Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Il sostituto assunto a termine deve svolgere le medesime mansioni dell'assente?

18 Febbraio 2019 | di Teresa Zappia

Lavoro a tempo determinato

Il lavoratore assunto con un contratto a termine per ragioni sostitutive deve essere assegnato alle medesime mansioni dell'assente? La posizione assunta dai giudici di legittimità sulla questione sembra porre maggiore attenzione sulle concrete esigenze dell'impresa. Si sostiene, infatti, l'impossibilità di disconoscere all'imprenditore, nell'esercizio del potere di organizzazione della propria attività imprenditoriale, la facoltà di disporre del personale, incluso il lavoratore assunto mediante contratto a tempo determinato...

Leggi dopo

L'indicazione nominativa del sostituito nel contratto a termine è indefettibile?

11 Febbraio 2019 | di Teresa Zappia

Lavoro a tempo determinato

Se il datore stipula dei contratti a termine per la sostituzione del personale, in ferie, addetto ad una mansione, deve indicarne necessariamente i nomi? Nell'ambito di contesti aziendali complessi, la giurisprudenza della Corte di Cassazione sembra consolidata nell'escludere l'indefettibilità dell'indicazione nominativa del sostituito nei contratti a termine stipulati per la sostituzione non di un singolo lavoratore ma di una specifica funzione produttiva occasionalmente scoperta ( nel caso di specie per godimento delle ferie da parte del personale)...

Leggi dopo

Licenziamento collettivo lavoratori e dirigenti

11 Febbraio 2019 | di Teresa Zappia

Licenziamenti collettivi

Nella procedura di licenziamento collettivo possono essere coinvolti anche i dirigenti? La procedura di riduzione del personale, prevista e regolata dalla l. n. 223 del 1991, potrà interessare anche lavoratori i quali siano in possesso della qualifica dirigenziale. È però opportuno precisare che la parte datoriale non potrà limitarsi alla convocazione, ex art. 4, l. n. 223 cit., delle sole organizzazioni sindacali rappresentative del personale, dovendo procedere analogamente anche rispetto a quelle più rappresentative dei dirigenti...

Leggi dopo

La testimonianza nella fase sommaria del rito fornero

04 Febbraio 2019 | di Teresa Zappia

Rito Fornero (legge 92/2012)

La fase prima del rito Fornero per l'impugnazione del licenziamento, essendo l'attività istruttoria deformalizzata, richiede comunque la specifica formazione della prova per testi per capitoli circostanziati oppure basta indicare testi-informatori sui fatti di causa chiedendo di essere assunti come tali? L'art. 1, commi 47-86, l. n. 92 del 2012, disciplina un peculiare procedimento operante in materia di licenziamenti ex art. 18, st. lav., ancora oggi in parte applicabile nonostante le modifiche introdotte con il d.lgs. n. 23 del 2015...

Leggi dopo

Il preavviso al raggiungimento dell'età pensionabile

31 Gennaio 2019 | di Teresa Zappia

Preavviso

Lavoratore privato che ha raggiunto l'età pensionabile: è garantito il preavviso? Diversamente da quanto si constata nel lavoro pubblico, il raggiungimento dell'età per il conseguimento della pensione di vecchiaia non si traduce, ipso facto, nella estinzione del rapporto lavorativo. Dall'art. 4, l. n. 108 del 1990, è infatti possibile desumere che nel settore privato la suddetta situazione comporta il venire meno della stabilità del rapporto...

Leggi dopo

Licenziamento collettivo per cessazione di attività: sono necessarie le comunicazioni all'url?

28 Gennaio 2019 | di Teresa Zappia

Licenziamenti collettivi

Licenziamento collettivo per cessazione di attività: vi sono conseguenze qualora il datore non proceda, entro i termini stabiliti, alle comunicazioni di cui all'art. 4 comma 9, l. n. 223 del 1991? In base a quanto disposto dall'art. 4, comma 9, l. n. 223 del 1991, il datore di lavoro è tenuto a comunicare all'URL l'elenco dei lavoratori licenziati entro un determinato termine dalla comunicazione agli stessi del recesso...

Leggi dopo

Assenze e licenziamento ritorsivo

24 Gennaio 2019 | di Teresa Zappia

Licenziamento individuale

È ritorsivo il licenziamento successivo ad assenze del lavoratore che sostiene l'illegittimità del trasferimento? Secondo il costante orientamento giurisprudenziale, è ritorsivo il licenziamento il quale configuri una reazione ingiusta ed arbitraria del datore ad un legittimo comportamento del lavoratore. In quanto assimilato al recesso datoriale fondato su ragioni discriminatorie, è nullo con conseguente condanna alla reintegra del licenziato, ex art. 2, d.lgs. n. 23 del 2015...

Leggi dopo

Risarcimento per lavoro oltre il sesto giorno consecutivo

21 Gennaio 2019 | di Teresa Zappia

Danni nel rapporto di lavoro

In forza del CCNL viene prestato lavoro di domenica, oltre il sesto giorno consecutivo: il lavoratore deve provare di avere subito un danno o esso è in re ipsa? Nulla osta a che il CCNL applicato preveda che, a fronte di particolari esigenze, venga richiesto lo svolgimento della prestazione lavorativa anche durante il giorno di riposo settimanale...

Leggi dopo

Il nesso tra le mansioni svolte e le patologie professionali

14 Gennaio 2019 | di Teresa Zappia

Malattie professionali

Ai fini dell'indennizzoind per le patologie riconducibili allo svolgimento della prestazione lavorativa è sufficiente che il dipendente indichi le mansioni collegate alla propria qualifica? Il lavoratore-ricorrente ha l'onere di provare gli elementi costitutivi del diritto fatto valere in giudizio, ex art. 2697 c.c. ...

Leggi dopo

I precedenti disciplinari nella contestazione ex art. 7, st. lav.

09 Gennaio 2019 | di Teresa Zappia

Contestazioni disciplinari

La contestazione disciplinare, a seguito della quale il lavoratore è stato licenziato, deve contenere anche gli eventuali precedenti indicati però nella lettera di licenziamento? La contestazione di cui all'art. 7, l. n. 300/70, è teleologicamente diretta a garantire al lavoratore l'esercizio del proprio diritto di difesa relativamente alla condotta che la parte datoriale ritenga costituire un illecito disciplinare sanzionabile...

Leggi dopo

Pagine