Casi e sentenze

Casi e sentenze su Trasferimento d’azienda

Cambio d'appalto e trasferimento d'azienda

03 Febbraio 2021 | di Sabrina Apa

Tribunale Bologna

Trasferimento d’azienda

Come rilevato dalla giurisprudenza della Suprema Corte di cassazione “a fronte di un trasferimento di azienda o di un suo ramo, l'ordinamento appronta un sistema di garanzia per i lavoratori, teso alla continuità dell'occupazione, nel senso che il rapporto di lavoro prosegue alle dipendenze del cessionario...

Leggi dopo

Natura dell'obbligazione del datore di lavoro moroso in caso di cessione d'azienda

25 Gennaio 2021 | di Sabrina Apa

Tribunale Milano

Trasferimento d’azienda

In tema di qualificazione in termini risarcitori piuttosto che retributivi dell'obbligazione pecuniaria in capo alla società cedente - che, in seguito all'accertamento dell'invalidità del trasferimento d'azienda ed all'ordine di riammissione in servizio il lavoratore illegittimamente ceduto...

Leggi dopo

Adempimento dell'obbligazione retributiva da parte dell'ex cessionario

25 Gennaio 2021 | di Sabrina Apa

Tribunale Roma

Trasferimento d’azienda

La prestazione di lavoro è unica e può avere una sola controprestazione: la retribuzione. Come ha statuito la Corte costituzionale, si tratterebbe di retribuzione anche nel caso in cui venisse versata dal cedente condannato a seguito dell'illegittimità della cessione. È non può essere duplicata...

Leggi dopo

Non opponibilità della cessione di ramo d'azienda al lavoratore ed unicità del rapporto di lavoro con il cedente

21 Dicembre 2020 | di Sabrina Apa

Corte appello Trento

Trasferimento d’azienda

In tema di accertamento della nullità/inopponibilità al lavoratore della cessione del contratto di lavoro, in forza della pronuncia dichiarativa, il contratto di lavoro, eliminata la cessione, si ricostituisce in capo al cedente e il cessionario, che non è più tale...

Leggi dopo

Trasferimento d'azienda e mantenimento dei diritti dei lavoratori

30 Luglio 2018 | di Sabrina Apa

Tribunale Palermo

Trasferimento d’azienda

Secondo il costante indirizzo della Corte di cassazione l’art. 2112 c.c. trova applicazione in tutte le ipotesi in cui si realizzi una vicenda traslativa fra cedente e cessionario che abbia ad oggetto un compendio di beni caratterizzati dalla funzione unitaria e strumentale all’esercizio di una data attività d’impresa...

Leggi dopo

Collegamento societario e centro di imputazione dei rapporti di lavoro

30 Luglio 2018 | di Sabrina Apa

Tribunale Palermo

Trasferimento d’azienda

Non è peregrino richiamare l’orientamento della Suprema Corte secondo il quale il fenomeno del collegamento societario che implichi la gestione di attività economiche coordinate, l'utilizzazione di sedi comuni e la proprietà di una società in capo ad un soggetto, sebbene sia stato preso in considerazione dal legislatore...

Leggi dopo

Onere di impugnazione della cessione del contratto di lavoro

10 Luglio 2018 | di Sabrina Apa

Corte d'appello Venezia

Trasferimento d’azienda

L’art. 32, comma 4, l. n. 183 del 2010 riguarda l’impugnazione della cessione del contratto di lavoro avvenuta ai sensi dell’art. 2112. L’interpretazione della norma deve essere letterale, posto che le norme in materia di decadenza sono di natura eccezionale...

Leggi dopo

Trasferimento d'azienda e prosecuzione del rapporto di lavoro

10 Luglio 2018 | di Sabrina Apa

Corte d'appello Venezia

Trasferimento d’azienda

L’accordo sindacale di cui all'art. 47, comma 5, l. n. 428 del 1990, realizza un effetto dispositivo dei diritti individuali, autorizzato dalla legge, che abilita l’autonomia collettiva a rimuovere un quadro legale altrimenti inderogabile...

Leggi dopo

Dichiarazione di fallimento e accordi in deroga alla disciplina dell'art. 2112 c.c.: validi in quanto conformi alla legislazione comunitaria

16 Novembre 2017 | di Daniela Fargnoli

Tribunale Chieti

Trasferimento d’azienda

In caso di dichiarazione di fallimento, gli accordi in deroga alla disciplina dell’art. 2112 c.c., che ha sostanzialmente recepito l’art. 3 della direttiva 2001/23, sono perfettamente conformi alla legislazione comunitaria e dalla stessa consentiti. In base alla disciplina dettata dalla direttiva comunitaria, infatti, la distinzione tra procedure liquidatorie e procedure conservative può assumere rilevanza ...

Leggi dopo