie annuali. Tale principio, tuttavia, trova applicazione solo in quanto non sia diversamente previsto dalla contrattazione collettiva, la quale può attribuire rilevanza sospensiva del periodo di prova a dati eventi che accadano durante il periodo medesimo.

Leggi dopo

Ferie: l’ultima parola spetta al datore di lavoro

01 Dicembre 2014 | di La Redazione

Ferie e riposi

Il lavoratore non può scegliere arbitrariamente il periodo di godimento delle ferie, trattandosi di evento che va coordinato con le esigenze di un ordinato svolgimento dell’attività dell’impresa e la cui concessione costituisce una prerogativa

Leggi dopo

La Stabilità 2015 passa dalla Camera al Senato: le novità in tema di lavoro

01 Dicembre 2014

Lavoro dipendente e subordinazione

La Camera dei Deputati ha votato ieri pomeriggio la fiducia sul testo modificato e licenziato dalla Commissione Bilancio. In attesa che il Senato si pronunci, sono diversi gli elementi da evidenziare sul fronte lavoristico: sgravi contributivi per le assunzioni, deduzioni IRAP, piccola mobilità e stanziamento degli ammortizzatori sociali.

Leggi dopo

Liberi professionisti e pensione di vecchiaia, la Cassazione chiarisce i criteri di calcolo

01 Dicembre 2014

Contributi previdenziali

Ai sensi dell’art. 6 legge n. 45/1990, in ipotesi di coincidenza di periodi assicurativi, la contribuzione del libero professionista risulta essere quella di importo più elevato soltanto nel caso di mancanza di attività effettiva. Così la Cassazione nella pronuncia n. 25345/2014.

Leggi dopo

Il datore può far pedinare il lavoratore malato?

28 Novembre 2014

Licenziamento disciplinare

Il datore di lavoro ha la facoltà di prendere conoscenza di comportamenti del lavoratore anche estranei all’attività lavorativa, in quanto rilevanti sotto il profilo del corretto adempimento delle obbligazioni derivanti dal rapporto di lavoro.

Leggi dopo

Pagine