Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Le prescrizioni presuntive non sono ammesse per il TFR

10 Giugno 2019 | di Teresa Zappia

Trattamento di fine rapporto

Per il trattamento di fine rapporto è ammissibile l'eccezione di prescrizione presuntiva? Il TFR è una retribuzione differita, strettamente connessa alla cessazione del rapporto di lavoro, non erogata o corrisposta periodicamente, ma riconosciuta annualmente nel suo importo progressivamente maturato. La prescrizione del diritto ad ottenere il pagamento del TFR decorre solo dal giorno in cui il rapporto ha avuto fine, non ammettendo la giurisprudenza la possibilità...

Leggi dopo

"Concorso colposo" nell'eccedenza dell'orario di lavoro

10 Giugno 2019 | di Teresa Zappia

Orario di lavoro

Orario di lavoro eccedente i limiti contrattuali: il datore è comunque tenuto a risarcire il danno subito dal dipendente nonostante la disponibilità di quest'ultimo? Nel caso in cui la prestazione lavorativa risulti "eccedente" in misura rilevante i limiti temporali fissati in sede contrattuale e legale, e ciò si protragga per diversi anni, il danno da usura psico-fisica è presunto nell'an...

Leggi dopo

Il distacco nel rapporto di apprendistato

03 Giugno 2019 | di Teresa Zappia

Distacco

È possibile il distacco dell'apprendista? Sia il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali (nota n. 1118 del 17 gennaio 2019) che l'Ispettorato Nazionale del Lavoro (nota n. 290 del 12 gennaio 2018) si sono pronunciati positivamente in merito alla possibilità di avvalersi dell'istituito del distacco in un rapporto di apprendistato. Ovviamente dovranno essere rispettate le disposizioni legislative...

Leggi dopo

Obblighi di formazione ed esperienza del lavoratore

03 Giugno 2019 | di Teresa Zappia

Infortuni sul lavoro - assicurazione

Le conoscenze che il lavoratore ha acquisito mediante una lunga esperienza operativa possono "colmare" la mancata formazione da parte del datore escludendo la responsabilità dello stesso in caso di infortunio sul lavoro? È pacifico in giurisprudenza che la violazione degli obblighi di formazione, afferenti ai rischi presenti sui luoghi di lavoro, nonché a quelli connessi alle specifiche mansioni assegnate al singolo lavoratore, determina la responsabilità del datore in ipotesi di infortunio...

Leggi dopo

Mansioni inferiori "all'occorrenza"

27 Maggio 2019 | di Teresa Zappia

Demansionamento

Trovano applicazione i limiti di cui all'art. 2103 c.c. anche se le mansioni inferiori vengono svolte "all'occorrenza" e quindi non sistematicamente? La giurisprudenza è granitica nell'affermare che l'attività, prevalente ed assorbente, svolta dal lavoratore deve rientrare tra quelle previste dalla categoria di appartenenza. Tuttavia, laddove sussistano motivate esigenze aziendali ed al fine di evitare un sacrificio sproporzionato degli interessi datoriali...

Leggi dopo

Superamento del periodo di comporto: le assenze vanno precisate

24 Maggio 2019 | di Teresa Zappia

Malattia

È illegittimo il licenziamento per superamento del periodo di comporto qualora, in seguito alla richiesta del lavoratore, il datore ometta di indicare il numero di assenze determinanti la cessazione del rapporto? L'art. 2110, c.c., deve essere letto congiuntamente all'art. 2, l. n. 604 del 1966, il quale regola la forma dell’atto e la comunicazione dei motivi del recesso datoriale. Il licenziamento per superamento del periodo di comporto, non essendo assimilabile ad un recesso per motivi disciplinari, non richiede l'indicazione...

Leggi dopo

I criteri di scelta nel licenziamento collettivo: indefettibile la precisazione delle concrete modalità applicative

20 Maggio 2019 | di Teresa Zappia

Licenziamenti collettivi

: Licenziamento collettivo: nella comunicazione al lavoratore è sufficiente indicare i criteri di scelta se stabiliti in sede sindacale? Il legislatore, al comma 9 dell'art. 4, l. n. 223 del 1991, dispone espressamente che il datore è tenuto non soltanto a comunicare i criteri di scelta dei lavoratori da licenziare, ma anche la puntuale esplicazione delle modalità applicative degli stessi, anche se stabiliti con accordo sindacale...

Leggi dopo

Decadenza e cessione del contratto ex art. 2112, c.c.

17 Maggio 2019 | di Teresa Zappia

Trasferimento d’azienda

Il lavoratore che intenda fare accertare l'intervenuta cessione del proprio contratto di lavoro a seguito di un trasferimento aziendale deve rispettare il termine di decadenza di cui all'art 32, l. n. 183 del 2010? L'art. 32, comma 4, lett c), l. n. 183 del 2010, prevede che le disposizioni di cui all'art. 6, l. n. 604 del 1966, trovano applicazione anche alla cessione del contratto di lavoro avvenuta ai sensi dell'art. 2112, c.c., con termine decorrente dalla data del trasferimento...

Leggi dopo

Silenzio-assenso e videosorveglianza

13 Maggio 2019 | di Teresa Zappia

Videosorveglianza

L'installazione di apparecchi di videosorveglianza può avvenire per silenzio l'assenso dell'amministrazione competente per l'autorizzazione? Le disposizione di cui all'art. 4, l. n. 300 del 1970, sono teleologicamente dirette al contemperamento delle esigenze di controllo datoriali con la tutela della riservatezza e dignità del lavoratore la cui attività lavorativa non potrebbe essere oggetto di una sorveglianza continua ed anelastica...

Leggi dopo

Eccedentarietà del personale: la prova è indefettibile

06 Maggio 2019 | di Teresa Zappia

Trasferimento del lavoratore

Con accordo sindacale è stata regolata la procedura da seguire in caso di eccedentarietà di personale presso una sede. Il lavoratore da riassumere in forza di una sentenza può essere licenziato per rifiuto del trasferimento giustificato dall'eccedenza? Secondo l'orientamento della giurisprudenza sul tema, l'ottemperanza del datore di lavoro all'ordine giudiziale di riammissione in servizio del lavoratore, implica il ripristino della posizione lavorativa di quest'ultimo...

Leggi dopo

Pagine