News

News

Assegnazione a mansione superiore: sì all’indennità di posizione anche senza l’incarico

20 Aprile 2018 | di La Redazione

Cass. sez. lav.,

Retribuzione

La mancanza del provvedimento di assegnazione alla mansione superiore non impedisce al lavoratore di percepire l’intero trattamento economico corrispondente ai compiti svolti, ivi compresa l’indennità di posizione organizzativa.

Leggi dopo

Dall’INL indicazioni per la verifica della regolarità dei tirocini

19 Aprile 2018 | di La Redazione

INL, Circolare 18 aprile 2018, n. 8.pdf

Stage

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con la Circolare n. 8/2018, ha fornito al personale ispettivo le indicazioni operative per verificare la legittimità e la regolarità dei tirocini extracurriculari.

Leggi dopo

Quota di TFR dell’ex marito: quando spetta alla moglie

17 Aprile 2018 | di La Redazione

Cass. sez. lav.,

Trattamento di fine rapporto

Alla moglie non spetta una quota di TFR dell’ex coniuge se il ricorso per la cessazione degli effetti civili del matrimonio viene proposto in un arco cronologico successivo alla maturazione del diritto all’indennità in capo al marito. La stessa quota viene riconosciuta, invece, se il trattamento di fine rapporto matura dopo la sentenza di divorzio.

Leggi dopo

Reperibilità non obbligatoria se estranea alla prestazione ordinaria dedotta in contratto

12 Aprile 2018 | di La Redazione

Cass. sez. lav.,

Contratto di lavoro

Non è possibile far derivare in capo al lavoratore il dovere di reperibilità sulla base del combinato disposto degli artt. 2086, 2094 e 2104 c.c., se tale prestazione non rientra tra quelle ordinarie previste dal contratto di lavoro.

Leggi dopo

Tempo tuta: va retribuito se l’attività di vestizione è imposta dal datore di lavoro

09 Aprile 2018 | di La Redazione

Cass. sez. lav.,

Orario di lavoro

Il tempo impiegato dal lavoratore per indossare la divisa aziendale deve essere retribuito se tale operazione è prescritta dal datore di lavoro che ne disciplina tempo e luogo di esecuzione, rientrando dunque nel lavoro effettivo.

Leggi dopo

Il decalogo della Cassazione sul risarcimento del danno alla salute

06 Aprile 2018 | di La Redazione

Cass. civ., sez. III

Danni nel rapporto di lavoro

Il criterio di liquidazione del danno alla salute ovvero biologico - che è danno dinamico relazionale - basato sull’applicazione delle Tabelle del Tribunale di Milano, comprende già la quota di danno morale soggettivo. Le esigenze di personalizzazione del risarcimento del danno devono muovere da circostanze diverse da quelle che sono diretta e naturale conseguenza del danno alla salute/biologico.

Leggi dopo

Garante Privacy: vietato il controllo indiscriminato e prolungato delle email

05 Aprile 2018 | di La Redazione

Privacy

Il Garante Privacy, nella Newsletter n. 439 del 29 marzo scorso, è intervenuto sul controllo massivo e sulla conservazione illimitata delle email dei dipendenti durante l’orario lavorativo.

Leggi dopo

Specificità della contestazione e diritto di difesa

04 Aprile 2018 | di La Redazione

Cass. sez. lav.,

Licenziamento disciplinare

Nel valutare il requisito della specificità della contestazione disciplinare, il giudice deve valutare se essa sia sufficiente per far individuare al lavoratore i fatti addebitati, senza tenere conto di schemi rigidi e prestabiliti.

Leggi dopo

INL, regime di solidarietà esteso anche alla subfornitura

03 Aprile 2018 | di La Redazione

INL, Circolare 29 marzo 2018, n. 6.pdf

Appalto

L’INL, con la Circolare n. 6/2018, ha fornito chiarimenti in merito alla sentenza n. 254/2017 della Corte Costituzionale che ha dichiarato l’infondatezza della questione di legittimità costituzionale sollevata in relazione al secondo comma dell’art. 29 del D.Lgs. n. 276/2003, ritenendo applicabile il regime di solidarietà anche nelle ipotesi di subfornitura.

Leggi dopo

Sentenza penale e immediatezza del licenziamento

03 Aprile 2018 | di La Redazione

Cass. sez. lav.,

Licenziamento disciplinare

Posto che generalmente la sentenza che condanna il lavoratore per fatti estranei al rapporto di lavoro non è idonea a fare venir meno la fiducia del datore, se i fatti sono di estrema gravità il datore può esercitare il diritto di recesso prima della sentenza di condanna definitiva.

Leggi dopo

Pagine