News

News

Condotte potenzialmente vessatorie e le responsabilità del datore di lavoro

01 Marzo 2018 | di La Redazione

Cass. sez.

Mobbing

Il giudice deve verificare se alcune condotte vessatorie subite e denunciate dal lavoratore, pur non avendo fine persecutorio, siano riconducibili a responsabilità per le quali il datore, nei limiti a lui imputabili, possa essere chiamato a risponderne.

Leggi dopo

Lavoratori svantaggiati e molto svantaggiati: il Decreto in GU

01 Marzo 2018 | di La Redazione

Ministero del Lavoro, Decreto 17 ottobre 2017, GU n. 49-2018.pdf

Lavoro dipendente e subordinazione

Approda in Gazzetta Ufficiale n. 49 del 28 febbraio 2018 il Decreto del Ministero del Lavoro, datato 17 ottobre 2017, che individua i lavoratori svantaggiati e molto svantaggiati.

Leggi dopo

Controlli a distanza: il limite oggettivo invalicabile

22 Febbraio 2018 | di La Redazione

Cass. pen.

Privacy

I controlli difensivi, posti in essere dal datore di lavoro mediante l’installazione di apparecchiature nei luoghi di lavoro, possono essere effettuati solo nel rispetto della libertà e della dignità del lavoratore. Ciò costituisce un limite oggettivo che il datore, nel tutelare il proprio patrimonio aziendale, non può oltrepassare.

Leggi dopo

Lavoro intermittente e licenziamento: la competenza spetta al giudice del luogo in cui risiede il lavoratore

21 Febbraio 2018 | di La Redazione

Job on call

Nel caso di contratto di lavoro intermittente, sull’impugnazione del licenziamento è competente il giudice del luogo in cui risiede il lavoratore. Per fondare la competenza occorre che il datore abbia disposto presso l’abitazione del lavorante un complesso di beni, collegabili all’organizzazione aziendale.

Leggi dopo

Dall’INL indicazioni operative sugli impianti di videosorveglianza

20 Febbraio 2018 | di La Redazione

INL, Circolare 19 febbraio 2018, n. 5.pdf

Videosorveglianza

Con la Circolare n. 5/2018, l’INL ha fornito indicazioni operative sull’installazione ed utilizzazione di impianti audiovisivi e altri strumenti di controllo a distanza dei lavoratori.

Leggi dopo

Medici specializzandi e remunerazione adeguata: il monito della Corte di Giustizia

16 Febbraio 2018 | di La Redazione

CGUE,

Retribuzione

La Direttiva Ue n. 87/1976 ha previsto il diritto ad una remunerazione adeguata per i medici specializzandi, fissando come data ultima per l'adeguamento all'obbligo da parte degli Stati europei il 31 dicembre 1982. L'Italia, non avendo recepito la Direttiva entro i termini stabiliti ma soltanto nel 1991, deve remunerare ed, eventualmente, risarcire tutti coloro che non hanno beneficiato per tempo del suddetto diritto.

Leggi dopo

Commercialisti e avvocati, gli obblighi comunicativi lavoristici

16 Febbraio 2018 | di La Redazione

Ministero del Lavoro, Nota 15 febbraio 2018, n. 32.pdf

Lavoro autonomo

Il Ministero del Lavoro, con la Nota n. 32, ha fornito indicazioni sull'obbligo di comunicazione telematica a cui, a partire dal 1° marzo 2018, devono provvedere gli avvocati e i dottori commercialisti, che svolgono adempimenti in materia di lavoro, previdenza e assistenza sociale dei lavoratori dipendenti.

Leggi dopo

Il principio di libertà della forma nel CCNL

14 Febbraio 2018 | di La Redazione

Cass. sez.

CCNL

Il principio della libertà della forma si applica anche al contratto collettivo di lavoro nonché ai relativi atti risolutori. Alla luce di ciò, il premio aziendale previsto dal contratto collettivo aziendale non è dovuto ai dipendenti se la volontà di disdetta dello stesso è stata manifestata verbalmente.

Leggi dopo

Premio alla nascita: l’INPS ne estende il riconoscimento

14 Febbraio 2018 | di La Redazione

INPS, Messaggio 13 febbraio 2018, n. 661.pdf

Maternità

Con il Messaggio n. 661/2018 l’INPS, in ottemperanza all’Ordinanza del Tribunale di Milano del 12 dicembre 2017, ha esteso il riconoscimento del premio alla nascita o all’adozione di un minore, del valore di 800 euro, alle madri straniere regolarmente presenti in Italia.

Leggi dopo

Assenza ingiustificata dopo la dequalificazione: i limiti dell’eccezione d’inadempimento

09 Febbraio 2018 | di La Redazione

Cass. sez.

Diritti ed obblighi lavoratore

A seguito del protrarsi dell’adibizione a mansioni inferiori, nonostante la diffida formale del proprio legale, un lavoratore si assentava dal posto di lavoro e veniva licenziato. La Cassazione, investita della questione, traccia i confini del legittimo rifiuto della prestazione lavorativa quale forma di autotutela ex art. 1460 c.c.

Leggi dopo

Pagine