Casi e sentenze

Licenziamento per giustificato motivo oggettivo e scelta organizzativa del datore di lavoro

 

Ai sensi dell'art. 3 della l. n. 604 del 1966 se il motivo del licenziamento per giustificato motivo oggettivo consiste nella generica esigenza di riduzione di personale omogeneo e fungibile, la scelta del dipendente (o dei dipendenti) da licenziare per il datore di lavoro non è totalmente libera ma comunque limitata, oltre che dal divieto di atti discriminatori, dalle regole di correttezza ex artt. 1175 e 1375 c.c., potendo farsi riferimento, a tal fine, ai criteri di cui all'art. 5 della l. n. 223 del 1991...

Leggi dopo