News

News

Eleggibilità tra i non membri delle RSA

10 Ottobre 2014

RLS

Con Interpello n. 20/2014, il MinLav fornisce chiarimenti al Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro in merito alla eleggibilità, o meno, del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza tra coloro che non appartengono alle Rappresentanze Sindacali Aziendali.

Leggi dopo

Jobs Act, dal Senato via libera al maxi emendamento

09 Ottobre 2014

Jobs act

È stato approvato nottetempo il maxi emendamento governativo, sostitutivo del Jobs Act. Ora l’iter prevede il passaggio alla Camera per la seconda lettura del provvedimento. Molti i temi trattati: ammortizzatori sociali, riordino delle forme contrattuali, servizi per il lavoro e snellimento delle procedure. Nessun riferimento, invece, alla modifica dell’art. 18.

Leggi dopo

Dal MinLav chiarimenti su nomina, revoca e durata

08 Ottobre 2014

RLS

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza con “mandato” scaduto poiché riferito a contrattazione collettiva scaduta, continua a svolgere legittimamente le proprie funzioni fino a quando non interviene la successiva regolamentazione contrattuale. Così l’Interpello n. 16/2014 del 6 ottobre scorso.

Leggi dopo

Visita periodica fuori dall'orario di lavoro: possibile solo per giustificate esigenze produttive

08 Ottobre 2014

Sicurezza sul lavoro

L'Interpello n. 18/2014 di ieri, pubblicato dal MinLav, chiarisce che la visita periodica per il rinnovo dell'idoneità psicofisica all'impiego, essendo funzionale all'attività lavorativa, può essere effettuata fuori dall'orario di lavoro solo per giustificate esigenze produttive: in tal caso, il soggetto verrà considerato in servizio.

Leggi dopo

Il minimale contributivo orario non si applica al contratto pattuito oralmente

02 Ottobre 2014

Part-time

In materia di contratti di lavoro a tempo parziale, la Suprema Corte, con sentenza n. 20591/2014 depositata il 30 settembre, ha affermato che l’applicazione del minimale contributivo orario è consentito solo in presenza di un contratto stipulato per iscritto, che indichi le mansioni e la distribuzione dell’orario.

Leggi dopo

Danno da erronee informazioni: il riferimento temporale deve essere delineato

30 Settembre 2014

Pensioni

Oggetto della sentenza n. 20465/2014, deposita ieri, è il danno subito da una dipendente, illegittimamente licenziata per il superamento del periodo di comporto per via di un’erronea indicazione circa l’effettivo numero di assenze per malattia. Come calcolare la differenza di trattamento pensionistico di fatto percepito e quello che sarebbe scaturito dalla pensione di inabilità?

Leggi dopo

Non si possono condonare le sanzioni per il lavoro in nero

29 Settembre 2014

Ispezioni

La Suprema Corte, nella sentenza n. 20357/2014, statuisce che l’adesione al condono non può estendersi ad una sanzione amministrativa in sé e per sé considerata (quale quella emessa dall'Ispettorato del lavoro), essendo al di fuori dell’ambito applicativo del provvedimento disciplinato dalla Legge n. 289/2002.

Leggi dopo

L’incentivo all’esodo sospende l’obbligo occupazionale

26 Settembre 2014

Assunzioni obbligatorie

La recente Circolare n. 22/2014 del MinLav ha chiarito che si ritiene applicabile in via analogica la norma che stabilisce una deroga all’obbligo di assunzione nei confronti dei disabili per le ipotesi in cui il datore di lavoro sottoscrive accordi e attiva procedure di incentivo all’esodo.

Leggi dopo

Mancata comunicazione al centro dell’impiego: sanzioni a maglie larghe

26 Settembre 2014

Assunzioni

Nell’ipotesi in cui il datore non informi la sezione circoscrizionale competente dell’assunzione di alcuni lavoratori, il regime sanzionatorio mira a colpire non soltanto la mancata tutela della posizione contributiva, ma anche l’omesso monitoraggio dei flussi di manodopera. Così la Cassazione nella pronuncia n. 20233/2014 di ieri.

Leggi dopo

Regime contributivo di favore solo per i contratti stipulati per iscritto

25 Settembre 2014

Part-time

Con la sentenza n. 20104/2014, depositata ieri, la Cassazione ribadisce che in ipotesi di contratto a tempo parziale eseguito pur nullo per difetto di forma, non si può applicare la disciplina in tema di contribuzione previdenziale oraria (ex D.L. n. 726/84), dovendosi adottare invece il regime ordinario con la previsione di minimali giornalieri di retribuzione imponibile.

Leggi dopo

Pagine