Quesiti Operativi

Quesiti Operativi su Lavoro dipendente e subordinazione

Regime di decadenza e accertamento della subordinazione nei co.co.co.

15 Luglio 2020 | di Teresa Zappia

Cass., sez. lav.

Lavoro dipendente e subordinazione

L'azione diretta all'accertamento della sussistenza di un rapporto di lavoro subordinato, in seguito alla scadenza del termine dell'ultimo di una serie di co.co.co., è riconducibile all'art. 32, lett. a) della l. n. 183 del 2010?

Leggi dopo

I “sintomi” della subordinazione nel rapporto dirigenziale

16 Maggio 2020 | di Teresa Zappia

Cass., sez. lav.

Lavoro dipendente e subordinazione

Lo stabile inserimento nell'organizzazione aziendale può costituire un indice sintomatico della natura subordinata del rapporto di lavoro con il dirigente? In linea con quanto sostenuto sul punto dalla giurisprudenza, al fine di qualificare un rapporto di lavoro come autonomo ovvero subordinato, con particolare riferimento all'attività di un dirigente, è necessario verificare se il lavoratore possa ritenersi assoggettato, anche in forma attenuata, alle direttive, agli ordini e ai controlli del datore di lavoro, nonché al coordinamento dell'attività lavorativa in funzione dell'assetto organizzativo aziendale...

Leggi dopo

Carica sociale e lavoro subordinato

14 Ottobre 2019 | di Teresa Zappia

Cass., sez. lav.

Lavoro dipendente e subordinazione

Quando l'amministratore delegato può essere qualificato come lavoratore subordinato? La qualità di amministratore e di lavoratore subordinato di una stessa società sono cumulabili, purché si accerti l’attribuzione di mansioni diverse da quelle proprie della carica sociale...

Leggi dopo

I criteri sussidiari ai fini della subordinazione

02 Luglio 2019 | di Teresa Zappia

Lavoro dipendente e subordinazione

Ai fini della prova della subordinazione che incidenza ha la soggezione al potere direttivo e disciplinare? I criteri sussidiari debbono essere tutti dimostrati? L'orientamento della giurisprudenza è consolidato nel sostenere che, ai fini della qualificazione del rapporto di lavoro come autonomo o subordinato, il criterio dell'assoggettamento al potere direttivo,organizzativo e disciplinare può non essere significativo qualora le prestazioni svolte risultino essere elementari, ripetitive e predeterminate nelle modalità di esecuzione. In tali ipotesi vengono in rilievo ulteriori criteri distintivi sussidiari quali, ad esempio la continuità e la durata del rapporto...

Leggi dopo

Subordinazione senza potere direttivo

26 Ottobre 2017 | di Teresa Zappia

Lavoro dipendente e subordinazione

Se la prestazione svolta dal lavoratore è tale che, di per sé, non può essere eterodiretta, può parlarsi comunque di subordinazione? Quali altri elementi devono essere considerati?

Leggi dopo

Trasferimento individuale e nozione di unità produttiva

21 Agosto 2015 | di La Redazione

Lavoro dipendente e subordinazione

L’art. 2103 c.c. dispone che il lavoratore non possa essere trasferito da una unità produttiva ad un’altra se non per comprovate esigenze tecniche, organizzative e produttive. Qual è dunque la nozione di unità produtttiva?

Leggi dopo

Risarcimento del danno e prescrizione

14 Agosto 2015 | di La Redazione

Lavoro dipendente e subordinazione

Quando comincia a decorrere la prescrizione dell’azione per il risarcimento del danno subito dal dipendente?

Leggi dopo

Disciplina del preavviso e durata

29 Maggio 2015 | di La Redazione

Lavoro dipendente e subordinazione

Quali sono le fonti che stabiliscono la durata del preavviso e da quando decorre?

Leggi dopo

Trasferimento d’azienda e tutela dei lavoratori

30 Aprile 2015 | di La Redazione

Lavoro dipendente e subordinazione

In caso di trasferimento d’azienda, quali sono le ricadute sui rapporti di lavoro dei dipendenti? E in particolare, l’anzianità di servizio risulterà frazionata?

Leggi dopo

Forma e motivazione del trasferimento individuale

27 Aprile 2015 | di La Redazione

Lavoro dipendente e subordinazione

È legittimo il trasferimento di un lavoratore, da una unità produttiva a un’altra, disposto in forma orale? E nel caso della comunicazione scritta del trasferimento, il datore ha l’onere dell’esplicitazione delle motivazioni?

Leggi dopo

Pagine