News

News

Diffamazione tramite Facebook: legittimo il licenziamento

11 Maggio 2018 | di La Redazione

Cass. sez. lav.,

Licenziamento disciplinare

È legittimo il licenziamento della dipendente che, attraverso Facebook, diffama l’azienda per cui lavora poiché le frasi denigratorie, oltre a rompere il vincolo fiduciario nel rapporto lavorativo, sono potenzialmente capaci di raggiungere un numero indeterminato di persone.

Leggi dopo

Poteri direttivi datoriali come discrimine tra collaborazione e lavoro subordinato: il caso Foodora

10 Maggio 2018 | di La Redazione

Trib. Torino,

Job on call

Il rapporto di lavoro subordinato si distingue dal lavoro autonomo per il vincolo di soggezione del lavoratore al potere direttivo, organizzativo e disciplinare del datore di lavoro, del quale il giudice deve verificare la sussistenza. La subordinazione, dunque, discende dall'emanazione di ordini specifici, oltre che dall'esercizio di un’assidua attività di vigilanza e controllo dell'esecuzione delle prestazioni lavorative.

Leggi dopo

Se l’azienda non esegue l’ordine provvisorio di riammissione del lavoratore licenziato deve risarcire

09 Maggio 2018 | di La Redazione

Corte Cost.

Licenziamento individuale

Il datore di lavoro che viene meno all’ordine provvisorio di riammissione del lavoratore licenziato deve corrispondere un’indennità risarcitoria ai sensi dell’art. 18 St. Lav, che coerentemente correla l’indennità ad una condotta contra ius del datore di lavoro.

Leggi dopo

Società tra avvocati: svolgendo attività d’impresa pagano IRES ed IRAP

08 Maggio 2018 | di La Redazione

Agenzia delle Entrate, Risoluzione 7 maggio 2018, n. 35_E.pdf

Lavoro autonomo

Con la Risoluzione 35/E, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad un interpello circa la natura del reddito prodotto dalle società tra avvocati ha chiarito che esse sono soggette al pagamento di IRES ed IRAP.

Leggi dopo

Il licenziamento è legittimo se il datore dimostra l’impossibilità di repechage

04 Maggio 2018 | di La Redazione

Cass. sez. lav.

Licenziamento economico

La dipendente di una società cooperativa, licenziata per giustificato motivo oggettivo, non può essere reintegrata nel proprio posto di lavoro poiché, se il datore prova di trovarsi nell’impossibilità di adibire la stessa ad altre mansioni, il licenziamento è legittimo.

Leggi dopo

Dalla Fondazione Studi CdL il vademecum in materia di Privacy

04 Maggio 2018 | di La Redazione

Privacy

La Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro ha pubblicato, lo scorso 2 maggio, un vademecum che illustra le nuove regole in materia di Privacy, ai sensi del Regolamento UE 2016/679.

Leggi dopo

GPS sulle auto della polizia locale, parere positivo del Garante Privacy

02 Maggio 2018 | di La Redazione

Privacy

Il Garante Privacy, nella Newsletter del 27 aprile 2018, si è espresso positivamente sull’installazione di sistemi di geolocalizzazione sui veicoli della polizia municipale, prescrivendo altresì misure a tutela dei lavoratori.

Leggi dopo

Apprendistato professionalizzante: scatti di anzianità non equiparabili al lavoro ordinario

02 Maggio 2018 | di La Redazione

Trib. Torino,

Apprendistato

In caso di apprendistato professionalizzante gli aumenti periodici di anzianità non sono calcolati come nel rapporto di lavoro ordinario, valendo per gli apprendisti le disposizioni previste dal D.Lgs. n. 276/2003.

Leggi dopo

Avvocati: i nuovi parametri forensi approdano in Gazzetta Ufficiale

27 Aprile 2018 | di La Redazione

Ministero della Giustizia, Decreto 8 marzo 2018, n. 37_GU 26 aprile 2018, n. 96.pdf

Lavoro autonomo

Nella GU del 26 aprile 2018, n. 96, è pubblicato il decreto che modifica i parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense. Premiati gli avvocati che utilizzano modalità telematiche e nuove tabelle per la liquidazione dei compensi per l’attività di mediazione e negoziazione assistita.

Leggi dopo

Assenza ingiustificata: rilevano la portata soggettiva e la gravità della condotta

26 Aprile 2018 | di La Redazione

Cass. civ. sez. VI,

Licenziamento disciplinare

Nonostante il licenziamento per giusta causa sia ex lege la sanzione prevista per il lavoratore che si assenti ingiustificatamente, ciò non esime il giudice dall’obbligo di accertare in concreto la reale entità e gravità, nonché la portata soggettiva della condotta addebitata al dipendente, valutando altresì la proporzionalità tra sanzione e infrazione.

Leggi dopo

Pagine