Casi e sentenze

Casi e sentenze

Sospetto che dal pc aziendale del lavoratore sia partito un virus: lecito per il datore effettuare un controllo

27 Settembre 2021 | di La Redazione

Cass., sez. lav.

controlli a distanza

Consentiti i controlli tecnologici da parte del datore di lavoro per la tutela di beni estranei al rapporto di lavoro o a evitare comportamenti illeciti, in presenza di un sospetto fondato di un illecito, purché sia assicurato un corretto bilanciamento tra l’esigenza di protezione di beni e/o interessi aziendali e la libertà di iniziativa economica, rispetto alle imprescindibili tutele della dignità e della riservatezza del lavoratore.

Leggi dopo

Rifiuto di sottoporsi al vaccino da parte degli operatori di interesse sanitario e collocamento forzato in ferie

27 Settembre 2021 | di Sabrina Apa

Tribunale Asti

Diritti ed obblighi lavoratore

Ai sensi dell'art. 2109 c.c., il potere di stabilire il momento di godimento delle ferie è assegnato al datore di lavoro, fermo restando che il suo esercizio implica il bilanciamento degli interessi imprenditoriali e del lavoratore e che esso deve compiersi secondo buona fede...

Leggi dopo

Procedimento disciplinare e documentazione aziendale relativa all'incolpazione del lavoratore

27 Settembre 2021 | di Sabrina Apa

Corte appello Venezia

Licenziamento disciplinare

L'art. 7 della L. n. 300/1970 non prevede, nell'ambito del procedimento disciplinare, l'obbligo per il datore di lavoro di mettere a disposizione del lavoratore incolpato la documentazione aziendale relativa all'incolpazione “restando salva la possibilità per il lavoratore medesimo di ottenere, nel corso del giudizio ordinario di impugnazione del licenziamento irrogato all'esito del procedimento suddetto, l'ordine di esibizione della documentazione stessa...

Leggi dopo

Illegittimità del recesso del datore di lavoro dal CCNL prima della relativa scadenza

27 Settembre 2021 | di Sabrina Apa

Tribunale Asti

CCNL

Secondo la giurisprudenza di legittimità, la facoltà di recesso da un contratto collettivo va riconosciuta al datore di lavoro ove il contratto sia stipulato a tempo indeterminato e senza predeterminazione del termine di scadenza, atteso che il contratto stesso non può vincolare per sempre tutte le parti contraenti, altrimenti vanificandosi la causa e la funzione sociale della contrattazione collettiva...

Leggi dopo

La decisione in ordine alla cessazione dell’attività d’impresa deve formarsi nell’ambito del costante confronto tra datore di lavoro e sindacato

23 Settembre 2021 | di Isabella Seghezzi

Tribunale Firenze

Condotta antisindacale

Integra la nozione di condotta antisindacale l’omissione da parte dell’impresa, nell’ambito della delicata fase di consultazione precedente alla cessazione totale dell’attività produttiva, di comunicare ed informare il Sindacato circa l’andamento dell’azienda, anche segnalando il presentarsi delle condizioni che inducano la necessità di procedere a licenziamenti collettivi...

Leggi dopo

Funzione del trattamento ordinario di integrazione salariale

20 Settembre 2021 | di Sabrina Apa

Tribunale Roma

Cassa Integrazione Guadagni

L'istituto dell'integrazione salariale ordinaria (CIGO) integra o sostituisce la retribuzione dei lavoratori a cui è stata sospesa o ridotta l'attività lavorativa per situazioni aziendali dovute a eventi transitori e non imputabili all'impresa o ai dipendenti...

Leggi dopo

Schema del contratto d'appalto e individuazione del datore di lavoro nel soggetto che utilizza la prestazione lavorativa

20 Settembre 2021 | di Sabrina Apa

Tribunale Roma

Appalto

Il criterio discretivo per individuare una legittima dissociazione tra formale datore di lavoro e sostanziale utilizzatore delle prestazioni lavorative è la riconduzione della fattispecie concreta alle ipotesi normativamente tipizzate. E' onere del datore di lavoro, sia quello formale che sostanziale, dimostrare la sussistenza di una genuina intermediazione di manodopera (che consista in un contratto di appalto di servizi ovvero in un contratto di somministrazione).

Leggi dopo

Sospensione della attività lavorativa e ricorso alla CIG, non sussiste un periculum in mora per il lavoratore

16 Settembre 2021 | di Marta Filippi

Tribunale Roma

Cassa Integrazione Guadagni

Laddove il periculum in mora sia costituito dal pregiudizio della lesione di diritti aventi natura economica, essendo gli stessi sempre riparabili, il ricorrente deve dimostrare come la riparazione postuma degli stessi non sia in grado di permettere il ripristino integrale del bene primario personale leso sia attraverso il recupero della situazione precedente sia attraverso il risarcimento del danno...

Leggi dopo

Inesattezza degli estratti conto previdenziali e danno da inadempimento contrattuale

13 Settembre 2021 | di Sabrina Apa

Corte appello Trento

Contributi previdenziali

In tema di estratti conto previdenziali il Collegio richiama l'orientamento della giurisprudenza di legittimità secondo cui “I documenti rilasciati dall'Istituto, provenendo da un ente pubblico, devono sempre reputarsi idonei a ingenerare, in chi li riceve, un legittimo affidamento circa l'esattezza e la correttezza dei dati forniti...

Leggi dopo

Applicabilità ai lavoratori a progetto dell'APE sociale

13 Settembre 2021 | di Sabrina Apa

Corte appello Trento

CO.CO.CO.

La giurisprudenza di merito, pur senza la necessità di pervenire ad una dichiarazione di incostituzionalità per irragionevolezza della norma, è orientata ad un'interpretazione estensiva dell'art. 2116 c.c...

Leggi dopo

Pagine