Quesiti Operativi

Esonero contributivo per assunzioni a tempo indeterminato

La Legge di Stabilità 2015 ha previsto un esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato. Quali sono i requisiti per accedere all’agevolazione e qual è la sua durata?

 

La Legge di Stabilità 2015 (L. 23 dicembre 2014, n. 190, comma 118) sancisce la definitiva soppressione degli sgravi contributivi nei confronti dei datori di lavoro che assumono disoccupati e cassaintegrati di lunga durata. Il nuovo esonero contributivo riguarda i datori di lavoro, esclusivamente privati che operano assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato decorrenti dal 1° gennaio al 31 dicembre 2015.

 

La Legge precisa che l’esonero:

  1. non riguarda i contratti di apprendistato e i contratti di lavoro domestico;
  2. non riguarda i premi e contributi dovuti all’INAIL;
  3. non spetta ai lavoratori che nei 6 mesi precedenti siano risultati occupati a tempo indeterminato presso qualsiasi datore di lavoro e ai lavoratori per i quali il beneficio sia già stato usufruito in relazione ad una precedente assunzione a tempo indeterminato;
  4. spetta anche ai datori di lavoro agricoli, con alcune esclusioni (comma 119);
  5. non è cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente;
  6. non spetta nel caso in cui il datore di lavoro intenda assumere a tempo indeterminato un lavoratore che abbia avuto con l’azienda un precedente rapporto di lavoro a tempo indeterminato nei 3 mesi prima dell’entrata in vigore della legge di Stabilità (si conteggiano anche le società controllate o collegate).

La durata dell’esonero è stabilita in un periodo massimo di 36 mesi e un importo massimo pari a 8.060 euro su base annua.

Leggi dopo