Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Guarigione anticipata: adempimenti e responsabilità

15 Giugno 2017 | di Teresa Zappia

Malattia

Se il dipendente, in malattia, chiede il rientro in attività prima della scadenza del termine indicato nel certificato medico, può il datore negare la ripresa del lavoro? Se il lavoratore non è totalmente guarito, la responsabilità ricade sul datore?

Leggi dopo

Permessi 104 e ferie

12 Giugno 2017 | di Teresa Zappia

Permessi e aspettative

I giorni di ferie, goduti nello stesso mese, possono incidere sui permessi di cui usufruisce il lavoratore per assistere un familiare disabile?

Leggi dopo

Ponderata valutazione e immediatezza della contestazione

08 Giugno 2017 | di Teresa Zappia

Contestazioni disciplinari

Se il datore licenzia un dipendente, facendo riferimento anche a fatti non contestati nell'immediato, può affermarsi la lesione del diritto di difesa del lavoratore?

Leggi dopo

Licenziamento: toni accesi fuori dall'orario di lavoro

07 Giugno 2017 | di Teresa Zappia

Diritti ed obblighi lavoratore

Gli insulti rivolti ad un proprio superiore possono portare il lavoratore ad essere licenziato per giusta causa? E se ciò non si verifica durante l'orario lavorativo?

Leggi dopo

Pensione di reversibilità alla figlia inabile

05 Giugno 2017 | di Luca Furfaro

Pensioni di reversibilità

Qual è il reddito di riferimento da considerare per la reversibilità alla figlia inabile coniugata a carico della madre (non sposata) all'atto della morte di quest'ultima? Per il diritto alla pensione di reversibilità: 1) si deve considerare il reddito della sola figlia inabile oppure il reddito IRPEF del nucleo familiare della figlia inabile coniugata, nel caso la figlia inabile fosse coniugata; 2) si deve confrontare il reddito IRPEF, riferito al nucleo familiare della figlia inabile coniugata, con il reddito singolo dell'invalido civile totale (che in questo caso è esente da IRPEF); 3) si deve confrontare il reddito netto di una singola persona, rapportandolo al singolo reddito degli invalidi civili totali, che è un reddito netto, con il reddito IRPEF del nucleo familiare della figlia inabile coniugata composto da 2 persone; 4) dal reddito lordo IRPEF del nucleo familiare della figlia inabile, composto da 2 persone (marito e moglie), si deve dedurre l'imposta IRPEF e confrontare tale reddito netto di 2 persone con il solo reddito netto degli invalidi civili totali; 5) l'anno di riferimento sul quale effettuare i paragoni di cui ai punti precedenti, deve essere il reddito dell'anno di decesso della madre della figlia inabile (13-09-2009) oppure il reddito dell'anno successivo oppure il reddito decorrente dal 13-09-2009 al 13-09-2010?

Leggi dopo

Comporto: superamento da parte dell'invalido

01 Giugno 2017 | di Teresa Zappia

Legge 2 aprile 1968, n. 482

Invalidità civile

Se il dipendente è iscritto agli elenchi invalidi, un licenziamento per superamento del periodo di comporto può essere impugnato se la malattia è legata all'invalidità?

Leggi dopo

Licenziamento per incompatibilità ambientale

29 Maggio 2017 | di Teresa Zappia

Art. 3 D.Lgs. n. 604/1966

Licenziamento individuale

A causa di ripetuti litigi tra alcuni dipendenti, la prestazione resa da questi non risulta più essere soddisfacente. Devo procedere con una contestazione disciplinare oppure può parlarsi di licenziamento per giustificato motivo oggettivo?

Leggi dopo

Lavoro occasionale durante la malattia

25 Maggio 2017 | di Teresa Zappia

Malattia

Può un lavoratore essere licenziato per giusta causa se, durante il periodo di malattia, presta aiuto presso una diversa attività commerciale, ma solo occasionalmente?

Leggi dopo

Inidoneità fisica e richiesta di visita medica

22 Maggio 2017 | di Teresa Zappia

Cass. civ., sez. lav.,

Licenziamento individuale

Posso procedere ad un licenziamento per GMO per inidoneità fisica sopravvenuta, anche se il dipendente si oppone ai risultati della visita aziendale?

Leggi dopo

Inidoneità sopravvenuta: assunzioni a seguito del licenziamento

18 Maggio 2017 | di Teresa Zappia

Cass. civ., sez. lav.,

Licenziamento individuale

In caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo per sopravvenuta inidoneità alle mansioni, verificata l'impossibilità di adibire il lavoratore a mansioni equivalenti ed inferiori, si può procedere subito dopo il recesso ad una nuova assunzione per mansioni equivalenti a quelle in precedenza svolte dal lavoratore licenziato diventato inidoneo?

Leggi dopo

Pagine