News

Lavoratore censurato grazie ai dati presenti in una mailing list sindacale: nessuna violazione della privacy

04 Giugno 2021 |

Cass., sez. I

Privacy
 

Offese al direttore generale nei messaggi di posta elettronica. Legittimo l’utilizzo di quei dati da parte dell’azienda, che ha sanzionato con la censura il dipendente sindacalista. Decisivo il fatto che i dati siano stati segnalati all’azienda da uno dei componenti della mailing list.

Leggi dopo